La Smemoranda diventa un’app: ecco a che cosa serve



Da Wired.it :

La celebre agenda da quest’anno (scolastico) ha un’appendice digitale, con servizi e funzionalità per la scuola, intrattenimento e informazione per il tempo libero

smemoapp
(Foto: Smemoranda)

Dopo 40 anni e sette generazioni di studenti, Smemoranda diventa digitale grazie all’applicazione SmemoApp che è stata sviluppata appositamente per il dinamico mondo della scuola a portata della cosiddetta Generazione Z. Questo software si propone come un hub per portare in un’app tutto ciò che si è scritto con inchiostro su penna, ma non solo visto che apre a funzionalità e servizi connessi.

La funzione principale di SmemoApp è quella del diario digitale disponibile online e offline, dunque si possono segnare gli orari delle lezioni spalmate sulla settimana così da organizzare al meglio ogni giornata e adattarla agli eventuali cambiamenti del calendario in corso. Inoltre, si possono tenere sempre sotto controllo le medie dei voti per ogni materia. Insomma, una base condivisa con tante altre app già presenti sugli store, ma SmemoApp si spinge oltre con una parte più sociale e condivisa oltre che con una spiccata attitudine multimediale.

(Foto: Smemoranda)

Si potranno infatti aggiungere amici e contatti creando gruppi, si potranno condividere gli appunti con i compagni di classe anche attraverso la registrazione delle lezioni e la possibilità di scattare foto o girare video per lo studio (e non solo). Oltre a queste funzioni scolastiche ci sono quelle di intrattenimento e informazione. C’è un motore di ricerca di contenuti a misura di Generazione Z, una sezione news che coinvolge gli studenti attraverso l’istant journalism con Instagram e un apposito hashtag (#primogiornodiscuola) e numerosi partner per accedere a contenuti originali come Fridays For Future Italy, MTV.it, Feltrinelli, Emergency, Libraccio , Fantacalcio, Bao Publishing, Chiarelettere, Podcastory, Wonder Channel, H-Farm, Il Bullone e Razzismo Brutta storia.

 

Potrebbe interessarti anche





[Fonte Wired.it]