Amazon multerà chi spedisce pacchi troppo grossi


Se si supereranno le dimensioni si dovranno pagare quasi due euro, mentre se si rispetteranno le richieste si riceverà un piccolo credito

truffa_amazon_sms
(Foto: Sean Gallup/Getty Images)

Capita prima o dopo a tutti di ricevere un pacco da Amazon mezzo vuoto, con dentro un oggetto che poteva entrare comodamente in tasca. Il gigante dell’ecommerce ha però pronto un nuovo regolamento che diventerà ufficiale e effettivo dal prossimo 3 settembre (inizialmente era previsto per oggi 1 agosto) e che punirà con una multa i venditori che esagereranno con le dimensioni degli scatoloni per le spedizioni.

Il tutto rientra nel progetto che mira a sposare una migliore gestione delle risorse, diminuendo gli sprechi e i costi evitabili come ingombro e peso non necessario di pacchi fuori misura. Dando una mano anche all’ambiente, anche se è evidente che la prima necessità è economica.

Parte del progetto soprannominato Frustration-Free Packaging Program, per garantire ai compratori imballaggi che siano minimalisti, adeguatamente protettivi e funzionali al contenuto. Il metodo sarà quello del bastone e della carota, come riportato dal Wall Street Journal. Da un lato una multa di 1,99 dollari (circa 1,8 euro) per ogni pacco troppo grosso e dall’altro una ricompensa di 1 dollaro (90 centesimi circa) per chi rispetterà le nuove direttive.

Con i margini piuttosto ristretti di guadagno dei venditori di terze parti potrebbe risultare una normativa che renderà ancora più complessa la loro sopravvivenza. Di certo era però una mossa necessaria vista la necessità di ottimizzare tutto ciò che gira attorno alle spedizioni.

Chissà se Amazon utilizzerà mai le tecnologie che ormai da anni il suo corrispettivo Alibaba (con la società di spedizioni Cainiao) adotta con proficuità. Come vi abbiamo raccontato già nel 2016, infatti, grazie a realtà aumentata e algoritmi pre-impostati, la scelta delle scatole viene ottimizzata in funzione degli oggetti che dovranno contenere, a vantaggio di ambiente e spese di gestione.

Potrebbe interessarti anche





Source link