Seleziona una pagina



Da Wired.it :

Elon Musk avrebbe fatto pressioni sugli attuali o ex dirigenti delle sue compagnie perché facessero uso di sostanze stupefacenti assieme a lui. Lo ha rivelato il Wall Street Journal in una nuova puntata dell’inchiesta sui dei presunti problemi di droga del miliardario sudafricano, circa un mese dopo aver pubblicato un dettagliato resoconto di testimonianze ed episodi legati al consumo di sostanze da parte di Musk.

Elon Musk

Secondo un recente articolo del Wall Street Journal, l’imprenditore avrebbe fatto uso costante di Lsd, cocaina, ecstasy, ketamina e funghi psichedelici. Investitori e azionisti sono preoccupati per l’impatto sulle sue aziende

In base a quanto si legge nella nuova indagine, tutti i vertici aziendali di Tesla, la compagnia di veicoli elettrici, e di SpaceX, l’azienda aerospaziale, avrebbero ricevuto pressioni da Musk per fare uso di droghe durante feste o riunioni. Consisterebbe quasi in una pratica cameratesca, una specie di rituale degno delle peggiori rappresentazioni cinematografiche del consumo di sostanze, in cui il capo le offre ai suoi dipendenti e chi non accetta rischia di essere emarginato.

Musk ha rigettato le accuse di aver fatto uso di cocaina, ecstasy, allucinogeni e ketamina sostenute dalle testimonianze riportate dal Wall Street Journal, spiegando su X di non essere mai risultato positivo ai controlli antidroga casuali effettuati per tre anni da parte della Nasa, l’agenzia spaziale del governo degli Stati Uniti con cui ha contratti miliardari, dopo aver fumato della cannabis durante un’intervista trasmessa in diretta streaming.

Tuttavia, l’ultimo articolo del Wall Street Journal, sottolinea come la cultura del consumo di Musk si sia riflessa sui suoi più stretti partner e collaboratori, tra cui direttori e membri dei consigli di amministrazione delle sue società. In particolare, queste persone sarebbero state spinte ad assumere droghe insieme a Musk per paura di perdere status, ruoli e introiti, dato che il miliardario avrebbe avuto reazioni infastidite in caso di rifiuto.

La situazione sarebbe stata molto tesa già nel 2022, quando l’ex dirigente di Tesla Larry Ellison avrebbe proposto a Musk di fare con lui un ritiro alle Hawaii per disintossicarsi da varie sostanze, in particolare cocaina, allucinogeni, ecstasy e ketamina. Invito che sarebbe stato rifiutato, aumentando ulteriormente la preoccupazione dei dirigenti per la sua tenuta emotiva.





[Fonte Wired.it]