Linus Torvalds ha usato un MacBook Air con chip M2 per rilasciare l’ultimo kernel Linux

da Hardware Upgrade :

L’addio di Apple ai chip x86 di Intel per passare a soluzioni proprietarie fatte in casa su base ARM ha raccolto l’attenzione di molti, anche quella di Linus Torvalds, il deus ex machina del mondo Linux. Il leggendario programmatore, al lancio dei primi dispositivi con processore M1, si disse subito interessato a provare uno, a patto per di poterci installare sopra Linux.

Ebbene, quel sogno si avverato. Ci voluto un po’, ma Torvalds ha reso noto che non solo sta usando un MacBook Air basato su processore M2, ma che si tratta del sistema con cui ha rilasciato l’ultima versione del kernel Linux, la 5.19. “Come nota personale, la parte pi interessante che ho rilasciato questa release – e sto scrivendo queste parole – da un laptop arm64. qualcosa che stavo aspettando da lungo tempo ed finalmente realt grazie al team di Asahi. Abbiamo hardware arm64 che funziona da tempo su Linux, ma nessuno era davvero usabile come piattaforma di sviluppo fino a oggi”.

“Si tratta della terza volta che uso hardware Apple per lo sviluppo di Linux – l’ho fatto molti anni fa per lo sviluppo PowerPC con un sistema PowerPC 970. E poi oltre un decennio fa quando il MacBook Air era l’unico notebook davvero sottile e leggero disponibile. E ora come piattaforma arm64. Non che l’abbia usato per farci alcun vero lavoro, l’ho usato solamente per testare build e avvio e ora per il tagging della release. Mi sto per assicurando che la prossima volta che viaggio, possa farlo con questo portatile e finalmente sperimentare in prima persona anche il fronte arm64″.

Quando fu annunciato il progetto Asahi Linux titolammo che “avrebbe fatto contento” Torvalds, e cos andata. Il lavoro di reverse engineering fatto dagli sviluppatori notevole, e non si conclude con la distribuzione Asahi perch l’obiettivo mettere a disposizione quanto ottenuto su tutte le distro Linux. Asahi Linux comunque da considerarsi un prodotto immaturo per il grande pubblico, con molte carenze e cose da sistemare, impegno non facile visto che Apple non collabora.



Source link