Mille ragazzi si sono sfidati durante la seconda edizione della Game4Value, la Game Jam riservata agli studenti delle scuole superiori, per creare il concept di un videogioco a tema sostenibilità con riferimenti anche al mondo assicurativo 

Superare quiz sulla sostenibilità, seguendo gli esempi di una “super eroina” che guida il giocatore in un percorso orientato all’apprendimento di abitudini e comportamenti virtuosi. È la sintesi del nuovo videogioco dedicato ai temi della sostenibilità, che verrà realizzato nei prossimi mesi da 3 gruppi di studenti di istituti superiori nel corso di un periodo di alternanza scuola-lavoro che si svolgerà in una prestigiosa game factory italiana.

Cos’è la Game Jam

Un sogno che si realizzerà grazie alla vittoria ottenuta nella seconda edizione di Game4Value, la Game Jam promossa dalla Fondazione ANIA, onlus del settore assicurativo, nata nel 2004 per diffondere una nuova cultura assicurativa e per promuovere i valori della prevenzione e protezione per cittadini ed imprese.

La Game Jam è una speciale competizione che prevede di creare un videogioco partendo da un’idea: oltre 1.000 studenti provenienti da 103 scuole di tutta Italia si sono sfidati dal 24 al 26 novembre, lavorando sull’idea di un videogioco in cui avessero un ruolo predominate i fattori ESG (Enviromental, Social e Governance), ma fosse presente anche un elemento assicurativo teso a valorizzare il ruolo fondamentale che hanno le assicurazioni in relazione alle tema della sostenibilità.

I vincitori dell’edizione

vedi anche

Scommessa voucher con incentivi per alternanza scuola-lavoro

L’ufficializzazione dei vincitori è arrivata nel corso di una live su Twitch la vigilia delle vacanze di Natale. Tre le categorie: Environmental, dove ha trionfato il team Climbarz dall’Istituto Tecnico Leonardo Da Vinci di Firenze con “Save The Earth”: un’eroina diventa un personaggio iconico, guidando il giocatore in una gara basata sulle tematiche della sostenibilità. Nella categoria Social ha vinto il team Pepe del Liceo Agnesi di Merate che, con il progetto “Limbo – Appesi a un filo”, porta il giocatore all’interno di un format in cui agendo da “giudice e giudicato” apprende nozioni per una presa di coscienza del proprio operato quotidiano. Il quadro dei vincitori è stato completato dal team Machalps dell’Istituto Giovanni Falcone di Gallarate, che ha sbancato nella categoria Governance con un classico “quiz game” sui temi della sostenibilità, dal titolo Consequences.

I 3 team vincitori già dalle prossime settimane avvieranno la loro esperienza di alternanza scuola-lavoro con la game factory “NonStudio”. Il percorso sarà finalizzato allo sviluppo dei loro concept, con lo scopo di trasformare le idee in un vero e proprio videogame per smartphone che sarà disponibile sui vari store. 



fonte : skytg24