Da Punto-Informatico.it :

Al momento, il servizio Samsung TV Plus che raccoglie centinaia di canali da guardare in streaming gratis, è un’esclusiva dei televisori (e degli altri dispositivi) commercializzati dal brand, sui quali risulta preinstallato. Le cose potrebbero cambiare presto, come riportato nel fine settimana dal giornalista Janko Roettgers nella newsletter Lowpass. Il primo marchio a beneficiarne dovrebbe essere TCL.

L’app di Samsung TV Plus su tutti i televisori?

Al momento, la piattaforma accoglie film e serie come Misfits, Doctor Who e quelle di Pluto TV, ma anche canali dedicati ai reality, allo sport, ai documentari e al cinema. Non mancano poi trasmissioni dedicate ai bambini e alla musica. L’elenco completo di quanto accessibile dall’Italia è consultabile sulle pagine del sito ufficiale.

L'interfaccia del servizio Samsung TV Plus

Lanciato nel 2015, il servizio ha conquistato nel tempo una fetta di pubblico in costante crescita. Il modello di business si basa sugli introiti generati attraverso la visione delle inserzioni pubblicitarie. Nel tempo è stato preinstallato anche sugli smartphone della linea Galaxy e persino sui frigoriferi della gamma Family Hub dotati di schermo.

Per ora, non si registrano conferme né smentite all’indiscrezione. Considerando però la tendenza che sta interessando tutti i servizi di streaming premium (da Netflix a Disney+), tra limitazioni imposte alla condivisione delle password e periodici aumenti dei prezzi per gli abbonamenti, è comprensibile il motivo che sta spingendo sempre più spettatori a rivolgersi a piattaforme come Samsung TV Plus, gratuite se si accetta di dedicare un po’ di tempo alla visione degli spot. Il gruppo sudcoreano ne è consapevole, così come del fatto che la concorrenza (LG, Vizio e la stessa TCL) si è già mossa con iniziative simili, attivandosi per conquistare una fetta importante di questo mercato pronto a esplodere.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.



Fonte Punto Informatico Source link