Seleziona una pagina
martedì, Gen 23

Jumpac è un kit 5-in-1 per le emergenze e la manutenzione dell’auto



Da Wired.it :

Jumpac è uno speciale kit per auto che compatta in un corpo estremamente poco ingombrante ben cinque funzionalità che possono tornare molto utili in situazioni di emergenza, ma anche per operazioni di regolare manutenzione. A bordo di questo accessorio 5-in-1 si si trova infatti una capiente batteria da 20000 mAh che da un lato può avviare il motore in caso di problemi alla batteria e dall’altro funge da powerbank per fare il pieno a dispositivi tecnologici mentre si viaggia. Sul fronte c’è una torcia e, collegando appositi moduli, si può utilizzare per gonfiare i pneumatici oppure per aspirare polvere e sporco anche negli anfratti più nascosti.

Jumpac si può facilmente trasportare grazie alla maniglia, include una serie di porte e ingressi sul lato e sulla parte frontale un piccolo display di servizio e pulsanti per attivare le varie funzioni. Il suo scopo principale è quello di ottimizzare lo spazio nel bagagliaio ed essere sempre pronto in ogni evenienza. Può infatti avviare facilmente il motore collegandosi tramite gli appositi cavetti alla batteria malfunzionante della vettura, offrendo ben 60 avvii a piena carica oppure può caricare smartphone, tablet, console o altri gadget via usb mentre si viaggia. Nella parte frontale c’è un faro led da 400 lumen a luce fredda (6500 k) e a bassissimo consumo per garantire ore di illuminazione. Jumpac può inoltre soffiare o aspirare aria: può gonfiare a 150 psi pneumatici di auto, moto, bici, così come palloni oppure fungere da aspirapolvere compatto per pulire gli interni della vettura da sporco, polvere o residui di cibo, poggiandosi al serbatoio integrato da mezzo litro di capacità.

Il video che mostra tutte le funzioni di Jumpac

È possibile finanziare il progetto su Kickstarter e così ricevere un esemplare di Jumpac a 120 euro ovvero con uno sconto del 40% rispetto al prezzo di vendita ufficiale. Le spedizioni partiranno il prossimo giugno.



[Fonte Wired.it]