Da Wired.it :

Un parametro molto più efficace per giudicare la qualità di un oggetto è il punteggio di feedback del venditore. Un buon venditore, che molto probabilmente venderà un articolo di qualità alta e in buone condizioni, avrà un punteggio di feedback del 99,8 per cento o superiore. Molto raramente compro da un venditore con un punteggio pari o inferiore al 99,6 per cento.

Rimane però una zona grigia: i venditori con una valutazione del 99,7 per cento. In questi casi, date un’occhiata alla “valutazione dettagliata del venditore” e leggete i feedback recenti. Potrebbe esserci una sola valutazione negativa che risale a diversi mesi fa: tutti commettono errori, e a volte una valutazione bassa è dovuta a fatti non imputabili a chi vende, come lo smarrimento di un pacco da parte delle poste. Quindi conviene sempre leggere le recensioni e vedere cosa c’è sotto. Se il venditore ha una valutazione del 99,6 per cento o inferiore, personalmente non guardo nemmeno il prezzo: non farò offerte.

Ho acquistato decine di computer portatili, telefoni, macchine fotografiche, obiettivi per fotocamere, pentole in ghisa, apparecchiature musicali e addirittura piani telefonici prepagati su siti di aste. In tutto questo tempo, sono stato truffato solo una volta, ma anche in quel caso alla fine ho riavuto i miei soldi. Non ho comprato l’oggetto che cercavo, ma perlomeno non ci ho rimesso. Detto questo, forse è il caso di ripeterlo: se un’offerta sembra troppo bella per essere vera, è perché non lo è.

Come fare un’offerta

Una volta trovato l’oggetto che vi interessa e capito quanto siete disposti a pagare, è il momento di… aspettare. Vi consiglio vivamente di fare offerte solo all’ultimo secondo. Personalmente, inserisco la mia offerta solo quando mancano circa 5-10 secondi alla scadenza. Aspetto che l’asta finisca, seguo gli sviluppi dal telefono (perché dal mio punto di vista l’app di eBay ha un’interfaccia migliore per le offerte, nonostante sia pessima per la navigazione), e in quegli ultimi secondi inserisco la cifra massima che sono disposto a pagare.

Non facendo un’offerta prima non date al vostro concorrente la possibilità di reagire. Se superate l’offerta di un altro utente giorni o anche ore prima della fine di un’asta, questa persona cercherà a sua volta di superare la vostra. 

Altri suggerimenti

Non sempre è facile capire se un’offerta su un prodotto usato è davvero conveniente. Per i dispositivi elettronici più vecchi, è sempre consigliabile chiedere al venditore lo stato della batteria. Se  non tiene la carica e come spesso succede sostituirla costa una fortuna, allora non siete davanti a un buon affare. I computer portatili e i tablet sono spesso in grado di indicare lo stato esatto della batteria. Se non siete sicuri, inviate un messaggio al venditore. A volte l’affare migliore è l’articolo che costa leggermente di più ma ha una batteria che funziona ancora a capacità massima.



[Fonte Wired.it]