Apple Watch 2022 Series 8, recensione definitiva. Tutte le funzioni, le impressioni, i confronti


Dopo la prova di iPhone 14 Pro Max è arrivato il momento di testare un’altra importante novità di prodotto annunciata da Apple durante l’evento di settembre: stiamo parlando di Apple Watch Series 8, che abbiamo avuto modo di testare a fondo per oltre un mese. Ecco tutte le caratteristiche e le nostre impressioni.

Apple Watch: le caratteristiche principali

Apple Watch Series 8 visto “da fuori” è molto simile al suo modello precedente: è leggero e comodo da indossare, risulta elegante e offre un’ampia scelta di quadranti e cinturini. Resistente all’acqua fino a 50 metri e alla polvere (con certificazione IP6X), ha un peso che si aggira (in base al modello) tra i 32 e i 50 grammi e un lato posteriore realizzato in ceramica e zaffiro. Abbiamo trovato il display sempre molto luminoso e ben leggibile sotto la luce diretta del sole. A livello di batteria nelle nostre prove abbiamo caricato Apple Watch al mattino appena svegli e l’abbiamo utilizzato tutto il giorno e anche la notte per il monitoraggio del sonno, arrivando al mattino successivo con una carica residua che si aggira tra il 10 e il 20%, dopo una giornata con in media un allenamento e l’utilizzo di molte notifiche e molte app. Nella nostra prova Apple Watch si ricarica da completamente scarico al 100% in poco più di un’ora e cinque minuti (in mezz’ora arriva a circa il 40% di batteria). Presente anche una nuova funzionalità di risparmio energetico in grado di estendere la durata della batteria di oltre trenta ore (utile ad esempio se trascorriamo la notte fuori casa senza avere con noi il caricabatterie o se dobbiamo affrontare un lungo volo in aereo): la modalità mantiene attive alcune funzioni (come il monitoraggio delle attività o delle cadute) mentre ne disattiva altre (come il display sempre attivo o le misurazioni di ossigeno nel sangue o della frequenza del battito cardiaco). 

Apple Watch: il rilevamento degli incidenti e l’impatto sull’ambiente

Una delle novità principali di Apple Watch Series 8 è il rilevamento degli incidenti, e funziona in maniera del tutto simile a quello che già abbiamo visto su iPhone 14 Pro. Grazie a un nuovo sensore di movimento, a un giroscopio migliorato e ad algoritmi “allenati” a riconoscere gli incidenti stradali, la modalità di rilevamento incidenti è in grado di capire se la persona che ha al polso l’orologio è rimasta coinvolta in un incidente, e quindi chiamare automaticamente i servizi di emergenza: Apple Watch chiederà prima una conferma che siamo coscienti; in alternativa chiamerà i soccorsi comunicando anche la posizione esatta in cui ci troviamo mandando una notifica anche ai nostri contatti di emergenza. A contribuire al rilevamento vi sono moltissimi dati come la velocità e un’eventuale rapida decelerazione dal GPS, la rilevazione di un cambio repentino nella pressione dell’abitacolo a causa dell’entrata in funzione degli airbag dal barometro mentre ovviamente il microfono può rilevare rumore di frenata o di vetri rotti. Anche i nuovi Apple Watch sono stati progettati, spiegano da Apple, per minimizzare l’impatto sull’ambiente: l’alluminio è riciclato al 100% così come il tungsteno presente nel motorino per la vibrazione, le terre rare dei magneti e l’oro nella placcatura delle schede.

Apple Watch: il monitoraggio della salute e quello dello sport

leggi anche

Apple, tutte le novità per il Natale 2022

La maggior parte delle persone che utilizzano Apple Watch lo fanno per monitorare il proprio stato di salute e le proprie attività sportive. E proprio in questo campo ci sono le maggiori novità. La prima di cui vogliamo parlare lavora, al momento, un po’ in sordina: è il sensore per il rilevamento della temperatura corporea. Abbiamo scritto “in sordina” perché Apple Watch al momento non fornisce un menu attraverso il quale potersi misurare la febbre, cosa che sicuramente sarebbe stata utile e interessante. Il motivo è presto detto: il sensore, almeno per il momento, non serve a misurare la febbre: serve invece soprattutto di notte, quando Apple Watch è in grado di misurare la temperatura del polso ogni 5 secondi. Si tratta, spiegano da Cupertino, di un importante indicatore perché durante il sonno i vasi sanguigni si dilatano aumentando l’afflusso di sangue proprio verso gli arti. Proprio queste rilevazioni danno la possibilità, attraverso l’app Salute su iPhone, di monitorare i cambiamenti della propria temperatura giorno dopo giorno, che potrebbero offrire dei dati preziosi per monitorare eventuali malesseri. Il dato è molto utile anche per la salute femminile perché può fornire stime e retrospettive sull’ovulazione, fornendo anche una finestra temporale che permette di calcolare le possibilità di concepimento. La misurazione della temperatura avviene in realtà attraverso due sensori: uno sotto il cristallo inferiore – dunque a contatto con la pelle – uno sotto il display, e l’utilizzo di un doppio strumento permette di ridurre le rilevazioni falsate causate dall’ambiente circostante. 

 

Tra le altre novità, migliora l’app Allenamento, nella corsa, ad esempio, prendendo spunto dai consigli degli atleti, offre numerose statistiche in più, riferite sia all’allenamento sia al recupero. Infine c’è una novità per gli amanti dell’avventura grazie a una nuova e migliorata app per la bussola: è possibile impostare un punto di riferimento nel posto in cui ci troviamo (tenda, rifugio ma anche macchina, per ritrovare l’auto in un grande parcheggio) e tramite l’opzione “Torna sui tuoi passi” è possibile grazie alla registrazione GPS ripercorrere a ritroso il percorso fatto, riducendo così le possibilità di perdersi magari in grandi spazi aperti. Rimangono, ovviamente, tutte le funzioni introdotte con gli Apple Watch delle serie precedenti: tra queste l’app per effettuare un elettrocardiogramma direttamente dal polso, quella per il monitoraggio del livello di ossigeno nel sangue, le notifiche per battito cardiaco irregolare, il monitoraggio del livello di rumore o del ciclo mestruale.

Apple Watch: verdetto, disponibilità e prezzi

Apple Watch dunque si innova nella tradizione, rimanendo un ottimo smartwatch sia per il monitoraggio della salute che dello sport sia per l’interazione con lo smartphone, aggiungendo funzionalità innovative. Confermiamo, dunque, il giudizio dato anche nelle recensioni delle precedenti versioni: nonostante la concorrenza proponga tante valide alternative si tratta del compagno di viaggio ideale per chi ha un iPhone. Moltissimi i modelli: è possibile scegliere tra cassa da 41 o da 45 millimetri, connessione Wi-Fi o Wi-Fi + linea cellulare, finitura in alluminio o acciaio inossidabile. Prezzo di partenza 509 euro. 

Pro e Contro

PRO

  • Funzionalità e sistema operativo
  • Nuove funzionalità di monitoraggio salute e rilevamento incidenti

CONTRO

  • La batteria, caricata al mattino, va ricaricata il mattino successivo
  • Il sensore di rilevamento della temperatura al momento non offre un’app in grado di dirci se abbiamo la febbre



fonte : skytg24