I segreti dello speed climbing, a pochi mesi dall’appuntamento olimpico


A Tokyo 2020 in palio ci saranno anche le medaglie per gli scalatori. Questo video ti spiega perché chiunque farebbe fatica ad arrivare in cima a una parete indoor di 15 metri

Tra le discipline in programma alle Olimpiadi di Tokyo del 2020 figura anche l’arrampicata sportiva, al suo debutto. Gli appassionati vedranno gli atleti cimentarsi in tre discipline, speed climbing, bouldering e lead climbing (variano i percorsi, ma anche l’eventuale presenza o meno di appigli nella salita). Ogni scalatore gareggerà in tutte e tre le discipline e a determinare le classifiche saranno i risultati combinati di tutte e tre le prove.

Un occhio di riguardo, soprattutto per chi ama i record, andrà all’arrampicata veloce, che vede gli atleti contrapposti su un percorso fisso, una parete di 15 metri. In questo episodio di Almost Impossible, il giornalista di Wired Robbie Gonzalez si confronta con il giovane campione Jordan Fishman e con lo scalatore Alex Honnold, lo sportivo che ha scalato l’iconico El Capitan, nel Parco Nazionale di Yosemite, in modalità free solo.

Malgrado Fishman sia piuttosto veloce (scala 15 metri in 6,38 secondi) siamo comunque lontani dalle performance dell’iraniano Reza Alipour, che ha stabilito un tempo record di 5,48 secondi nel 2017. Questo episodio vi spingerà, se già praticate forme di arrampicata indoor, a mettervi alla prova: ma sappiate che scendere sotto il tempo di Alipour è un’impresa ai limiti dell’impossibile.

Potrebbe interessarti anche





Source link