Sony Xperia 1 IV: il primo smartphone con zoom ottico continuo! Ma a che prezzo? La recensione

da Hardware Upgrade :

Sony torna sul mercato con il suo top di gamma Xperia 1 IV con l’obiettivo di portare agli utenti un device con uno stile unico e diverso dai competitor. Il colosso giapponese vuole distinguersi dalla maggior parte dei brand di telefonia, e questo Xperia 1 IV sicuramente un esempio. Lo smartphone in questione ha praticamente tutto, ma a quale prezzo?

Design e confezione

Sony Xperia 1 IV si presenta con il classico e iconico design della serie Xperia: bello, elegante, sottile e con la solita forma allungata. Il frame in alluminio mentre su entrambi i fronti troviamo due vetri Gorilla Glass Invictus di ultima generazione. Lo smartphone costruito molto bene e il touch and feel davvero invidiabile, grazie ad una back cover opaca e a delle dimensioni compatte (165 x 71 x 8.2 mm).

L’isola della fotocamera leggermente sporgente e mantiene la forma a semaforo vista nelle generazioni precedenti. Sopra l’isola e a filo con il retro si trovano il flash LED e il sensore di colore RGB per un migliore bilanciamento del bianco e precisione del colore su tutte le fotocamere.

Non manca la certificazione IP68, che permette di immergere completamente il dispositivo in acqua. Il foro che ospita la selfie cam situato nella cornice superiore, quindi niente notch e niente punch hole. Inoltre, nella parte superiore troviamo anche un piccolo LED di notifica, caratteristica ormai sparita nella stragrande maggioranza degli smartphone in commercio. Altra nota positiva il jack audio da 3,5 per le cuffie presente sul lato superiore e il tasto di messa a fuoco e scatto per avviare velocemente la fotocamera.

Purtroppo la confezione di Xperia 1 IV scarnissima. All’interno della piccola scatola troviamo solamente lo smartphone con i manuali di istruzione. Niente caricabatterie, niente cavo, niente cuffie e niente cover.

Display

Sony Xperia 1 IV monta un pannello da 6,5 pollici, stretto e allungato (21:9), con tecnologia OLED, risoluzione 4K e una frequenza di aggiornamento che raggiunge i 120Hz. Sulla carta parliamo di un display con pochi rivali, ma vediamo come si comportato nei nostri test.



Caratteristica peculiare diSony Xperia 1 IV la presenza di un display dotato di risoluzione 4K. Da anni, ormai, la serie del brand giapponese l’unica a poter vantare un pannello cos definito, capace di offrire una densit dei pixel pari a 643 ppi. La risoluzione non un 4K “puro”, cio 3840×2160 pixel, per via del formato 21:9 adottato: come avveniva con le precedenti generazioni, quindi, abbiamo una risoluzione di 3840×1644 pixel.

Rimane la minuziosit delle personalizzazioni possibili in termini di qualit delle immagini: l’utente pu ad esempio modificare il Bilanciamento del bianco scegliendo fra tre preset (caldo, medio, freddo), oppure personalizzando le tre componenti primarie via tre slider separati o scegliendo la temperatura preferita per il bianco in base ai diversi standard.

Si pu inoltre scegliere fra due modalit di visualizzazione:Creator mode, che fa riferimento al profilo colore del contenuto per estendere o meno il profilo colore fra sRGB o DCI-P3;Standard mode, che invece estende al massimo il profilo colore, in termini di saturazioni, per offrire l’immagine pi accesa possibile che pu sfornare il pannello. La prima chiaramente la pi fedele ai riferimenti, la seconda la pi “bella” per l’utente meno esigente.

Abilitando la modalit Creazione possiamo scegliere di abilitare lamodalit“Real-time HDR drive”, che ottimizza i contenuti HDR frame per frame per migliorare la visibilit dei contenuti in relazione alla luce ambientale. Attivando la Standard mode si pu invece abilitare la funzioneVideo image enhancement, che sfrutta la tecnologia integrataX1 for mobilein modo da trasformare tutti i contenuti come se fossero registrati in Wide color, abilitando anche la modalit Real-time HDR drive.

