Poste Italiane investe nel green: è suo il più grande impianto fotovoltaico lombardo

da Hardware Upgrade :

Tra i pi grandi in Italia e primo nella sua regione, limpianto fotovoltaico voluto da Poste Italiane per la sua sede aziendale di Melzo sta aprendo il capitolo che vede lEnte impegnato nellaumentare la propria sostenibilit, rendendosi indipendente dal punto di vista energetico e tagliando le emissioni di CO2 in atmosfera.

Sul tetto del centro sono stati installati 1.758 pannelli monocristallino per un totale di 3.200 mq (lequivalente di circa 12 campi da tennis); limpianto vanta una potenza di 670 kWp con una produzione media mensile di circa 60.000 kWh in grado di coprire il 13% circa dei consumi elettrici annui, con un risparmio di CO2 per lambiente pari a 300 tonnellate (lemissione annuale di circa 100 famiglie).

Poste Italiane ha iniziato a sfruttare la propria superficie utile per impianti fotovoltaici nel 2020 con ledificio multifunzionale di Poste Italiane in Via Pindaro, a Milano, dove si trova anche un Ufficio Postale. Da allora sono stati interessati gli edifici aziendali di Bareggio, Paderno, Settimo, e nuovamente nel capoluogo lombardo, in Via Tosi e presso la sede del Centro di distribuzione di Via Gozzoli. Sono previsti a breve impianti sui grandi Hub di smistamento della citt metropolitana di Milano tra cui il Centro di Peschiera Borromeo e il Centro di Roserio e le sedi di Lodi, Mantova e Brescia.

Alt

Ciascun impianto dispone di un cruscotto che consente di monitorare in tempo reale la produzione energetica, oltre ad una serie di parametri in linea con la sostenibilit (es. alberi equivalenti piantati, ecc); Poste Italiane ha intenzione di installare impianti fotovoltaici con una potenza media di circa 50 kWp per un perimetro di potenza complessiva pari a circa 19 MWp, intervenendo su 400 siti di medie e grandi dimensioni tra cui anche alcuni Centri di Smistamento Postale.

Linvestimento totale sar pari a circa 31,5 milioni di euro per il periodo 2021-2030 (termine entro cui il gruppo raggiunger la neutralit carbonica); a fine 2023 previsto che gli impianti funzionanti arriveranno a coprire circa il 5% del fabbisogno energetico di Poste Italiane.

La strategia energetica della societ si basa sulla logica dellautoconsumo diurno, con lenergia in eccesso immessa in rete solo nei giorni di chiusura.






Source link