I vestiti del futuro cambieranno forma con uno sguardo?


Il progetto della designer Behnaz Farahi mostra indumenti capaci di interagire con ciò che ci circonda: forse è un’anticipazione di quel che vedremo fra qualche tempo, quando moda e tech saranno sempre più uniti

Negli ultimi anni tantissime esperienze quotidiane sono cambiate grazie alla tecnologia: ci facciamo suggerire le ricette dagli smart speaker; esploriamo luoghi lontani con i visori; abbiamo sempre più servizi in tasca col nostro smartphone. Può invece l’abbigliamento che indossiamo restare sempre uguale a se stesso?

Per la designer Behnaz Farahi, no. In questo episodio del format Wired Design, Farahi spiega come dall’osservazione della relazione del corpo con lo spazio può nascere una nuova classe di indumenti, capaci di interagire con quanto ci circonda.

Un saggio sul tema è il dispositivo stampato in 3D, e indossabile, Caress of the Gaze, un indumento futuristico che si espande, contrae e cambia forma anche in relazione allo sguardo altrui – quindi non solo a stimoli esterni come temperatura e umidità.

In futuro moda, design e tech saranno più intrecciate – e cambiamenti radicali ci aspettano, a piccoli passi, nella cabina armadio.

Potrebbe interessarti anche





Source link