Seleziona una pagina
martedì, Feb 06

Mare Fuori è diventato come la telenovela piemontese di Mai dire TV



Da Wired.it :

C’era una volta Mare Fuori, quello che ha tenuto incollati allo schermo milioni di spettatori. Ora c’è sempre Mare Fuori ma parliamo di qualcosa di completamente diverso. I più grandicelli si ricorderanno la mitica Sogni d’Amore, la telenovela trasmessa nei primi anni Novanta sulle emittenti locali piemontesi e diventata celebre per essere stata ripresa dalla Gialappa’s in Mai dire Tv.

Ecco, siamo a quei livelli.

I primi sei episodi della quarta stagione, attesissimi dal pubblico, sono in estrema sintesi una cocente delusione.

Andavamo pazzi per la serie televisiva. I personaggi, le storie che si intrecciavano, i colpi di scena. Anche chi si è avvicinato a Mare Fuori con un po’ di perplessità (pensando che fosse una di quelle produzioni pensate solo per un pubblico di giovanissimi) poi si è ritrovato a fare un binge watching di quelli seri e a cantare O’ mar for a squarciagola.

Il cringe della quarta stagione

L’attesa è stata lunga e le aspettative altissime. E diciamo la verità, sono pochissime le serie tv che riescono a mantenere lo stesso livello qualitativo per più stagioni (Six Feet Under anyone?). Ma qui non si tratta di stanchezza o di mancanza di idee. Mare Fuori è proprio cambiata ed è davvero un grandissimo dispiacere.

Non è facile entrare nei dettagli senza fare spoiler, quindi se non avete ancora visto la quarta stagione di Mare Fuori fermatevi qui.



[Fonte Wired.it]