I 10 buddy movie fondamentali


Sono in due, non si piacciono ma devo collaborare per un fine comune e dalla loro chimica scaturisce sia l’azione che l’umorismo

Dall’intersezione tra la commedia screwball e il poliziesco nasce il buddy movie, genere ibrido che mette insieme personalità contrastanti con fini comici ma fornendogli anche un obiettivo tipico del cinema di genere (un caso da risolvere, una fuga da portare a termine, una minaccia da neutralizzare). Come nella commedia sofisticata, la riuscita del film si appoggia tantissimo sulla qualità della sceneggiatura e sulla chimica dei protagonisti, cioè quanto riescono a volersi bene mentre si manifestano odio e quanto sono affilate le frecciatine che si lanciano.

Fast & Furious – Hobbs & Shaw, uscito questa settimana, è esattamente questo, un buddy movie in piena regola, in cui la chimica tra il grosso e il secco, l’americano e l’inglese, il preciso e il burino regge un intrigo di spionaggio e caccia ai criminali. Dwayne Johnson e Jason Statham sono qui principalmente per insultarsi e pungolarsi, in seconda battuta per salvare il mondo, cioè sono qui prima di tutto per assolvere alla vocazione del film e poi alla sua promessa implicita (la stessa di Fast & Furious, da cui il film discende: spettacolo vecchio stampo con mezzi moderni).

10. Piedipiatti
Il buddy movie più autentico mai girato in Italia. Ha tutti i crismi del genere e come spesso avviene nel cinema dei Vanzina a differenziare e separare i protagonisti è la provenienza geografica che diventa subito caratterizzazione personale (più lascivo e approssimativo il romano, più rigoroso ma per questo anche pavido il milanese). C’è un caso di droga complicato e due poliziotti si trovano controvoglia e casualmente a collaborare perché le rispettive indagini li hanno portati ad un punto d’incontro. E come in ogni buddy movie l’obiettivo rimane più la commedia che l’indagine.

9. Tango & Cash
Ad un certo punto Sylvester Stallone ha accettato di dividere lo schermo con qualcuno. Quando la sua stella iniziava a non brillare più come prima è andato in deroga alla regola che possono permettersi le star maggiori ed ha girato un buddy movie con Kurt Russell. Nel film lui interpreta la parte tutta d’un pezzo, rigida e normativa (anche se non è il suo solito ruolo) mentre Russell è lo scapestrato. In realtà finiscono per essere molto simili e il film funziona solo a metà.

8. Nati con la camicia
Bud Spencer e Terence Hill insieme hanno fatto solo buddy movie. Opposti e pronti a darsi fastidio per tutto il film, ogni volta hanno un obiettivo molto chiaro che li unisce. Nati con la camicia forse è il più riuscito tra i film con un allure poliziesco, anche se quello che meglio li mette in contrasto probabilmente è Non c’è due senza quattro.

7. 48 ore
L’idea è grandiosa: per sfruttare il talento di Eddie Murphy emerso in televisione non gli si affida la solita commedia ma un vero poliziesco diretto (e coscritto) da un maestro del genere, Walter Hill. E per giunta gli si mette accanto un vero attore da poliziesco (Nick Nolte). Inoltre c’era anche il grandissimo Steven E. De Souza alla sceneggiatura, più le gag che Eddie Murphy scriveva per sé. Un caposaldo.

6. La calda notte dell’ispettore Tibbs
Uno dei primi casi di bianco e nero, di poliziotti di razze diverse che non si piacciono ma devono collaborare. Non c’è niente della commedia in questo noir molto teso e dalla grande unità di luogo in cui un agente nero finisce in provincia ad indagare intorno a fatti su cui nessuno vuole che indaghi. C’è l’odio, c’è il razzismo, c’è il lavoro ma anche la grande comprensione dello sceriffo locale che ben presto capisce dove bisogna schierarsi.

5. Bad Boys
C’è il massimo del bianco (Michael Bay) dietro il buddy movie afroamericano per eccellenza. Con la sua estetica pulitissima, il suo cinema immenso dentro il quale riesce a creare un livello di azione, dinamismo, movimento e ampiezza incredibili per qualsiasi standard, Bay (al suo esordio) trasforma il poliziesco in qualcosa di nettamente superiore alla somma delle singole parti. Ogni dettaglio è gonfiato per creare il buddy movie con il più alto tasso di coolness possibile.

4. Thelma & Louise
Assumere la cornice di un genere solitamente maschile è uno dei molti modi in cui Ridley Scott fornisce a Thelma & Louise l’opportunità di ribellarsi. Non sono poliziotte ma sono molto diverse e hanno un obiettivo comune da raggiungere nonostante le reciproche differenze. Tutto quello che il film on the road dà a Thelma & Louise il fatto di essere anche un buddy movie lo amplifica.

3. Butch Cassidy
Erano le star più star dell’epoca, ed erano per la prima volta insieme in un film: l’attore affermato e la stella emergente in un western sui generis che li costringe a collaborare. La cosa più assurda è che questa strana commedia con toni rosa e grande amicizia è anche un western crepuscolare in cui la morte incombe su tutti, inclusi i protagonisti, fino all’ultimo frame.

2. Arma Letale
Shane Black sul buddy movie ci ha costruito una carriera (l’ultimo, The Nice Guys era ancora una volta perfetto) e Arma Letale è la sua forma base. Personaggi problematici, agli antipodi e pensati per scontrarsi e poi volersi bene. Quelli di Shane Black sono i buddy movie più vicini in assoluto alla vera radice del genere, cioè la commedia screwball, in cui un uomo e una donna litigano così tanto da innamorarsi.

1. Die Hard – Duri A Morire
Imprevedibilmente è il terzo capitolo della saga Die Hard a portare su di sé i segni più chiari e meglio canonizzati del genere. Nonostante John McTiernan non sia tipo da commedia e palesemente preferisca molto di più l’azione nel film, lo stesso tutti i primi due terzi di Die Hard 3 suonano come il perfetto buddy movie, in cui i personaggi si conoscono dentro l’azione, facendo cose, correndo e non fermandosi mai, in cui odiano i rispettivi difetti ma molto lentamente scoprono anche di stimarsi.

Potrebbe interessarti anche





Source link