Seleziona una pagina



Da Wired.it :

Il passaporto da dicembre e i servizi dell’Agenzia delle entrate e la carte d’identità elettronica da febbraio. Sono questi i prossimi passaggi che riguarderanno gli uffici postali dei comuni con meno di 15mila abitanti e contribuiranno allo sviluppo del Progetto Polis, iniziativa siglata nel 2021 da Poste Italiane e dall’allora ministero dello Sviluppo economico e finanziata con fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), con l’obiettivo di trasformare proprio gli uffici postali delle piccole città in centri multiservizi.

Le due novità, come riporta Il Sole 24 Ore, sono state annunciate al TG Poste dal condirettore generale dell’ente Giuseppe Lasco, che ha voluto sottolineare come al momento “stiamo già erogando servizi dell’Inps, certificati anagrafici e giudiziari. A partire da dicembre anche l’ufficio postale potrà erogare il passaporto, mentre da febbraio rilasceremo le Cie e i servizi dell’Agenzia delle entrate”.

Cos’è il progetto Polis

Il progetto di Poste italiane corre lungo due binari. Da un lato, è infatti finalizzato a portare i servizi telematici della pubblica amministrazione in sportelli unici di prossimità nei ben 6933 comuni italiani che contano popolazioni inferiori ai 15mila abitanti. Dall’altro, con “Spazi per l’Italia”, saranno messi a disposizione dei territori 250 spazi di coworking interconnessi tra loro per costituire un’unica rete digitalizzata e smart, 80 dei quali sorgeranno proprio nei comuni con meno di 15mila abitanti.

In tutto, gli uffici postali coinvolti dal progetto saranno circa settemila, che usufruiranno di finanziamenti totali per 1,2 miliardi, 800 milioni derivanti dal piano complementare al Pnrr e 400 direttamente dalle casse di Poste Italiane, che intende investire un euro per ogni due finanziati. Il periodo di investimento è partito nel 2022 e terminerà nel 2026.

Vogliamo dare a persone, aziende e professionisti – ha spiegato Lasco – l’opportunità di usare questi spazi”, che “non saranno solo nelle grandi città dove i player del settore sono già presenti ma soprattutto nelle realtà medio-piccole, per contribuire allo sviluppo sociale ed economico di tutto il paese”.



[Fonte Wired.it]