Da Wired.it :

L’azienda di pagamenti digitali Stripe si avvia a diventare la piattaforma principale per le transazioni su Amazon, dopo che le due compagnie hanno firmato un nuovo accordo globale che ne rafforza ulteriormente la storica partnership. Grazie a questa maggiore integrazione, Stripe potrà contare su un uso privilegiato delle suite di Amazon web services, fornitore di infrastrutture in cloud, per gestire e far crescere il volume delle sue operazioni.

Amazon ha iniziato a usare Stripe nel 2017, per accelerare l’espansione del mercato in Asia e in Europa e per supportare i milioni di acquisti del Prime day, del Black friday e del Cyber monday in tutto il mondo. Con il nuovo accordo, l’uso di Stripe verrà ampliato significativamente anche per i pagamenti negli Stati Uniti e in Canada.

Inoltre, Stripe verrà usato in tutte le unità commerciali di Amazon, prendendo in carico la gran parte delle transazioni totali dell’azienda, relative a Prime, Audible, Kindle, Amzon pay, Buy with prime e altre attività. Per riuscire a gestire questa mole di dati, Stripe amplierà l’uso di Amazon web services, per allargare ulteriormente la propria attività.

Stripe si affida da tempo ad Amazon web services per fornire l’infrastruttura di calcolo principale su cui è costruita la piattaforma. In base all’accordo odierno, Stripe andrà a espandere il proprio uso di Amazon web services, l’intera suite di servizi offerti, tra cui Graviton per l’efficienza e le prestazioni nell’elaborazione dei dati e Nitro per migliorare la sicurezza dei dati.

“Stripe è sempre stato un partner fidato, che ha contribuito ad accelerare il nostro business in ogni momento” ha dichiarato Max Bardon, vicepresidente dei pagamenti di Amazon. “In particolare, apprezziamo l’affidabilità di Stripe. Anche durante i giorni di punta come il Prime Day, il Black Friday e il Cyber Monday, Stripe offre tempi di attività leader nel settore. Apprezziamo l’impegno incessante di Stripe nel mettere gli utenti al primo posto”, ha concluso Bardon.



[Fonte Wired.it]