Come vendere abbigliamento online | Salvatore Aranzulla


Sei letteralmente sommerso da abiti che non metti più, ma l’idea di buttarli via proprio non ti va giù? Hai ritrovato alcuni vestiti ai quali è ancora appiccicato il tagliando di vendita, sai già che non li indosserai mai ma non hai la benché minima intenzione di cederli a costo zero?

In casi come questi, potrebbe tornarti utile un sistema di vendita abbigliamento online: esistono, infatti, numerose piattaforme di questo tipo, dedicate a privati e professionisti del settore che consentono di mettere in vendita capi d’abbigliamento nuovi e usati, in modo facile e, talvolta, gratuito.

Nel corso di questa guida ti spiegherò, per l’appunto, come vendere abbigliamento online servendoti di piattaforme simili: per ciascuna di esse, avrò cura di indicarti il costo da sostenere per pubblicare un’inserzione (se previsto) e la commissione applicata a vendita conclusa (se prevista), in modo da consentirti di scegliere la piattaforma più adatta alle tue esigenze ma, soprattutto, alle tue tasche. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Siti per vendere abbigliamento online

Contrariamente a quanto si possa pensare, la vendita di abiti online non è subordinata al possesso di una partita IVA o, quantomeno, di un’attività di vendita professionale. Alcuni siti Web, entro certi limiti, consentono infatti di vendere (e rivendere) abiti e complementi d’abbigliamento anche ai venditori non professionisti: di seguito ti illustro alcuni dei più noti e funzionali store di questo tipo.

Etsy

Siti per vendere abbigliamento online

Se ti interessa vendere online abiti vintage oppure capi di abbigliamento realizzati da te, puoi sicuramente prendere in considerazione Etsy. Se non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di una piattaforma di compravendita online (disponibile anche per Android, iOS e iPadOS, sotto forma di app), pensata per la vendita di prodotti vecchi di almeno 20 anni oppure fatti a mano.

Ogni inserzione pubblicata dal venditore ha un costo di 0,20$ (0,17€, in base al tasso di cambio vigente al momento) e, per ciascuna vendita andata a buon fine, viene applicata una commissione fissa del 5%.

Per usare Etsy, collegati al suo sito ufficiale e clicca prima sulla voce Accedi visibile in alto a destra e poi sul bottone Registrati, che compare nella schermata successiva. In seguito, compila i campi proposti con le informazioni richieste (Indirizzo email, Nome e Password) e clicca sul pulsante Registrati, per creare e accedere al tuo account.

A registrazione completata, puoi subito aprire un tuo negozio personale: per farlo, clicca dunque sulla voce Vendere su Etsy situata nel menu superiore, premi sul pulsante Apri il tuo negozio su Etsy e inserisci le informazioni richieste, a seconda della tipologia di store virtuale che vuoi aprire, nella sezione Preferenze del negozio.

Ora dai un nome al negozio, indicandolo nell’apposito campo, e utilizza la sezione Rifornisci il tuo negozio per “riempire” quest’ultimo di prodotti. Fai clic sulla voce Aggiungi inserzione, indica le caratteristiche dal bene da mettere in vendita negli appositi campi e clicca sul pulsante Salva e continua.

Subito dopo la creazione della prima inserzione, ti verrà chiesto di specificare i dati di fatturazione e quelli bancari: ultimata anche quest’ultima operazione, clicca sul pulsante Apri il tuo negozio, per aprire lo store e pubblicare l’inserzione realizzata poc’anzi.

Ogni volta che vorrai aggiungere nuovi annunci, dovrai semplicemente cliccare sulla voce Inserzioni (a sinistra) e poi sul bottone Aggiungi inserzioni. Per approfondimenti, ti rimando alla lettura della mia guida su come vendere su Etsy, nella quale ti ho fornito tutte le delucidazioni del caso.

Vestiaire Collective

Siti per vendere abbigliamento online

Qualora volessi invece liberarti di abiti di marca, puoi prendere in considerazione la piattaforma Vestiaire Collective, disponibile anche sotto forma di app per Android, iOS e iPadOS: gli annunci di vendita possono essere pubblicati gratuitamente e, per ogni transazione andata a buon fine, viene applicata una commissione fissa di 15€ per articoli fino a 150€. Per beni di importo superiore, il costo della commissione può variare dal 20% al 25%.

Per iniziare a vendere su Vestiaire Collective, recati sulla home page del servizio e clicca sulla voce Iscriviti collocata in alto a destra. Ora, immetti il tuo indirizzo email nell’apposito campo, premi sul bottone Unisciti alla community e inserisci le informazioni richieste nei campi Password, Nome, Categoria preferita e Paese.

