Seleziona una pagina



Da Wired.it :

In realtà, per molti anni questa storia venne vista slegata da One Piece come tutte le altre storie presenti nel volume Wanted, almeno fino a quando non si arrivò alla saga di Thriller Bark. Questi avvenimenti sono piuttosto vecchi per chi segue il manga e l’anime, ma se avete visto solo la serie tv live action vi avvisiamo che seguiranno degli spoiler minori sulla storia dell’opera.

Durante la saga di Thriller Bark, Rufy e la sua ciurma si trovano ad affrontare Gecko Moria, un membro della Flotta dei Sette con il potere del frutto Ombra Ombra. Questo potere gli consente di staccare le ombre delle persone e attaccarle a dei corpi inanimati, che otterranno le abilità e la personalità dell’individuo a cui appartiene l’ombra originale. Moria usa questo potere per creare un esercito di zombie e tra questi zombie è presente proprio il samurai Ryuma.

Oda stesso confermò che il personaggio comparso in versione zombie fosse lo stesso di Monsters, vissuto secoli prima rispetto agli attuali eventi narrati in One Piece. Zoro affrontò poi in battaglia la versione zombie di Ryuma, sconfiggendolo e ottenendo la sua potente spada, chiamata Shusui, una delle più rinomate al mondo. Soltanto nella recente saga ambientata nel paese di Wa si viene a scoprire che il vero nome di Ryuma è Shimotsuki Ryuma, antenato di Zoro e venerato come un dio della spada nel paese dei samurai, per la sua enorme forza e per il fatto di aver ucciso un drago in un sol colpo.

Nel trailer dell’anime Monsters si può infatti vedere come il samurai utilizzi Shusui, la stessa spada con cui affronterà Zoro a Thriller Bark e che poi donerà allo spadaccino della tecnica delle tre spade. Infine, il titolo completo dell’anime tradotto in inglese è Monsters: 103 Mercies Dragon Damnation; il sottotitolo fa riferimento a una tecnica speciale di Zoro, con cui nella saga del paese di Wa, questi sconfigge King, uno dei più forti sottoposti dell’Imperatore Kaido.

Netflix e i possibili futuri spin-off di One Piece

One Piece sta dunque conquistando Netflix sempre più e non è da escludere che, dopo Monsters, possano arrivare altri spin-off in versione animata. D’altronde One Piece è una miniera d’oro per quanto riguarda eventuali storie extra da raccontare. Lo stesso Ryuma, anche se nella versione cartacea è stato protagonista solo di una storia autoconclusiva, potrebbe essere nuovamente protagonista di altri episodi speciali, dato che sappiamo per certo che nella sua vita ha vissuto moltissime avventure che lo hanno reso una leggenda nel paese di Wa e non solo.



[Fonte Wired.it]