Benessere digitale, l’Italia al 19° posto nella classifica mondiale


Viviamo in un mondo sempre più connesso: è una certezza. La rete internet e le comunicazioni, negli anni, hanno facilitato le nostre vite, consentendo di mettere in contatto migliaia di persone nello stesso momento in posti lontani. Durante il periodo della pandemia lo abbiamo capito ancora meglio: internet è diventato un vero e proprio diritto primario, a cui non si può rinunciare. La rete e l’accessibilità delle connessioni sono divenute, pertanto, beni essenziali. E dalla loro qualità si può comprendere anche il livello di benessere raggiunto in un determinato Paese.

La classifica

Proprio per questo, ogni anno viene stilata una classifica che indicizza 117 Paesi del mondo analizzando diversi elementi della vita digitale: l’accessibilità e la qualità di Internet, l’infrastruttura digitale, la sicurezza e l’amministrazione digitale. A realizzare questo ranking c’è Surfshark, società olandese che fornisce servizi VPN. 

L’Italia guadagna posizioni

Come si posizione l’Italia nella classifica del benessere digitale? Nel 2022, il nostro Paese ha conquistato il 19° posto a livello internazionale, salendo di ben otto posizioni rispetto allo scorso anno (era alla posizione numero 27). Tra i paesi europei, invece, è al 14° posto (meglio di noi, i cugini tedeschi e francesi). Tra i motivi di questa crescita, spicca la migliore velocità delle connessioni mobili: rispetto al 2021, la rete sugli smartphone è molto più rapida (+18,4%). È evidente: le infrastrutture delle reti mobili stanno migliorando, complice anche l’arrivo della nuova rete 5G nelle grandi città e nelle zone rurali, che promette una minore latenza e un ping più basso. Anche la rete fissa migliora, con la velocità della banda larga italiana che balza a un +19,3%.

Globalmente, la qualità dell’internet tricolore – tendendo conto di velocità, stabilità e crescita – è migliore del 10% rispetto alla media internazionale.

Per quanto riguarda l’accessibilità della rete, il nostro Paese si colloca 12° posto nel mondo (meglio di noi, gli israeliani, che impiegano molto meno tempo per acquisire un pacchetto da 1 GB). 

Come vanno gli altri Paesi?

Primo in classifica c’è Israele. Il Paese, che vanta infrastrutture di connessione all’avanguardia, è avanti a tutti per qualità e velocità della rete. Seconda la Danimarca, che è anche la migliore di tutti i Paesi europei. Medaglia di bronzo per la Germania. Al quarto e quinto posto si posizionano Francia e Svezia. Ultimi della classifica Repubblica Democratica del Congo, lo Yemen, l’Etiopia, il Mozambico e il Camerun: in quelle regioni del mondo il digital divide è un problema ancora troppo evidente.



fonte : skytg24