Infine, accetta le condizioni d’uso del servizio, apponendo il segno di spunta nell’apposita casella, e clicca sul pulsante Unisciti alla community per ultimare la creazione dell’account e accedere al sito. Se preferisci, puoi velocizzare il tutto iscrivendoti con Facebook, mediante l’apposito pulsante visibile su schermo.

Ad accesso effettuato, fai clic sul pulsante Vendi un articolo, specifica il reparto, la categoria e la marca del bene che ti appresti a mettere in vendita e clicca sul pulsante Continua.

Dopodiché utilizza il nuovo modulo che va ad aprirsi, per inserire tutti i dati aggiuntivi relativi all’abito (foto, descrizione, condizioni, prezzo e così via) e, quando hai finito, clicca sui pulsanti Conferma e , per pubblicare l’inserzione.

Altri siti per vendere abbigliamento online

Siti per vendere abbigliamento online

Hai letto con attenzione quanto spiegato finora ma, sfortunatamente, le piattaforme che ti ho indicato non vanno esattamente incontro alle tue esigenze? In questo caso, ti consiglio di prendere visione della mia guida specifica dedicata ai siti per vendere vestiti, nella quale ti ho suggerito altre piattaforme da poter usare per lo scopo. Sono sicuro che ti tornerà molto utile!

Inoltre, se hai un’attività tua, ti segnalo la possibilità di creare un ecommerce su Shopify, un servizio usato da oltre 1.000.000 di negozi in tutto il mondo che permette di creare negozi online in pochi clic, anche senza avere conoscenze in ambito di programmazione. Include hosting e banda illimitati, un nome di dominio gratuito shopify.com (con la possibilità di acquistarne uno personalizzato) e strumenti per gestire ogni aspetto del negozio: ordini, pagamenti, check-out, spedizioni e molto altro ancora. Maggiori info qui.

App per vendere vestiti online

Se non disponi di un computer, oppure se preferisci mettere in vendita abiti e complementi d’abbigliamento usando lo smartphone o il tablet, sappi che esistono numerose applicazioni — associate ad altrettante piattaforme online — che possono aiutarti nell’impresa: di seguito te ne elenco alcune.

eBay

App per vendere vestiti online

Sicuramente conoscerai la piattaforma eBay, una delle migliori per acquistare oggetti di qualsivoglia tipo (abbigliamento incluso), ma anche per venderli! Il servizio di vendita, però, non è gratuito: un venditore non professionale (senza negozio) può usufruire di un massimo di 150 inserzioni gratuite al mese, nei formati Compralo subito e Asta online. Ciascuna inserzione aggiuntiva ha un corso pari a 0,35€.

Ciascuna inserzione, inoltre, prevede la disponibilità di servizi aggiuntivi a pagamento: l’asta online con opzione compralo subito costa 0,35€ per inserzione, mentre le inserzioni programmate e le inserzioni disegnate “a mano” hanno un costo di 0,20€.

In caso di vendita, eBay trattiene una commissione pari al 10% del valore della transazione (spese di spedizione escluse), fino a un massimo di 200€. Se il pagamento avviene tramite PayPal, quest’ultimo ha la facoltà di applicare commissioni aggiuntive (maggiori info qui).

Per poter vendere su eBay, scarica l’app per Android (disponibile sul Play Store e su market alternativi) oppure iOS/iPadOS, eseguila ed effettua l’accesso inserendo le credenziali del tuo account. Se non ne disponi, puoi crearne subito uno gratuito, attenendoti alle indicazioni che ti ho fornito in questo tutorial.

Ad accesso effettuato, fai tap sul pulsante ☰ visibile nell’angolo superiore sinistro dell’app, tocca la voce Vendi collocata nel menu che compare e inizia a creare la tua inserzione, facendo tap sul pulsante Vendi un oggetto.

Ora, immetti una parola chiave che descriva sommariamente il bene da vendere (ad es. abito da sera), tocca la lente d’ingrandimento per associarlo alla categoria esatta, fai tap sulla voce Crea una nuova inserzione e procedi compilando il modulo proposto con le informazioni richieste: condizione del bene, informazioni descrittive (ad es. foto, categoria, marca, taglia, prezzo e così via) e modalità d’acquisto (asta online, compralo subito oppure asta online + compralo subito).

Infine, dai uno sguardo al riquadro inferiore per ottenere indicazioni sulle spese da sostenere per pubblicare l’inserzione, tocca il pulsante Anteprima per vedere un’anteprima dell’annuncio e, quando sei pronto, sfiora il pulsante per mettere in vendita l’oggetto, in modo da pubblicare l’inserzione.

