Cambio rotta verso la mobilità elettrica: per i fornitori l’era del termico sta già finendo

da Hardware Upgrade :

Bosch sta rapidamente cambiando il proprio modo di lavorare per andare incontro alle esigenze del mercato automotive elettrico; come riportato da Electrek, lo stabilimento di Charleston, nella Carolina del Sud, permette di toccare con mano il frutto di numerosi e cospicui investimenti che l’azienda ha sostenuto negli anni scorsi per risultare all’altezza delle aspettative dei suoi clienti.

Lavoratori altamente qualificati lavorano fianco a fianco con metodi di produzione dell’industria 4.0, con intelligenza artificiale, laser di precisione, robotica e tutto quello che la tecnologia di ultima generazione è in grado di offrire per assemblare componenti critici per l’industria automobilistica dei veicoli a zero emissioni e per rispondere alle alte aspettative dei clienti, fra i quali Bosch può annoverare aziende altamente innovative come Tesla e Rivian.

Alt

Come ha spiegato il presidente di Bosch in Nord America, Mike Mansuetti, l’industria automobilistica si sta “evolvendo rapidamente” verso i veicoli elettrici ed è necessario che tutti risultino al passo coi tempi. “Abbiamo investito più di 6 miliardi di dollari nello sviluppo dell’elettromobilità e nel 2021 i nostri ordini globali per questo settore hanno superato i 10 miliardi di dollari per la prima volta. La produzione locale aiuta a far avanzare e strategie di mercato dei nostri clienti all’interno della regione e sostiene ulteriormente la domanda del mercato dell’elettrificazione.”

Non solo; dal momento che avere due linee produttive totalmente diverse è un enorme dispendio di soldi ed energia, nel gennaio 2020 Bosch ha annunciato che avrebbe iniziato a rallentare la produzione dei suoi componenti del gruppo propulsore diesel per concentrarsi su soluzioni sostenibili. La conseguenza più diretta di questa decisione e che oggi quella parte di quello stabilimento è utilizzato per costruire motori elettrici per il Rivian R1T.

Alt

Le aziende automaker ricoprono un ruolo di rilievo nell’economia statunitense, contribuendo a circa il 2,5% del PIL. Poiché le quote di vendita di veicoli elettrici continuano a guadagnare terreno nel mercato della mobilità, la forza lavoro dovrà essere in grado di supportare la transizione, esattamente quello su cui sta investendo Bosch.

Si prevede che l’espansione, da 260 milioni di dollari, della prima azienda fornitrice da creerà 350 nuovi posti di lavoro netti entro il 2025, contraddicendo coi fatti chi sostiene che questa transizione porterà a un aumento della disoccupazione.

Per posizionarsi per il futuro nel settore automobilistico, Bosch sta collaborando con scuole locali a Charleston, come il Trident Technical College, per integrare l’istruzione sui veicoli elettrici nel curriculum; inoltre la sua fondazione aziendale, The Bosch Community Fund, ha fornito 2,5 milioni di dollari in iniziative di istruzione STEM nell’area di Charleston dal 2013.


Source link