La luminanza massima fatta registrare dal display nei nostri test839 nit con un APL del 15%, con il valore che non cambia di molto quando si riproduce una schermata bianca. Lo smartphone raggiunge e supera i 900 nit con contenuti HDR, il tutto con un rapporto di contrasto ottimale grazie alla presenza di un OLED che pu spegnere i pixel per “riprodurre” il nero.

Si tratta di un pannello molto luminoso, anche se un po’ sotto la media rispetto a quanto ci ha abituato la categoria. Buona, quindi, la visibilit sotto la luce del sole con tutti i contenuti SDR, ma molti modelli concorrenti fanno di meglio. Diversa, invece, la situazione con i contenuti HDR, dove Xperia 1 IV pu vantare un’ottima luminanza massima e diverse ottimizzazioni che migliorano ulteriormente la visibilit delle scene pi scure. Unica pecca: gli angoli di visione non sono ineccepibili come invece abbiamo visto su altri OLED.

Analisi display




Gamut (Creator)



Gamut (Standard)



RGB



Gamma



DeltaE


Le analisi del display mostrano ottime qualit in tutti gli ambiti, con le due modalit che riescono a rispondere alle esigenze di un pubblico molto variegato. Da una parte c’ la modalit Standard, quella predefinita, che estende al massimo le saturazioni di colori primari e complementari, per offrire una riproduzione capace del migliore effetto “wow”. Dall’altra c’ la modalit Creator (o Creazione, in lingua italiana), che segue perfettamente i riferimenti. La prima meno precisa, l’altra invece precisissima, a tal punto che chiude il nostro test di fedelt cromatica con i difficili colori del Macbeth Color Checker con un DeltaE medio di appena 1,6. Si tratta di uno dei migliori valori su smartphone, e in assoluto un valore eccellente. Una tale precisione, in relazione ai dettami dello standard DCI-P3, ottenuta grazie un triangolo di gamut coperto in maniera certosina, una curva di gamma che segue molto bene il riferimento e un bilanciamento del bianco abbastanza preciso e che mostra solo una lieve dominante blu.


Riproduzione HDR




Gamma



Gamut


Anche per quanto riguarda i contenuti in HDR Sony ha svolto un lavoro di calibrazione certosino. Lo smartphone offre una riproduzione di altissimo livello senza allontanarsi dalle intenzioni originali del regista: oltre a un triangolo di gamut che viene coperto quasi nella sua interezza con grande precisione, da incorniciare la progressione tonale della scala dei grigi, praticamente perfetta. Lo smartphone segue in maniera precisa lo standard fino al 75%, cedendo al clipping solo con una luminanza di 902 nit. Un valore molto elevato che garantisce una riproduzione estremamente valida dei contenuti registrati ad ampia gamma dinamica anche nelle scene pi buie.

Hardware e software

Lato software, lo smartphone monta il potente SoC Snapdragon 8 Gen 1 di Qualcomm, chipset a 4nm utilizzato dagli ultimi dispositivi di fascia alta disponibili sul mercato, nonch il pi potente. Parliamo di una CPU octa-core formata da 1×3.00 GHz Cortex-X2 & 3×2.50 GHz Cortex-A710 & 4×1.80 GHz Cortex-A510 e della GPU Adreno 730. Lato memorie troviamo 12GB di RAM e 256 GB di memoria di archiviazione interna, espandibile tramite Micro SD fino a 1TB (rinunciando al Dual-SIM).

