Le Ferrari elettriche del futuro bilanceranno il peso delle batterie

da Hardware Upgrade :

Nel futuro dei produttori di supercar ci sarà spazio, volente o nolente, anche per vetture completamente elettriche, per le quali non sarà problematico garantire potenze comparabili se non superiori a quelle dei veicoli termici ma sarà necessario prestare la massima attenzione al fattore peso.

Proprio questo tema è stato rimarcato da Benedetto Vigna, amministratore delegato di Ferrari, in occasione di una recente intervista. Dalle sue parole emerge la necessità di gestire il peso addizionale di una supersportiva elettrica quantificato in alcune centinaia di Kg rispetto a quello di una vettura termica di pari potenza.

240621_ferrari296GTB_720.jpg

Per Ferrari questo non sembra comunque rappresentare un problema, alla luce della profonda conoscenza delle dinamiche del veicolo e di come il peso possa influenzarne il comportamento. Lo sviluppo di una vettura elettrica dalle prestazioni molto elevate non rappresenta un problema in termini di aggravio di peso pensando alla sola motorizzazione, in quanto i motori elettrici sono per loro natura più compatti e leggeri di un V12 a benzina.

D’altro canto le EV richiedono batterie di elevata capacità, soprattutto quando abbinate a motori potenti, e sono queste ad incidere in misura marcata sul peso complessivo della vettura. Più batterie vengono installate maggiore sarà l’autonomia, con però una relazione pressoché lineare con il peso del veicolo. da questo viene la stima di un aggravio di peso di alcune centinaia di Kg rispetto alle vetture termiche, cosa che del resto ben si vede per le EV di altre categorie.

Le batterie possono però essere installate nel pianale della vettura, contribuendo con il loro peso ma abbassando anche il centro di gravità della vettura con positive ricadute in termini di handling e guidabilità. Da questo, se ne deduce, la necessità di effettuare una attenta analisi di come le masse in gioco vadano ad influenzare la guidabilità della vettura, con scelte che saranno specifiche per i veicoli elettrici puri e differenti, almeno in parte, rispetto a quanto sviluppato sino ad oggi per i modelli termici. Una sfida indubbiamente importante nelle parole dell’AD di Ferrari, ma che permetterà all’azienda di continuare a differenziarsi e poter produrre qualcosa che sia unico e originale.

Ferrari aveva introdotto sul mercato il proprio iconico modello LaFerrari circa 10 anni fa, prima vettura del cavallino rampante dotata di motorizzazione ibrida. Al momento attuale nel listino dell’azienda troviamo i modelli 296 GTB e SF90 Stradale dotate di motorizzazione ibrida. Le stime dell’azienda sono che per il 2026 le vetture termiche tradizionali concorreranno solo per il 40% del totale, scendendo al 20% per il 2030. In quest’ultimo anno le vetture Ferrari ibride e completamente elettriche concorreranno ciascuna per il 40% del totale delle vendite dell’azienda italiana.

Source link