Cuba, il wifi arriva nelle case


Le reti senza fili potranno essere installate anche in casa e nelle piccole imprese. Attesi benefici sul turismo, ma ci sarà sempre un solo gestore telefonico

Giovani cubani si connettono a internet tramite smartphone a L’Avana, Cuba .(foto: YAMIL LAGE/AFP/Getty Images)

Cuba ha messo in atto una nuova serie di riforme per espandere l’accesso a internet in tutta l’isola. Ora i cittadini nelle loro abitazioni o nelle piccole imprese potranno usufruire di reti wifi private.

La conquista di internet sull’isola è stata lenta e faticosa. Nel 2013 il governo ha concesso l’accesso al web tramite internet cafè statali. Poi, nel 2017, ha allargato i permessi a hotspot wifi pubblici e reti internet fisse a casa. Infine, nel dicembre 2018, ha concesso l’accesso alla rete 3G.

Le nuove misure consentiranno la creazione di reti private via cavo e wifi in abitazioni e aziende, permettendo l’importazione di router e altre apparecchiature di rete pur mantenendo, però, il monopolio delle reti. I cittadini potranno condividere il segnale, ma dovranno appoggiarsi solo e soltanto ai servizi di Etecsa, la società di telecomunicazioni statale e unico fornitore di servizi internet di Cuba.

Come afferma il New York Times, le nuove regole aprono alla legalizzazione di alcune reti private già esistenti, che sono state gestite segretamente utilizzando apparecchiature di contrabbando o fatte in casa. Chi le ha costruite e ne usufruisce ha due mesi di tempo per mettersi in regola.

Queste riforme contribuiscono all’informatizzazione della società, al benessere dei cittadini, alla sovranità del paese, alla prevenzione delle interferenze nello spettro radio e alla prevenzione degli effetti dannosi delle radiazioni non ionizzanti“, ha dichiarato il ministero della Comunicazione cubano. Sono attesi benefici sul turismo, visto che ora bar, ristoranti, alberghi e alloggi potranno offrire connessioni wifi ai visitatori.

Potrebbe interessarti anche





Source link