Parlando di prestazioni, i nostri benchmark hanno registrato dei buoni risultati, ma non al livello di altri top di gamma. La pecca pi evidente dello smartphone il surriscaldamento, caratteristica negativa che abbiamo gi riscontrato in altri dispositivi che montano l’ultimo SoC di Qualcomm. Lo smartphone scalda dopo un utilizzo prolungato, ma comunque senza grandi allarmismi. Sembra che Sony abbia dato priorit alla gestione termica e al consumo energetico rispetto a prestazioni pi alte. Per quanto riguarda il lato ludico, non parliamo di un gaming-phone, ma di uno smartphone che se la cava e offre prestazioni comunque buone, nonostante un notevole surriscaldamento durante lunghe sessioni di gioco con un conseguente lieve degrado delle prestazioni nel tempo

In conclusione, abbiamo registrato prestazioni leggermente inferiori agli smartphone della stessa fascia di prezzo, ma nell’utilizzo quotidiano le differenze sono minime.

Il comparto audio una chicca di questo Xperia 1 IV, senza dubbio il migliore sul mercato in questo momento. Sony garantisce un aumento del volumedel 10% e fino al 50% in pi di bassi rispetto al precedente telefono di punta. Gli speaker stereo sono posizionati simmetricamente nella parte superiore e inferiore del display, cos da avere un suono pi bilanciato. Eccellente anche la vibrazione, grazie alla tecnologia chiamata Dynamic vibration system. Lo smartphone include e supporta Wi-Fi 6e, Bluetooth 5.2, 5G, NFC, Dual SIM, certificazione IP68 e sensore d’impronte digitali integrato nel tasto di accensione e spegnimento.

Prestazioni


Clicca per ingrandire



Clicca per ingrandire



Clicca per ingrandire



Clicca per ingrandire


Lato software, Sony Xperia 1V esegue Android 12, con un esperienza utente piuttosto Google stock. Sony si affida a una serie di app Google per i servizi di base, come Foto per la galleria e Chrome come browser predefinito. Le app “Sony style” come Video Pro e Photo Pro sono state aggiornate, ed stata aggiunta anche l’app Music Pro. Queste app multimediali sono ben strutturate e complete, per lo pi utili per un pubblico esperto e meno per un pubblico pi generale.



In sostanza, Sony si concentra molto su funzionalit di nicchia, spesso “trascurando” l’utente medio. In conclusione, parliamo di un’interfaccia utente sempre pi vicina ad Android Stock, con qualche chicca di Sony. La UI rimane dunque semplice, pulita e funzionale per un utilizzo standard.

Fotocamera


Il comparto fotografico di Sony Xperia 1 IV possiamo definirlo un aggiornamento importante rispetto alla versione precedente. Parliamo di una tripla cam, funzionale e utile in tutti i sensori. Xperia 1 IV ci ha stupiti soprattutto per la sua capacita di messa a fuoco, fedelt cromatica e la registrazione video.

Non nascondiamo per, che per tirare fuori il meglio di s, questo comparto fotografico ha bisogno di mani esperte. La modalit manuale la grande caratteristica che distingue la fotocamera di Sony Xperia 1 IV da quelle dei competitor, ma sappiamo bene che la quasi totalit degli utenti utilizza il semplice punta e scatta. Il flagship di Sony monta le seguenti fotocamere:

  • Principale da12 MP, f/1.7, 24 mm, 1/1.7″, 1.8m, Dual Pixel PDAF, OIS
  • Teleobiettivo da 12 MP, f/2.3, 85 mm , f/2.8, 125 mm, 1/3.5″ , Dual Pixel PDAF, zoom ottico continuo 3,5x-5,2x, OIS
  • Ultra grandangolare da 12 MP, f/2,2, 124˚, 16 mm, 1/2,5″, Dual Pixel PDAF
  • Sensore da 0,3 MP, TOF 3D
  • Selfie cam da 12 MP, f/2.0, 24 mm, 1/2,9″, 1,25 m

Rispetto a Sony Xperia 1 III abbiamo uno zoom continuo che parte da 85mm fino a 125mm con stabilizzazione ottica. Non manca il sensore IR RGB per un accurato bilanciamento del bianco e la fotocamera ToF per un’efficace messa a fuoco. Ma come scatta nel quotidiano questo Sony?








