Seleziona una pagina

da Hardware Upgrade :

Le fotocamere Mastcam-Z del rover NASA Perseverance sono state molto utili sia in passato ma anche recentemente. Grazie a questi strumenti scientifici è stato possibile, per esempio, riprendere l’ultima immagine di NASA Ingenuity posato su una duna di sabbia (dalla quale non si sposterà più autonomamente). Sempre grazie a queste fotocamere zoom è stato anche possibile catturare eclissi solari su un altro pianeta, Marte. A causa della conformazione delle lune marziane Fobos e Deimos e delle distanze relative, la spettacolarità di questo evento celeste è forse meno spettacolare dal punto di vista meramente estetico.

L’eclissi solare dovuta al transito di Fobos (fonte)

Si tratta però di un fenomeno utile per gli scienziati e comunque interessante se si pensa che è stato ripreso da un rover un pianeta che si trova a milioni di chilometri dalla Terra. Un’eclissi solare dovuta al transito del satellite naturale Deimos davanti al disco del Sole era avvenuta il 20 gennaio e catturata da NASA Perseverance. All’inizio della seconda settimana di febbraio è invece stata la volta di un transito di Fobos nuovamente catturato dal rover.

NASA Perseverance riprende l’eclissi solare di Fobos

Come scritto sopra, il rover statunitense è stato impiegato dagli scienziati per riprendere un’eclissi solare dovuta al transito di Fobos davanti al disco del Sole l’8 febbraio 2024. In particolare è stata impiegata la fotocamera Mastcam-Z di sinistra per catturare l’evento che servirà ai ricercatori per raccogliere dati su questi fenomeni e confrontarli con quelli che avvengono sulla Terra così come per studiare i satelliti naturali di Marte.

nasa perseverance fobos

In totale sono state catturate ben 68 fotografie differenti che sono state caricate sul sito dedicato alla missione Mars 2020. Fobos è stato scoperto nel 1877 grazie alle osservazioni dell’astronomo Asaph Hall. Le dimensioni di questo satellite naturali sono pari a 26 x 18 x 22 km e ha un’orbita che mediamente ha una quota di 9377 km dalla superficie del pianeta. Rispetto a Deimos è un po’ più grande considerando che quest’ultima ha dimensioni di 16 x 10 x 12 km. Deimos orbita (mediamente) anche a una distanza maggiore di Fobos a 23,4 km dalla superficie di Marte.

Comparazione tra le eclissi solari di Fobos e Deimos

Il periodo orbitale di Fobos è di 0,31891 giorni marziani (Sol). A marzo 2019 fu NASA Curiosity a catturate un’eclissi solare dovuta al passaggio di questa luna marziana grazie alla sua fotocamera Mastcam con una durata complessiva che durò 35″. Grazie a Mastcam-Z di NASA Perseverance la qualità delle immagini è superiore con una durata che è stata di circa 38″.

Il transito di Fobos per questa eclissi solare è iniziato nella parte superiore del disco solare e non è ha interessato la zona centrale della nostra stella. Essendo una luna più grande e orbitando più vicino di Deimos, la copertura del disco solare è maggiore e quindi l’eclissi è “più appariscente” e un po’ più simile a quella della Luna per la Terra (anche se il nostro satellite, a causa delle sue dimensioni e della sua forma permette anche la creazione di eclissi totali e anulari).

Source link