Seleziona una pagina



Da Wired.it :

Instagram ha presentato una nuova funzionalità pensata per arricchire l’esperienza dei suoi utenti: la possibilità di condividere post e reels soltanto con la vostra cerchia di amici stretti, proprio come già accade per le storie e le note. Una scelta tutt’altro che casuale, considerando che Instagram ritiene che gli utenti utilizzino l’opzione “amici più stretti” come “uno spazio senza pressioni per connettersi con le persone che per loro contano di più”. A partire da ora, quindi, avremo la possibilità di scegliere con chi condividere i nostri contenuti, trasformando l’app in una community ben più personale di quanto non sia ora.

Per utilizzare la funzione non dovrete far altro che scegliere la foto o il video da condividere, e poi selezionare l’opzione “amici più stretti” all’interno della sezione del pubblico. Ciò consente un’esclusività nella condivisione, limitando l’accesso ai contenuti solo alle persone più vicine, identificate sulla piattaforma con l’icona di una stella verde. In questo modo la piattaforma permette per la prima volta agli utenti di modificare la visibilità dei post pubblicati. Una novità che introduce un maggiore controllo sui propri contenuti, considerando che finora Instagram permetteva soltanto di impostare l’account come pubblico, accessibile a tutti, o privato, in cui l’utente controlla chi può visualizzare i propri contenuti accettando manualmente le richieste di follow.

L’aggiunta di questa funzione fa riflettere sul successo riscosso dall’intuizione di Meta di introdurre una cerchia di amici intimi con cui condividere i propri contenuti; funzionalità che la piattaforma ebbe nell’ormai lontano 2018. Di recente, infatti, sono sempre di più gli utenti che stanno utilizzando questa opzione. Se l’allargamento a post e reels di questa funzionalità avrà altrettanto successo, ce lo dirà soltanto il tempo. Per ora, non resta che vedere quali dei vostri contatti vi riterranno adeguati per accedere al club esclusivo della stellina verde.



[Fonte Wired.it]