Seleziona una pagina
mercoledì, Feb 28

Il Governo Meloni ha contattato la cinese BYD: l’obiettivo è avere nel nostro paese un secondo produttore di auto dopo Fiat

da Hardware Upgrade :

“Abbiamo alcuni contatti per discuterne”, ha detto Michael Shu, amministratore delegato di BYD Europe, in un’intervista al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra. La necessità di un secondo stabilimento europeo “dipende dalle nostre vendite: ora stiamo facendo ottimi progressi”. BYD (Build Your Dreams) è una delle principali aziende automobilistiche cinesi specializzate nella produzione di veicoli elettrici, e a breve sorgerà il suo principale stabilimento produttivo europeo: avverrà in Ungheria, nella città di Komárom. Per il momento, le sue auto arrivano nel Vecchio Continente tramite nave.


Il Governo italiano ha ora sondato l’azienda di Shenzhen sulla possibilità di aprire una fabbrica anche sul nostro territorio, secondo quanto riferisce Bloomberg. L’obiettivo del Governo Meloni è quello di evitare la delocalizzazione dell’industria dell’automobile, dopo che Stellantis pare intenzionata a spostare alcune catene produttive in nazioni dove la manodopera ha un costo inferiore. Nei giorni scorsi, infatti, il ministro dell’Industria e made in Italy Adolfo Urso ha dichiarato che il Governo “è favorevole all’arrivo di un secondo produttore” e che trattative con partner stranieri sono in corso da diversi mesi.



Allo stesso tempo la posizione di BYD nei confronti dell’Europa è controversa, visto che l’UE ha avviato una procedura per indagare sui sussidi statali concessi all’azienda dal Partito Comunista cinese. Queste agevolazioni avrebbero consentito a BYD di ridurre ulteriormente i prezzi e di essere oltremodo competitiva rispetto alla concorrenza.


BYD ha appena mostrato tutto il suo potenziale facendo approdare a Bremerhaven in Germania una nave da carico con 3 mila vetture provenienti da Shenzhen e destinate al mercato europeo. Queste navi da carico possono imbarcare fino a 7 mila veicoli, con sette unità già bloccate da BYD per portare altre auto dalla Cina all’Europa.


L’azienda con sede a Shenzhen è stata fondata da Wang Chuanfu, ex professore universitario, a metà degli anni ’90. Dopo essersi concentrata sulla produzione di batterie ricaricabili, anche per i primi telefoni cellulari, all’inizio degli anni 2000 l’azienda si è espansa nel settore automobilistico. Grazie ai suoi prezzi concorrenziali sta attraendo tantissimi consumatori occidentali, al punto che a gennaio ha già registrato il sorpasso su Tesla nelle vendite di auto elettriche su base globale.



Source link