Luglio 2019 è stato il mese più caldo mai registrato


Lo dimostrano i dati del programma Copernico dell’Unione europea, nato per monitorare gli effetti dei cambiamenti climatici. Secondo gli esperti, questo mese ha “riscritto la storia del clima”

Alcune persone in Cina cercano riparo dal caldo con un tuffo in acqua (foto: Yang Bo/China News Service/VCG via Getty Images)

Se a luglio vi è sembrato di soffrire il caldo molto più che nelle estati precedenti, non vi siete sbagliati: i ricercatori del programma Copernicus dell’Unione europea, nato per monitorare i cambiamenti climatici, hanno appena stabilito che quello appena trascorso è stato il mese più caldo mai registrato. Questo non significa che non ci sono stati periodi più caldi nella storia della Terra, ma luglio 2019 ha toccato un nuovo record da quando i ricercatori hanno iniziato a misurare la temperatura globale, oltre un secolo fa.

Per avere la conferma di questo sorpasso, bisognerà però aspettare ancora qualche giorno. Nella seconda metà di agosto anche la National Oceanic and Atmospheric Administration, l’agenzia federale americana che si occupa di meteorologia e climatologia, diffonderà i dati sulle temperature di luglio: se questi corroboreranno quelli di Copernico, l’umanità sarà di fronte a un nuovo allarme ambientale.

I dati

I ricercatori del programma Copernico hanno detto che la temperatura a luglio 2019 ha superato di 0,04 °C quella di luglio 2016, il mese più caldo mai registrato finora, ed è stata di 0,56 °C superiore alla media registrata tra il 1981 e il 2010. Se invece si vogliono prendere come riferimento i livelli preindustriali, ci si accorge che l’aumento è stato di 1,2 °C.

L’ultimo dato raccolto da Copernico è il frutto di milioni di misurazioni effettuate tramite satelliti e altri dispositivi come i palloni aerostatici, ed è preoccupante per due motivi. Il primo è che la temperatura di luglio 2019 non è stata influenzata, se non in minima parte da El Niño, un insieme di fenomeni atmosferici estremi ed eccezionali che si verificano in media ogni cinque anni e avevano contribuito ad alzare le temperature nel 2016.

Il secondo è che questo dato se ne aggiunge ad altri tre che gli scienziati considerano molto allarmanti: giugno 2019 è stato il più caldo mai registrato nella storia moderna; 18 dei 19 anni più caldi si sono registrati dopo il 2001 e i più caldi in assoluto sono stati gli ultimi cinque.

Gli scienziati, come spesso accade per via della natura di questi fenomeni, non sono in grado di dire se il dato di luglio 2019 sia una conseguenza del cambiamento climatico. Possono però confermare che questo surriscaldamento è anomalo, e che le emissioni di COcollegabili all’attività umana stanno alterando gli equilibri naturali.

Petteri Taalas, segretario generale dell’Organizzazione mondiale meteorologica ha detto che questo mese ha “riscritto la storia del clima, con decine di nuovi record a livello locale, nazionale e globale” e ha invitato i governi di tutto il mondo ad attuare politiche per contrastare gli effetti del cambiamento climatico. Secondo le Nazioni Unite, per evitare i danni più catastrofici, bisogna contenere l’aumento della temperatura sotto ai 1,5°C e agire entro il 2030.

 

Potrebbe interessarti anche





Source link