Accelerare l’adozione del digitale potrebbe portare 251 miliardi di valore aggiunto entro il 2030. Lo studio di AWS

da Hardware Upgrade :

Puntare sulla trasformazione digitale farebbe molto bene all’economia del Paese. Secondo un rapporto commissionato da AWS e realizzato da Public First, accelerando l’adozione del digitale in Italia si potrebbero sbloccare 251 miliardi di euro di valore aggiunto entro il 2030. L’equivalente del 16% dell’attuale PIL. 

Lo stato del digitale in Italia: l’analisi di AWS

decennio digitale

Uno dei motivi per cui il digitale potrebbe portare parecchi miliardi di valore aggiunto è che l’Italia è ancora indietro nell’adozione di tecnologie considerate chiave come cloud, intelligenza artificiale, big data e non solo. Se il cloud è stato adottato dal 39% delle imprese del Bel Paese, per l’IA siamo fermi al 18% e va ancora peggio se si guarda all’utilizzo dei big data, sfruttati dal 9% delle aziende. Bassa anche l’adozione di soluzioni come CRM, ERP e di contabilità online, che secondo l’hyperscaler potrebbero incrementare la produttività di una percentuale compresa fra il 10% e il 25%.

AWSimage

Partendo da questi dati, è facile comprendere come una maggiore adozione di questi strumenti potrebbe dare una spinta alla produttività e ai fatturati. Lo studio stima che incrementando del 10% l’adozione del solo cloud, si porterebbero 8,9 miliardi di valore aggiunto all’economia italiana.

Il problema delle competenze

Il principale scoglio per la trasformazione digitale del Paese è legato alla carenza di competenze, come più volte sottolineato. L’obiettivo dell’UE è quello di garantire competenze digitali di base all’80% della popolazione del Vecchio Continente entro il 2030 ma, con l’attuale ritmo di evoluzione, si tratta di un traguardo irraggiungibile per l’Italia. Attualmente, infatti, a possedere competenze di base in questo ambito è solamente il 42% della popolazione e negli ultimi cinque anni la prevalenza complessiva delle competenze digitali di base è diminuita di 1,8 punti percentuali. Nel 2030, insomma, non solo non raggiungeremo il target dell’80%, ma rischiamo di scendere sotto l’attuale 40%. 

AWS Competenz

Un problema per le imprese: secondo l’analisi, il 38% delle aziende intervistate ha dichiarato che la difficoltà a reperire persone ha rallentato la crescita e, nel 22%, rallentato lo sviluppo di nuove tecnologie. 

Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Sotto il profilo della trasformazione digitale della PA l’UE è un esempio a cui guardare, essendo il Vecchio Continente leader a livello globale. In Italia, però, siamo ancora indietro e abbiamo raggiunto solamente il 69% dell’obiettivo fissato dall’UE per i servizi pubblici digitali. Secondo il report di AWS, se solo il 10% dei servizi pubblici fosse spostato sul cloud, si potrebbero risparmiare 87 milioni di euro ogni anno. 

I cittadini, tra l’altro, sembrano favorevoli a una maggior presenza del digitale e il 62% degli italiani dichiara di essere favorevole anche alla digitalizzazione delle cartelle cliniche, mentre il 57% è d’accordo sull’idea di confermare la propria identità online.  

Source link