Per le CPU Intel Core i9 Raptor Lake picchi di potenza sino a 350 Watt

da Hardware Upgrade :

Intel sta preparando il debutto della prossima generazione di processori della famiglia Core, indicati con il nome di Raptor Lake-S. Attesi al debutto nel corso dell’autunno, questi processori adotteranno nuove schede madri basate sui chipset Intel della famiglia 700 ma condivideranno lo stesso socket LGA 1700 dei processori Core di 12-esima generazione ora in commercio, basati su architettura Alder Lake.

I nuovi processori introdurranno varie novità dal punto di vista architetturale, con nuovi core Performance e Efficient, fermo restando i livelli di TDP e quelli di potenza massima toccati dalle CPU nel momento in cui ne viene selezionata la massima frequenza di clock. La dinamica è quindi speculare a quella dei processori Alder Lake, con però una possibile profonda differenza per le proposte top di gamma.

Stando a quanto indicato dal sito ungherese ProHardver, i processori Raptor Lake-S della serie Core i9 potranno operare con un power limit spinto sino alla soglia di ben 350 Watt, contro i 241 Watt che sono il limite massimo del parametro PL1 così come selezionato dai processori Core i9 della serie Alder Lake. In questo modo la frequenza di clock massima potrà spingersi ancora più in alto, raggiungendo nel caso del modello Core i9-13900K il valore di 5,8GHz quale Max Boost Clock.

asrock-raptor-lake-bios_720.jpg

Una potenza massima di alimentazione di questo tipo sarebbe però ottenibile solo con alcune schede madri basate su chipset Intel della serie 700 e non abbinando questi processori alle piattaforme Socket LGA 1700 ora in commercio, dotate di chipset Intel della famiglia 600. Una caratteristica di questo tipo infatti richiede un adeguamento della circuiteria di alimentazione oltre ovviamente all’abbinamento di un sistema di raffreddamento più che adeguato.

Se tale caratteristica verrà confermata è facile prevedere che i produttori di schede madri saranno già all’opera per adeguare, con circuiterie opportunamente dimensionate, le proprie schede madri. Dinamica simile anche per i produttori di sistemi di raffreddamento, chiamati a sviluppare soluzioni che siano in grado di gestire al meglio dei valori di consumo così elevati.

Source link