Ingecom continua a crescere: fatturato a 36 milioni, in crescita del 14%

da Hardware Upgrade :

La filiale italiana di Ingecom, distributore europeo a valore aggiunto di soluzioni per la sicurezza informatica, festeggia i tre anni. Ingecom ha iniziato le sue attività nel 1996 a Bilbao, per poi proseguire la sua espansione aprendo sedi a Madrid, Lisbona e Barcellona. Nel 2019 nasce la prima filiale italiana a Milano, guidata dal Country Manager Sergio Manidi, e nel 2020 è apre una nuova sede a Roma. 

L’incremento delle sedi rispecchia l’andamento positivo dell’azienda, che nel 2021 ha raggiunto i 36 milioni di fatturato, contro i 31,5 milioni del precedente esercizio e i 29,9 milioni del 2019.

La singolare strategia di Ingecom 

segio-manidi-country-manager-ingecom-italia

Come avevamo già specificato quando abbiamo annunciato l’apertura della filiale milanese, la peculiarità di Ingecom è quella di volersi distinguere dalla concorrenza: invece di concentrarsi sui grandi nomi, l’azienda spagnola effettua una costante attività di scouting per trovare nuove imprese che offrono soluzioni spesso verticali, scovando realtà poco note che però offrono prodotti o servizi innovativi. 

Se agli esordi l’azienda distribuiva solo prodotti di sicurezza, nel 2020 il portafoglio è stato ampliato per includere soluzioni di cyber intelligence mentre nel 2022 Ingecom ha integrato anche prodotti dedicati alla sicurezza IoT, OT/ICS, IoMT e XIoT. In pratica, nel 2022 si è aperta al settore della sicurezza degli ambienti industriali e dei dispositivi IoT, sempre più diffusi in vari ambiti. Una scelta comprensibile, considerato il crescente interesse verso queste soluzioni: durante la pandemia gli attacchi alle infrastrutture industriali hanno visto un forte incremento, e le imprese, soprattutto nel manifatturiero, sentono la necessità di nuovi strumenti per garantire la continuità delle loro operazioni. 

Un altra peculiarità di Ingecom è che il suo portafoglio non è lo stesso in tutte le aree. In Italia, per esempio, è disponibile solo una parte delle soluzioni proposte nella Penisola Iberica. Una scelta necessaria per adeguarsi al mercato, ci spiega Sergio Manidi, a capo della filiale italiano del VAD. Novità del 2022, sia a livello globale sia italiano, è l’aggiunta al listino delle soluzioni di TEHTRIS, che offre una piattaforma XDR, un SIEM e varie soluzioni per la sicurezza delle identità, degli accessi e dei dispositivi.

Medigate: una scommessa vinta

Parlando con Manidi, ci spiega che la strategia di selezionare produttori “alternativi” è un grande vantaggio, ma porta con sé alcuni rischi. E, spesso, i risultati si vedono solo dopo qualche anno. È il caso di Medigate, una soluzione dedicata alla sicurezza del settore sanitario. 


Medigate è stato introdotto nel 2020, “ma solamente adesso vediamo i risultati del nostro lavoro“, spiega Manidi. Il settore sanitario è molto legato alle sue procedure e processi, e non è facile inserirsi in questo ambito estremamente delicato. Ma ormai anche il mondo ospedaliero dipende sempre più dalla connettività e dallo scambio di dati e, come è accaduto nel monto dell’industria, il crescente numero di attacchi al settore ha spinto i responsabili della sicurezza ad adottare nuove soluzioni. Medigate è stata una delle prime realtà a puntare su un settore così verticale per la sicurezza, e Ingecom ha avuto il pregio di intuire in tempi non sospetti queste necessità. 

Non possiamo che essere orgogliosi dell’importante lavoro fatto finora. La scelta di puntare su brand innovativi che con le loro tecnologie possono soddisfare settori eterogenei ci ha permesso di farci spazio sul mercato e dare un valore aggiunto ai nostri partner. Inoltre, grazie all’inserimento nel team italiano di nuove risorse, ora siamo in grado di garantire un ottimo servizio di formazione e di assistenza in tutte le fasi del processo commerciale, pre e post vendita”, conclude Manidi. 

Source link