La Russia aggira le sanzioni tech, ma c’è un problema: il layout delle tastiere

da Hardware Upgrade :

Le sanzioni contro la Russia, come noto, interessano anche la tecnologia: le aziende occidentali hanno tagliato i ponti con il Paese che ha attaccato l’Ucraina e ora, all’ombra del Cremlino, c’ penuria di componenti di ogni tipo, anche di tastiere con layout russo. Per correre ai ripari, Putin e compagni hanno imbastito un piano basato sulle “importazioni parallele“, ossia l’arrivo di prodotti originali attraverso “paesi amici” come Cina, Serbia, Turchia o Emirati.

Il problema che i dispositivi spediti in quei paesi sono realizzati per gli utenti locali e, spesso, non sono compatibili con la lingua russa. Un fatto che sta portando qualche problema,specie agli apparati governativi.Secondo alcune stime, entro la fine dell’anno almeno il 10% delle tastiere importante nel Paese sar costituito da tastiere in lingua non russa.

“L’attuazione dei contratti gi conclusi per la fornitura di postazioni (sistema, monitor e apparecchiature periferiche) ai reparti sta avendo problemi. Secondo i termini dell’appalto, l’appaltatore non pu fornire una postazione di lavoro senza tastiera o con layout in inglese. I fornitori sono ora alla ricerca di modi per acquistare tastiere russe”, riporta una fonte di Kommersant.

Tra i modi per aggirare il problema c’ quello di incidere i caratteri cirillici sui tasti o apporvi dei pi semplici sticker. I servizi che incidono le tastiere parlano gi di un raddoppio della domanda rispetto a prima che la Russia iniziasse le ostilit in Ucraina.

“Se i laptop o le tastiere sono destinati al mercato russo o all’Unione economica eurasiatica (EAEU), i prodotti presentano un layout russo. In altri casi, c’ la possibilit dell’incisione, anche nella Federazione Russa”, ha detto a Kommersant il Ministero dell’Industria e del Commercio. In Paesi come Armenia, Kazakistan, Bielorussia e Kirghizistan si possono rintracciare tastiere con il layout russo.

Una fonte diKommersantdichiara che l’incisione dei caratteri cirillici sui tasti pu richiedere fino a 2000 rubli, circa 32 euro. Il problema che i dispositivi devono essere aperti, e a volte la tastiera smontata, cosa che non piace ai clienti e potrebbe avere riscontri sulla garanzia.

La vicenda da incasellare nel novero delle “curiosit”: quando l’Occidente ha emanato le sanzioni, di certo non pensava che le tastiere sarebbero diventate uno dei problemi della Russia. Allo stesso tempo, si tratta di un intoppo assolutamente marginale per Putin, difficilmente receder dai suoi propositi per carenza di tastiere con layout in cirillico.


Source link