Samsung Galaxy S23 solo con chip Snapdragon? Possibile, il business degli Exynos è in riorganizzazione

da Hardware Upgrade :

Qualcomm e Samsung ancora insieme, a lungo, per dotare gli smartphone Galaxy e altri prodotti dell’azienda sudcoreana con i chip Snapdragon. Non solo, le due realtà hanno anche esteso gli accordi di licenza sulle tecnologie 3G, 4G, 5G e la futura 6G fino alla fine del 20230.

“L’estensione del nostro accordo di licenza è un’ulteriore prova del nostro impegno reciproco per una collaborazione a lungo termine”, ha affermato Cristiano Amon, presidente e AD di Qualcomm Incorporated. “Il nostro rapporto con Samsung non è mai stato così forte. Per più di due decenni abbiamo lavorato insieme per guidare il settore e siamo lieti di continuare questa partnership strategica per sviluppare tecnologie e prodotti innovativi che usano piattaforme Snapdragon per alimentare più dispositivi Samsung premium a livello globale“.

Proprio l’ultimo passaggio del virgolettato ha indotto alcuni a ritenere che Samsung abbia scelto di usare solo SoC Qualcomm Snapdragon per il futuro Galaxy S23. Non è qualcosa da escludere, sia chiaro, ma la dichiarazione di Amon non dice nulla di ciò. La lettura “maliziosa” delle parole del massimo dirigente di Qualcomm sembra più un auspicio di molti che una conferma, anche se indubbiamente la divisione Exynos ha i suoi problemi e una “pausa” nell’uso degli Exynos potrebbe essere all’orizzonte.

Come abbiamo visto nel confronto tra Galaxy S22 Ultra con chip differenti, Samsung è solita proporre i top di gamma con due chip diversi a seconda dell’area geografica: i telefoni diretti negli USA hanno chip Qualcomm, il resto del mondo prevede le soluzioni proprietarie Exynos. Nel caso di S22, per la precisione, Snapdragon 8 Gen 1 ed Exynos 2200.

Nella nostra prova il SoC Exynos, dotato per la prima volta di GPU basata su architettura RDNA 2 di AMD (Xclipse 920), non si è comportato al livello della controparte di Qualcomm e in generale gli Exynos sono sempre stati peggiori anche in termini di consumi e temperature.

Molti auspicano che Samsung stacchi la spina al business Exynos, ma in Corea del Sud non sembrano intenzionati a farlo. “Non è affatto vero” è la dichiarazione che rimbalza dai media locali. “Attualmente, stiamo riorganizzando il nostro modello di business dei system-on-chip (SoC) e stiamo perseguendo misure per rafforzare la nostra competitività nel medio-lungo termine”.

La riorganizzazione potrebbe portare Samsung a non usare chip Exynos per il Galaxy S23. Indiscrezioni dei mesi scorsi riportano che anche il modello S24 sarà dotato solo di chip Qualcomm, in vista di un grande ritorno degli Exynos nel 2025. In passato ci sono stati anche voci su un possibile uso di chip MediaTek per i flagship dell’azienda sudcoreana.

Non resta che attendere ulteriori informazioni, quello che è certo è che Qualcomm non ha confermato un bel niente e che il business degli Exynos non è mai decollato come Samsung avrebbe voluto: secondo stime del Q4 2021 di Counterpoint Research, MediaTek ha una quota di mercato nel campo dei SoC del 33%, seguita da Qualcomm con il 30% e Apple con il 21%. I chip Exynos di Samsung, invece, raccoglierebbero un misero 4%.


Source link