Raptor Lake, le nuove CPU di Intel ormai non hanno più segreti: le specifiche

da Hardware Upgrade :

Le CPU Intel Core di 13a generazione “Raptor Lake” sono ormai davvero senza segreti grazie ai leak degli ultimi giorni da Wccftech e Igor’s Lab. I modelli al lancio, appartenenti alle serie K e KF, saranno sei: Core i9-13900K e KF, Core i7-13700K e KF e Core i5-13600K e KF. La K indica come sempre il moltiplicatore sbloccato, la F è invece sinonimo di GPU integrata disattivata, aspetto che permette a Intel di collocare il chip su un livello di prezzo inferiore ai modelli K.

Da tempo sappiamo che la principale novità di questa generazione di chip Intel, che succede alle soluzioni Alder Lake, sarà rappresentato dal raddoppio degli E-core. Il Core i9-13900K offrirà quindi ben 24 core e 32 thread, grazie a 8 P-core con Hyper-Threading e 16 E-core. Il 12900K, con 8 P-core e 8 E-core, offre invece 16 core e 24 thread.

L’architettura Raptor Lake prevede anche un incremento della cache L2. Per quanto concerne i P-core si sale dagli 1,25 MB di Alder Lake a 2 MB, nel caso dei cluster di E-core (4 core ciascuno) si arrivano a toccare i 4 MB contro i 2 MB precedenti. Ne consegue che nella migliore implementazione avremo 32 MB di cache L2, contro i 14 MB del 12900K. La cache L3 massima, invece, salirà a 36 MB rispetto ai 30 MB precedenti per effetto dei due cluster di E-core in più (3 MB ciascuno).


Clicca per ingrandire

Stando alle informazioni diffuse dai leak, i P-core del Core i9-13900K saranno impostati a un base clock di 3 GHz, ma grazie ai vari algoritmi Turbo Boost (e ammesso e non concesso che il raffreddamento e l’alimentazione lo permettano) si potranno spingere fino a 5,8 GHz. Gli E-core, invece, saranno accompagnati da un base clock di 2,2 GHz e un Turbo Boost di 4,3 GHz.

Il 12900K, lo ricordiamo, vede i P-core con un base clock di 3,2 GHz ma può accelerare fino a 5,2 GHz. Gli E-core, invece, operano a 2,4 GHz (base) e si spingono fino a 3,9 GHz (boost).

Questi valori, unitamente ai core in più, imporranno a Intel un incremento del Maximum Turbo Power a 253W rispetto ai 241W toccati dal 12900K. In termini di specifiche tecniche, da segnalare l’update del controller di memoria per supportare di base le DDR5-5600, un salto rispetto alle DDR5-4800 di Alder Lake. Le CPU continueranno a funzionare anche sulle motherboard con memoria DDR4. Non ci saranno invece novità per le SKU con la grafica integrata, che rimarrà la HD Graphics 770.

Il Core i7-13700K offrirà 4 core e 4 thread in più del Core i7-12700K, salendo a 16 core e 24 thread in totale dai 12 e 20 thread precedenti. Per effetto delle modifiche, il 13700K avrà 30 MB di cache L3 e 24 MB di cache L2. Il clock dei P-core su questo modello partirà dai 3,4 GHz base per arrivare a un massimo di 5,4 GHz. Quello degli E-core andrà da 2,5 GHz per arrivare fino a 4,2 GHz.

Il 12700K, per confronto, parte da 3,6 GHz e si spinge fino a 5 GHz nel caso dei P-core, mentre nel caso degli E-core i clock sono rispettivamente 2,7/3,8 GHz. Interessante il valore del Maximum Turbo Power, che passerà dai 190W del 12700K ai 253W del Core i7-13700K.


Clicca per ingrandire

Proseguiamo la disamina con il Core i5-13600K, processore con 14 core (6 P-core e 8 E-core) e 20 thread, a cui si affiancheranno 24 MB di cache L3 e 20 MB di cache L2. Il Core i5-12600K ha lo stesso numero di P-core ma 4 E-core in meno, oltre ovviamente a meno cache L2 e L3.

I P-core saranno impostati di base a 3,5 GHz e potranno spingersi fino a un massimo di 5,1 GHz, mentre gli E-core opereranno di base a 2,6 GHz per poi toccare i 3,9 GHz in Turbo Boost. Nel caso del 12600K, il clock dei P-core è 3,7/4,9 GHz, mentre gli E-core operano a 2,8/3,6 GHz. Il Maximum Turbo Power sale dai 150W del 12600K ai 181W del 13600K.

Osservando i numeri, si può notare come Intel abbia ridotto di 200 MHz il base clock di P-core ed E-core, ma abbia sparato alto in termini di Turbo Boost, allargando le maglie del TDP. D’altronde queste CPU sono prodotte con il processo Intel 7, lo stesso delle CPU Alder Lake.

Probabilmente a partire dall’inizio 2023, la gamma si espanderà con i modelli Core i9-13900 (24 core totali, 8P+16E), Core i7-13700 (16 core totali, 8P+8E), Core i5-13600 (14 core totali, 6P+8E), Core i5-13500 (14 core, 6P+EC) e Core i5-13400 (10 core totali, 6P+4E). Tutte queste soluzioni avranno un Processor Base Power di 65W, ma ci saranno anche due modelli T da 35W chiamati Core i9 13900T e Core i7 13700T. I nuovi documenti non citano i Core i3, ma precedenti indiscrezioni parlavano anche di un Core i3-13100 formato da solo 4 P-core.


Clicca per ingrandire

Da rilevare che per i Core 13000 Intel dovrebbe continuare a sfruttare i die di Alder Lake (C-0 e H-0) per le CPU di fascia medio-bassa, sfruttando il nuovo die B-0 Raptor Lake solo a partire dal Core i5-13600K fino ad arrivare al Core i9-13900K. Questo lo si deduce dalla slide qui sopra in cui la maggiore cache L2 viene accostante alle CPU “Core i5K” in poi.

Quanto alla piattaforma, abbiamo già detto più e più volte che i Core 13000 si potranno installare nelle motherboard della serie 600 previo update del BIOS, ma arriveranno anche i chipset della serie 700 a partire dallo Z790.


Clicca per ingrandire

Rispetto allo Z690, Intel avrebbe deciso di ridurre le linee PCIe 3.0 da un massimo di 16 a 8, per incrementare le linee PCIe 4.0 da un massimo di 12 a 20. A queste linee se ne aggiungono 4 dalla CPU, un numero che dovrebbe rimanere invariato. Stessa cosa per il PCIe 5.0, gestito dalle CPU con un massimo di 16 linee, anche se in questo caso saranno divisibili in configurazione x8-x8 per supportare gli SSD M.2 PCIe 5.0 di nuova generazione. Intel, infine, porterà il supporto alle USB 3.2 Gen 2×2 (20 Gbps) da un massimo di quattro a cinque porte.

Intel ufficializzerà la nuova gamma di CPU Core il 27 settembre all’evento Intel InnovatiON, in vista di un debutto sul mercato di processori e motherboard nel corso del mese di ottobre.

Source link