James Dyson Award, annunciati i vincitori dell’edizione italiana 2022

da Hardware Upgrade :

Si è tenuta la 18esima edizione italiana del James Dyson Award, il concorso internazionale di progettazione e design promosso dalla James Dyson Foundation, ente a scopo benefico dell’omonima azienda.

L’edizione di quest’anno ha visto vincitore Argo, un’invenzione che punta ad aumentare l’autonomia dei nuotatori con disabilità visiva segnalando la virata e l’orientamento in vasca attraverso precise vibrazioni, realizzato in stretta collaborazione con una nuotatrice ipovedente. I creatori riceveranno un riconoscimento in denaro pari a 5.900 euro.

Oltre al dispositivo indossabile, da agganciare agli occhialini da nuoto, Argo si configura come un contenitore portatile composto da tre elementi: una stazione di ricarica wireless che funge inoltre da custodia per il dispositivo e due apparecchi gemelli contenenti un laser, una fotocellula e un sensore a ultrasuoni da collocare sulle due estremità della piscina; i sensori rilevano i movimenti del nuotatore e lo avvertono tramite tre vibrazioni differenti rispetto all’orientamento lungo il rettilineo e l’approssimarsi ai galleggianti che delimitano la corsia.

Secondo la giuria, “fin dalla prima lettura dei progetti candidati, Argo spiccava per il suo valore, oltre a contare su una fase di sviluppo già avanzata. Un’idea semplice e di facile realizzazione per eliminare gli ostacoli che un nuotatore non vedente può incontrare immergendosi in piscina. Un elemento potenzialmente ostile come l’acqua disinnescato da un oggetto che vede, avverte, protegge: abbiamo eletto Argo vincitore perché è una protesi che semplifica la vita di chi non vede e che ha necessità di frequentare l’acqua. Utile quindi per gli atleti, gli amatori e anche per chi in vasca deve andarci per riabilitazione o fisioterapia. Abituati ad un cellulare che comunica anche vibrando, risulta ottima l’intuizione di indossare un sensore che sfrutta lo stesso principio per dare indicazioni facilmente interpretabili”.

A creare Argo sono stati Sara Labidi, 24 anni, laureatasi all’Università IUAV di Venezia in Design dell’Industria e Comunicazione Visiva; Giuseppe Campanale, 23 anni, iscritto al corso di laurea magistrale in Design del Prodotto all’Università IUAV di Venezia; Daniela Bigon, 52 anni, laureata nel 2004 in Disegno Industriale presso lo IUAV di Venezia e tornata nel 2020 sui banchi di scuola per conseguire la laurea magistrale in Design della Comunicazione e del Prodotto.

Al secondo posto si è piazzato L.B Drone, un salvagente-drone adattabile e pilotabile da remoto che assicura tempestività ed efficienza in caso di soccorso in mare aperto. Il dispositivo è stato sviluppato da Edoardo Sernicola, colombiano cresciuto in Italia, classe 1998, iscritto allo IED (Istituto Europeo di Design).

Medaglia di bronzo per FIIL, un deambulatore multifunzione per anziani ad uso domestico che, oltre al movimento, permette di sedersi e di trasportare oggetti in maniera autonoma. Il progetto è frutto della mente di Martina Arleo, Product Designer nata a Roma nel 1996 e laureata in Disegno Industriale e Ambientale presso l’Università di Camerino.

I progetti accedono alla fase internazionale del concorso, sfidando quelli di altri Paesi in cui è presente il premio. Il vincitore internazionale – scelto da James Dyson in persona – sarà annunciato il 16 novembre e si aggiudicherà il riconoscimento finale di 35.700 euro. Ai due finalisti internazionali andrà invece una somma di 5.900 euro ciascuno.

Source link