Seleziona una pagina

da Hardware Upgrade :

Nel mondo globalizzato di oggi difficile, se non impossibile, scindere l’economia dalla politica. Per questa ragione interessante analizzare la mossa di due dei principali player del mercato dei televisori, le coreane Samsung Electronics e LG Electronics, che hanno deciso di ridurre la propria dipendenza dai produttori cinesi di pannelli LCD, a partire dal prossimo anno.

I motivi pi apparenti sono legati a una stabilizzazione della catena di fornitura, slegandosi in parte dal mercato cinese dei pannelli, che ha dimostrato negli ultimi tempi una certa instabilit. Inoltre le stesse aziende cinesi produttrici di pannelli sono divenute in diversi casi i pi agguerriti concorrenti dei coreani nel mercato dei TV, per cui ha senso per i coreani cercare di limitare le forniture in arrivo da esse.

Secondo i dati Omdia, Samsung e LG hanno intenzione di aumentare le forniture da parte di aziende locali, taiwanesi e giapponesi. In particolare le taiwanesi Innolux e AUO dovrebbero passare rispettivamente dall’8% all’11% e 9%, mentre Sharp (che giapponese, ma comunque di propriet della cinese Foxconn) dovrebbe vedere un aumento delle commesse dal 10%.

In particolare LG e Samsung hanno sofferto la concorrenza dei marchi cinesi sul mercato interno cinese, facendo segnare pesanti segni meno sulle spedizioni verso la Cina. Stando ai dati Omdia, nella prima parte dell’anno i marchi cinesi hanno visto crescere del 2,7% le proprie quote di mercato, arrivando a cubare nel complesso quasi il 40% delle vendite. Supportati da un forte mercato interno, i marchi cinesi stanno aggredendo i mercati del Sud America e dell’Africa, puntando a incrementare ulteriormente la loro crescita.

Source link