Blue Origin ha completato la sua sesta missione spaziale, non orbitale, con equipaggio

da Hardware Upgrade :

Era l’inizio di giugno quando la società di Jeff Bezos, Blue Origin, completò la sua quinta missione con equipaggio (NS-21). L’estate non ha fermato i lanci tanto che solo pochi giorni fa c’è stata anche la sesta missione non orbitale con equipaggio sfruttando un razzo New Shepard (NS-22) e relativa capsula riutilizzabile. Continua così il business del turismo spaziale sub-orbitale che consente di raccogliere fondi per quello ben più remunerativo (e complesso) dei lanci spaziali orbitali con vettori come New Glenn, in fase di realizzazione.

Blue Origin ha annunciato che il lancio è avvenuto con successo portando oltre i 100 km di quota i passeggeri e quindi varcando idealmente la linea di Kármán che per convenzione internazionale segna l’inizio dello Spazio. Per la missione NS-22 l’equipaggio pagante era composto da Coby Cotton, Mário Ferreira, Vanessa O’Brien, Clint Kelly III, Sara Sabry e Steve Young. Un nuovo successo per Bezos (mentre si guarda ai progressi del suo lanciatore pesante).

Blue Origin NS-22: la missione con equipaggio ha avuto successo

Secondo quanto riportato dalla società, con la missione NS-22 si sono aggiunti tre nuovi “record” o “prime volte”: per esempio Sara Sabry è diventata la prima egiziana a raggiungere lo Spazio così come Mário Ferreira è il primo portoghese ad arrivare allo stesso risultato. Vanessa O’Brien è la prima donna a riuscire a scalare il Monte Everest, arrivare nelle profondità oceaniche nella zona della Challenger Deep e a superare la linea di Kármán per quanto riguarda lo Spazio. Questo ha consentito a O’Brien di completare la Explorers’ Extreme Trifecta.

blue origin

Phil Joyce (SVP di New Shepard) ha dichiarato “è passato poco più di un anno dal primo volo umano di New Shepard e ora abbiamo fatto volare 31 esseri umani sopra la linea di Kármán. Grazie a questi primi pionieri che ci hanno aiutato a realizzare la nostra visione di milioni di persone che vivono e lavorano nello Spazio a beneficio della Terra”.

blue origin

I dati ufficiali riportati da Blue Origin parlano di una durata complessiva della missione pari a 10 minuti e 20 secondi. La massima velocità di salita è stata pari a 3603 km/h mentre questo è stato il 23° atterraggio con successo di una capsula New Shepard (il 100% di successo, compreso il test di sicurezza del 2012). In particolare il primo stadio impiegato per NS-22 ha eseguito otto atterraggi con successo.

blue origin

La massima altitudine raggiunta è stata pari a 107 km sul livello del mare (106 km dalla superficie). La partenza è avvenuta il 4 agosto 2022 alle 15:56:07 mentre l’atterraggio è avvenuto alcuni minuti dopo, alle 16:06:27 (entrambe ora italiana). In generale la missione è stata “una fotocopia” delle precedenti mostrando come il sistema sia ormai collaudato e che comunque la richiesta per questa esperienza (per quanto non orbitale) è presente. Sabry ha dichiarato dopo l’atterraggio che “è stato oltre ogni altra cosa che posso esprimere le parole. Ad essere onesta, non mi aspettavo che fosse così emozionante” mentre un passeggero del volo ha aggiunto durante la discesa “non stiamo per morire”.

Idee regalo,
perch perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!


Source link