Secondo il capo di Xbox, Phil Spencer, le esclusive sono destinate a sparire

da Hardware Upgrade :

In una recente intervista rilasciata a Bloomberg, Phil Spencer, capo della divisione Xbox di Microsoft, è stato chiaro sul futuro delle esclusive console. Secondo il dirigente l’esclusività dei giochi danneggia il settore e soprattutto i videogiocatori, rendendo la strategia insostenibile negli anni a venire.

Può sembrare un paradosso, dato che la vendita delle console si è per anni fondata proprio sul software in esclusiva. Eppure, secondo Phil Spencer è una strategia che ormai non può essere intrapresa nel panorama attuale e futuro, poiché rappresenta un limite tanto per le piattaforme quanto per i giocatori.

Potrebbe capitarti di acquistare una Xbox mentre io magari acquisto una PlayStation ed i nostri figli vorrebbero giocare insieme e non possono, perché abbiamo comprato il pezzo di plastica sbagliato da collegare alla nostra TV” ha dichiarato Spencer.

Ci piace essere in grado di spingere le persone a ridurre gli attriti, farle sentire al sicuro, al sicuro mentre stanno giocando, consentendogli di trovare i loro amici, giocare con i loro amici, indipendentemente dalla piattaforma – credo che sul lungo termine sia la strada giusta per l’industria” ha poi continuato. “Probabilmente allo stato attuale, ci sono alcune persone di alcune compagnie a cui questo non piace. Ma credo che una volta superato l’ostacolo e appurato che l’industria può continuare a crescere, sarà evidente che è la verità.

Le dichiarazioni hanno fatto seguito alla discussione sulla recente acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft. L’accordo attualmente è al vaglio di numerose agenzie antitrust, in ragione di una fase di riassestamento dell’intero settore che potrebbe portare squilibri nel mercato. È questa, infatti, la maggiore preoccupazione di Sony che reputa reale il rischio che alcune IP come Call of Duty, uno dei brand di maggiore prestigio in assoluto su console, possa non arrivare più su PlayStation.

L’acquisizione da parte di Microsoft non annullerà i contratti già sottoscritti da Activision Blizzard con la nipponica, che la impegnano a portare tanto i giochi quanto alcuni contenuti in esclusiva su PlayStation. Tuttavia, l’accordo coinvolge solo i prossimi tre titoli, incluso l’imminente Modern Warfare 2, ragione per cui il timore di Sony è che in seguito Microsoft possa decidere di interrompere il supporto alla piattaforma concorrente. Le dichiarazioni di Spencer vanno però esattamente nella direzione opposta, il che dovrebbe rassicurare i vertici della società giapponese.



Source link