Se hai bisogno di una mano in più nel portare a termine i passaggi che ti ho appena indicato, da’ pure uno sguardo alla mia guida dedicata alla vendita su eBay, nella quale ho trattato l’argomento con dovizia di particolari.

Depop

Come vendere abbigliamento online

Depop è un’altra valida piattaforma di compravendita online, disponibile sotto forma di app per Android (anche per dispositivi non dotati di servizi Google) e iOS e iPadOS: sebbene non sia esplicitamente dedicata ai vestiti, essa consente di mettere in vendita abiti nuovi e usati. Le inserzioni possono essere pubblicate gratuitamente, ma viene trattenuta una commissione pari al 10% del prezzo finale (comprensivo di spese di spedizione), alla quale va aggiunta la tariffa di pagamento prevista da PayPal.

Per iniziare subito a vendere, scarica l’app dallo store di riferimento del tuo dispositivo, aprila e tocca il pulsante Registrati, per creare un nuovo account: digita dunque il tuo numero di telefono nell’apposita casella di testo e fai tap sul segno di spunta, per passare alla fase successiva.

Ora, indica il codice di verifica che nel frattempo ti è stato inviato via SMS all’interno dell’apposito campo e, quando richiesto, immetti i dati necessari per concludere la creazione dell’account (nome, cognome, email, nome utente e password), dopodiché tocca il pulsante per iscriverti al servizio.

Ad accesso effettuato, sfiora l’icona della macchina fotografica presente in basso, fai tap sul pulsante Apri il tuo negozio ora e, quando richiesto, inserisci una foto descrittiva del nuovo “store” e specifica il tipo di oggetti che intendi vendere (nel tuo caso, abbigliamento).

Superato anche questo step, sfiora il pulsante Avanti e associa l’account PayPal sul quale ricevere il denaro proveniente dalla vendita dei tuoi beni: tocca dunque il pulsante Connetti PayPal, inserisci le tue credenziali d’accesso per quest’ultimo servizio e collegalo a Depop sfiorando i pulsanti Accedi e Accetta e continua. Se non possiedi un account PayPal, puoi crearlo gratuitamente seguendo i passaggi che ti ho illustrato in questa guida.

Per finire, concludi la creazione del negozio inserendo i tuoi dati di fatturazione, sfiora i pulsanti Avanti e Inizia a vendere.

Per creare subito un’inserzione, raggiungi la sezione In vendita, fai tap sul simbolo della macchina fotografica e inserisci le foto dell’abito che vuoi vendere e una descrizione di quest’ultimo. Completa quindi la scheda informativa indicando le restanti informazioni (luogo, categoria, taglia, quantità, consegna e prezzo), fai tap sul simbolo della freccia (per visualizzare un’anteprima dell’inserzione) e tocca il pulsante Conferma oggetto, per pubblicare l’annuncio. Tutto qui!

Altre app per vendere vestiti online

App per vendere vestiti online

Quelle che ti ho descritto nelle sezioni precedenti di questo capitolo sono soltanto alcune delle app per vendere vestiti online, ma certamente non le uniche: se cerchi altre opzioni interessanti, ti consiglio di prendere visione della mia guida completamente dedicata alle migliori applicazioni per la vendita di abbigliamento online. Mi raccomando, dalle almeno uno sguardo!

Come vendere vestiti online usati

“Liberare l’armadio!” è il mantra di questo periodo e, anziché buttar via gli abiti che non indossi più, preferiresti venderli o scambiarli online? In tal caso, ti torneranno sicuramente utili i portali Web che mi appresto a descriverti nelle battute successive di questo capitolo.

Vinted

Come vendere vestiti online usati

Vinted è una piattaforma di compravendita online, disponibile a livello europeo, espressamente dedicata alla vendita di articoli d’abbigliamento usati. Punto di forza di Vinted è la totale gratuità degli annunci: allo stato attuale delle cose, non sono previsti infatti per pubblicare inserzioni, né vengono applicate commissioni sulla vendita.

Il saldo proveniente dagli acquisti viene caricato nel “borsellino virtuale” del venditore quando l’acquirente conferma che l’articolo ricevuto è conforme alla descrizione, oppure due giorni dopo la consegna del bene; il saldo del borsellino può essere usato per effettuare acquisti su Vinted, oppure trasferito su un conto corrente.

Tieni presente che Vinted è una piattaforma dedicata, sia per l’acquisto che per la vendita, solo ed esclusivamente a consumatori e venditori non professionisti; eventuali infrazioni possono essere punite e sanzionate a norma di legge.