Gli scatti con la cam principale alla luce del giorno sono ottimi e con una fedelt cromatica con pochi rivali nel settore. Con il semplice punta e scatta si ottengono foto da smartphone di fascia alta, con una buonissima qualit dei dettagli priva di rumore fotografico, un ottimo bilanciamento del bianco e un’ampia gamma dinamica. Dove rimane imbattibile Sony la resa naturale, con colori fedeli alla realt.

Stesso discorso vale per le foto ultra grandangolari. Gli scatti sono fedeli e dettagliati e il rumore davvero minimo, cos come la distorsione dell’immagine. La vera chicca di questo comparto fotografico rimane il teleobiettivo, che permette due posizioni fisse nell’interfaccia (3,5x e 5,2x) ma che pu variare nell’intervallo tra i due con una differenza di qualit minima grazie allo zoom ottico continuo.







La fotocamera di Sony non possiede una modalit notturna e bokeh, anche se non si risente una particolare necessit visti i risultati. Di notte gli scatti sono nitidi, dettagliati e poco rumorosi con tutte e tre le fotocamere, anche la resa del colore rimane realistica. Forse per la ultra wide una modalit notturna dedicata avrebbe comunque aiutato.

Il sensore frontale da 12MP offre selfie di buona qualit, mantenendo le specifiche di colore, contrasto e dettaglio delle cam posteriori. I ritratti sono buoni, con un ritaglio e una sfocatura convincente.






Tutte e tre le fotocamere posteriori consentono di registrare video in 4K a 30 fps in modalit automatica, mentre scendendo a 1080p si pu passare a 60fps. Per i pi esperti, utilizzando l’app Video Pro si pu registrare in 4K sbloccando altri frame rate fino a 120 fps (24, 25, 30, 60 e 120 fps) per tutte e tre le camere.

Parlando di qualit, i risultati dei video sono davvero ottimi. La gamma dinamica molto ampia mentre l’esposizione e la stabilizzazione con il tracciamento dell’ Auto Focus in tempo reale sono tra i migliori sul mercato.


Batteria

Sony Xperia 1 IV monta una batteria da 5.000 mAh, aumentando la capienza del 10% rispetto alla generazione precedente. L’autonomia di Xperia 1 III aveva deluso le aspettative, e per questo Sony ha deciso di migliorare sostanzialmente la durata della batteria del nuovo flagship.


Sony Xperia 1 IV ti permette di arrivare tranquillamente a sera, anche con una buona percentuale di batteria residua (20%). Per quanto riguarda la ricarica rapida non ci sono cambiamenti, lo smartphone supporta la fast charge fino a 30W via cavo e 15W wireless. In mezz’ora di tempo raggiunge il 50% di carica, ancora lontana dalla maggior parte dei competitor.

Prezzi e disponibilit

Sony non sembra voler cambiare la propria politica sui prezzi, spesso considerati troppo elevati. Infatti, Xperia 1 IV viene venduto ad un prezzo di lancio di 1.399 euro, 100 euro in pi rispetto alla generazione precedente. Parliamo di uno smartphone premium, ma a parer mio non per tutti, nonostante Sony ci abbia sempre abituati a ottimi smartphone, molto curati nel design, nel display e nel comparto multimediale.



Al giorno d’oggi per sono troppi i brand e i relativi dispositivi – anche meno costosi – con cui Xperia 1 IV obbligato a competere, soprattutto mantenendo questi prezzi. Sul mercato si trovano smartphone a cifre decisamente pi basse e che offrono una scheda tecnica comparabile. Se la sfida sta nei dettagli, Sony sicuramente tra le prime in classifica, ma purtroppo c’ ancora da lavorare in alcuni comparti per raggiungere un pubblico pi ampio.

Source link