NASA Perseverance sta raccogliendo regolite marziana per aiutare i futuri astronauti

da Hardware Upgrade :

Il rover NASA Perseverance sta continuando l’esplorazione del delta del fiume che un tempo riempiva il cratere Jezero con acqua trasformandolo in un grande lago. Un ambiente ideale per lo sviluppo di vita (in particolare quella microbica) e quindi uno degli obiettivi più interessanti per l’agenzia spaziale statunitensi e per gli scienziati. Per questo la scoperta di composti organici ha suscitato molto interesse potendo essere, potenzialmente, prodotti da microorganismi (ma anche da processi che non richiedono vita). Per questo servono ulteriori studi per verificarlo.

regolite marte

La raccolta dei campioni per la missione Mars Sample Return (recentemente modificata nella sua struttura) sta procedendo speditamente e dal 12° campione raccolto sul finire di luglio siamo ora al 14° campione raccolto all’inizio di ottobre. Ancora più interessante è il fatto che il rover marziano nel prossimo futuro potrebbe anche raccogliere regolite marziana. Si tratta di un passo fondamentale in quanto lo studio della regolite servirà per garantire un ambiente sicuro per gli astronauti che visiteranno Marte con missioni umane (forse già entro il 2100). Il rover nel frattempo ha percorso 12,85 km e si trova sul pianeta da 565 sol.

NASA Perseverance raccoglierà regolite marziana per salvaguardare gli astronauti

Dopo il campione raccolto sul finire di luglio (12°), il rover marziano ha proseguito le sue attività passando al 13° campione chiamato Bearwallow ed estratto dalla zona di Wildcat Ridge (come nel caso del precedente), come spiegato sul sito ufficiale. Si è poi giunti recentemente alla raccolta del 14° campione che si trova in una zona diversa rispetto ai precedenti quattro. La roccia sedimentaria in questo caso si chiama Amalik mentre il campione ha preso il nome di Shuyak. Dopo l’inizio dell’estrazione sembra però che NASA Perseverance abbia incontrato un problema nel sigillare la provetta, stando a quanto riportato dall’account Twitter ufficiale.

regolite marziana

Gli scienziati però stanno già “guardando oltre” mentre viene risolto il problema a NASA Perseverance. Come spiegato dall’astrobiologa Erin Gibbons, uno dei prossimi obiettivi sarà raccogliere regolite marziana. La spiegazione, come scritto sopra, è quella di tutelare gli astronauti quando metteranno piede in futuro su Marte. La stessa regolite lunare è particolarmente insidiosa come hanno imparato gli astronauti delle varie missioni Apollo e sul Pianeta Rosso si vuole correre ancora meno rischi per la vita degli esseri umani che ci metteranno piede.

La stessa Gibbons ricorda che bisogna “determinare se la regolite e la polvere contengono rischi biologici che potrebbero essere inalati dagli astronauti. La polvere di Marte è ovunque e può essere sottile come le particelle di fumo di sigaretta. Dobbiamo sapere se è tossica”.

Inoltre, sempre guardando all’esplorazione umana, questa polvere potrebbe rappresentare un problema per l’hardware impiegato per l’atterraggio. Non solo problematiche però! Infatti la regolite marziana potrebbe essere impiegata per costruire strutture in grado di schermare dalle radiazioni gli astronauti.

regolite

La nostra conoscenza di Marte però va ampliata prima di immaginare piani. Per questo bisognerà sapere esattamente la quantità di radiazioni che arriva al suolo e quanta acqua può essere ricavata dal suolo (senza così doverla portare dalla Terra). Inoltre, un po’ come in “The Martian” la regolite marziana potrebbe essere impiegata in parte o integralmente come fertilizzante.

Studiare la regolite permetterà anche di datare i terreni (per l’evoluzione planetaria) su Marte in base alla loro interazione con i raggi cosmici. Essendo formata da varie tipologie di frammenti di roccia molto fine può anche dare un’idea della costituzione del terreno a livello locale, regionale e addirittura globale. Un’altra tematica sarà legata alla possibilità della regolite di preservare potenziali fossili come sulla Terra (meglio o peggio è da vedere). NASA Perseverance utilizzerà ancora una volta il suo braccio robotico ma anziché le punte da carotaggio saranno impiegate versioni studiate proprio per la regolite. Siamo ancora lontani decine di anni dallo sbarco dell’essere umano su Marte, ma bisognerà farsi trovare pronti.


Idee regalo,
perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!


Source link