Per usufruire della piattaforma, collegati a questo sito Web, clicca sul pulsante Inizia a vendere e, se non o hai ancora fatto, iscriviti a Vinted mediante il tuo account Facebook, Google o Apple; in alternativa, puoi creare un nuovo profilo usando l’email: clicca dunque sulla voce Iscriviti, immetti le informazioni richieste nel modulo successivo (nome utente, email e password) e clicca sul pulsante Iscriviti, per creare un nuovo account.

Successivamente, clicca sul pulsante Verifica il tuo numero di telefono, immetti un numero di cellulare al quale hai accesso nell’apposito campo e concludi la verifica dell’identità, digitando, quando richiesto, il codice ricevuto tramite SMS.

A registrazione conclusa, dovresti subito ritrovarti nella schermata dedicata alla creazione di un nuovo annuncio; se così non fosse, clicca sul pulsante Vendi subito, visibile nella barra superiore della pagina.

Ora, utilizza il pulsante Carica le foto per inserire le foto dell’abito che vuoi vendere, specifica un titolo e una descrizione per l’annuncio e indica categoria, brand e condizione dell’oggetto in vendita. Successivamente, specifica il prezzo del bene, la tua eventuale disponibilità a scambiarlo e clicca sul pulsante Carica, per salvare l’inserzione. Se preferisci concluderla in un secondo momento, clicca invece sul pulsante Salva bozza.

Per visualizzare il saldo Vinted ed eventualmente trasferirlo su conto corrente, clicca sulla tua immagine del profilo situata in alto a destra e seleziona la voce Saldo, dal menu che compare. Per vedere tutte le inserzioni pubblicate, seleziona, sempre dallo stesso menu, la voce Profilo.

Qualora preferissi vendere da smartphone o tablet, ti faccio presente che Vinted è disponibile anche sotto forma di app per Android (sia sul Play Store che su market alternativi), iOS e iPadOS.

Svuotaly

Come vendere abbigliamento online

Un’altra soluzione da prendere in considerazione per vendere vestiti usati online è Svuotaly: un mercatino dell’usato che consente di vendere e acquistare beni di qualsiasi tipo, abiti inclusi, e che non applica commissioni né per la pubblicazione di nuove inserzioni, né per la vendita dei prodotti.

Per usufruirne, collegati al sito Internet del servizio, clicca sulla voce Registrazione collocata in alto e scegli se effettuare l’accesso tramite Facebook, usando l’apposito pulsante, oppure tramite email, indicando le informazioni necessarie (nome utente, indirizzo email e password) nel campo Registrazione con email.

Successivamente, indica alcune informazioni sul tuo abbigliamento preferito (taglia, numero scarpe, stile, colore) e su di te (anno di nascita, sesso, provincia e città) e clicca sul pulsante Salva e continua, per finalizzare il tutto.

Ad accesso effettuato, clicca sul pulsante Vendi visibile nella barra superiore e utilizza il pulsante Carica foto per caricare una o più foto (massimo 4) dell’abito che ti appresti a vendere. Indica dunque la categoria del bene (in questo caso, abbigliamento), il titolo dell’inserzione, la marca del prodotto e i dati aggiuntivi quali descrizione, genere e taglia.

Successivamente, specifica il prezzo di vendita, indica se sei disponibile o meno a scambiare l’oggetto e completa l’inserzione indicando il colore del bene, lo stile, la stagione consigliata, lo stato, il tipo di consegna e i costi di spedizione. Per concludere e pubblicare l’inserzione, clicca sul pulsante Inserisci. Gli annunci di vendita sono disponibili nella sezione Armadio, collocata nel menu superiore.

Ti faccio presente che, ogni 7 giorni, potrai riportare gratuitamente la tua inserzione in alto cliccando sull’opzione UP, visibile nella stessa.

Altri sistemi per vendere vestiti online usati

Vestiti usati

Nelle sezioni precedenti di questo capitolo, ti ho descritto quelli che, a mio modesto parere, sono alcuni dei più validi siti e app vendere vestiti usati online, ma devi sapere che non sono le uniche!

Nei miei approfondimenti dedicati ai siti per vendere abiti usati e alle app per vendere vestiti usati, infatti, ti ho illustrato numerose altre soluzioni di questo tipo, adatte a molteplici scopi: sono sicuro che troverai ciò che fa al tuo caso!

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e
Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei
trenta siti più visitati d’Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e
Mondadori Informatica.



Fonte Salvatore Aranzulla aranzulla.it Source link