Jabra presenta le nuove cuffie della gamma Engage per i contact center ed Engage AI

da Hardware Upgrade :

Jabra ha annunciato un’estensione della sua gamma di cuffie dedicate ai contact center con le nuove Engage 50 II ed Engage 40, assieme alla nuova tecnologia Engage AI che analizza le conversazioni per valutare il livello di engagement e offrire suggerimenti in tempo reale.

Jabra presenta le nuove cuffie Engage ed Engage AI

Le nuove cuffie Engage 50 II ed Engage 40 sono pensate per i lavoratori dei contact center che necessitano della massima chiarezza del suono e di un’elevata comodità per indossare le cuffie per tutto il giorno. Jabra ha dotato le Engage 50 II di tre microfoni e di algoritmi di rimozione del rumore ambientale che arrivano ad abbassarne il volume fino a 36 dB. Le cuffie sono inoltre dotate della funzionalità SmartRinger (letteralmente “suoneria intelligente”) che avverte l’utente di chiamate in arrivo anche se questi non sta indossando le cuffie; tale funzionalità è disponibile tramite un telecomando staccabile che permette anche di regolare il volume.

Le Engage 40 fanno del peso ultra-leggero il proprio punto di forza e sono pensate per essere indossate a tempo pieno, con cuscini auricolari ad angolo che aumentano il comfort. Sono dotate di due microfoni e di un telecomando posto sul cavo, con tasti programmabili.

Le cuffie raccolgono inoltre dati che possono essere analizzati per capire se l’audio sia di buona qualità; è possibile accedere a tali dati con le integrazioni del SDK di Jabra con Nectar, Operata e Virsae, oltre chiaramente all’applicazione di Jabra Engage+ che fornisce un riscontro in tempo reale sulla qualità della conversazione direttamente al lavoratore.

Assieme alle cuffie, Jabra ha presentato Engage AI, un servizio che permette di analizzare le conversazioni tra agenti dei call center e utenti e fornirne in tempo reale un’analisi con suggerimenti e consigli per gestire al meglio la situazione. Dopo la chiamata, gli agenti ricevono un voto per capire come migliorare; sia i dati sia il voto sono integrabili in altre soluzioni tramite API.

Jabra fa presente che uno strumento del genere può essere di grande aiuto nel caso in cui i lavoratori operino da remoto, perché la possibilità di monitorare il loro lavoro permette ai supervisori di aiutarli a migliorare. Se da un lato fornire consigli in tempo reale è un aiuto importante per i lavoratori dei data center, dall’altro ci permettiamo di dire che è anche alto il rischio di affidarsi eccessivamente al giudizio dell’intelligenza artificiale per valutare le prestazioni dei lavoratori, potenzialmente con conseguenze distopiche.

“Negli anni, i contact centre sono passati per una trasformazione significativa con il passaggio alle piattaforme digitali e alle modalità ibride di lavoro. Questo è il motivo per cui abbiamo raddoppiato i nostri sforzi di ricerca e sviluppo per produrre soluzioni che sono compagni intelligenti, comode e durevoli per i contact centre”, afferma Ander Hvelplund, SVP for Contact Centre Solutions in Jabra. “Vogliamo aiutare gli agenti a concentrarsi sul far  piacere al cliente e farli lavorare in pace mentre i nostri prodotti della linea Jabra Engage si occupano del resto.”

Tutti i nuovi prodotti presentati (le Engage 50 II, le Engage 40 ed Engage AI) sono disponibili da oggi 15 settembre.

Source link