Natale, cosa potrebbe costare di più



Da Wired.it :

A causa dell’aumento dei costi dei trasporti e degli effetti della crisi economica dovuta alla pandemia, le spese per queste festività potrebbero aumentare significativamente. Secondo quanto riporta il Sole 24 ore, quest’anno il Natale potrebbe costare alle italiane e agli italiani circa 1,4 miliardi di euro in più rispetto al periodo pre pandemia. In particolare i rincari dovrebbero riguardare pandori e panettoni, i viaggi e i regali in generale. Questa situazione, secondo Confcommercio, potrebbe portare a una forte riduzione dei consumi.

Non solo elettricità e gas quindi, che sono già aumentate rispettivamente del 29% e del 14%, e oltre al costo dei carburanti in continuo aumento, anche i generi alimentari peseranno di più sulle tasche delle persone durante le feste. Secondo Coldiretti quest’anno raggiungeremo il record del decennio sull’aumento dei prezzi del cibo. Il rincaro, precisa l’associazione, è trainato dall’aumento dei prezzi internazionali dei cereali, cresciuti del 22,4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dello zucchero, cresciuto di oltre il 40%, e dei grassi vegetali, balzati addirittura del 74% rispetto all’anno scorso. Pandori e panettoni in particolare potrebbero raggiugere un aumento dei prezzi tra il 10 e il 20%.

Inoltre, anche i prezzi per gli addobbi per la casa e per l’acquisto dei regali potrebbero subire un incremento medio di circa il 5% in più rispetto al 2019. I rincari dipendono in gran parte dalla pandemia, che ha aumentato i costi di trasporto dei prodotti e ha contribuito alla crisi delle materie prime, che ha causato sensibili aumenti del costo della componentistica.

Infine, è previsto un aumento anche per il costo delle consumazioni al bar e nei ristoranti. Cappuccino e cornetto al bar potrebbero arrivare a costare anche 3 euro e 40 centesimi, con un aumento di circa il 41,6% rispetto ai prezzi attuali e una tazzina di caffè potrebbe raggiungere il prezzo standard di 1,50 euro. Nemmeno i ristoranti si salvano da questo rincaro generale, ma a livelli più contenuti rispetto ai bar: circa il 3,1% in più.



[Fonte Wired.it]