Spotify, la playlist diventa un paesaggio


Su Musicscape un’intelligenza artificiale rileva le caratteristiche di un brano musicale e le trasferisce nel disegno di un paesaggio immaginario

Il MusicScape creato analizzando gli ultimi 50 brani ascoltati. Lo sfondo è rosa poiché i brani recenti trasmettono emozioni felici o allegre, è giorno visto che i brani ascoltati sono in maggiore. Le montagne sono frastagliate per via delle canzoni energetiche ascoltate e sono in toni viola brillante perché le canzoni ascoltate sono per lo più in chiave di sol (fonte: MusicScape)

Quante volte, ascoltando una canzone o una sinfonia, avete chiuso gli occhi e vi siete lasciati cullare dalla musica, immaginando un paesaggio o un luogo di fantasia? Bene, ora potrete ammirarlo nel vostro pc. Perché il sito MusicScape rielabora attraverso un’intelligenza artificiale un paesaggio di fantasia basato sugli ultimi 50 brani ascoltati da un utente su Spotify.

L’intelligenza artificiale assegna i colori in base al fatto che i brani ascoltati siano felici o tristi e crea l’immagine basandosi anche sul genere musicale ascoltato. Gli accordi indirizzzano su un paesaggio di giorno se gli accordi sono prevalentemente in maggiore, o di notte se gli accordi sono in minore.

Generalmente i paesaggi generati ritraggono tutti delle montagne che potranno risultare più o meno frastagliate a seconda dell’energia trasmessa delle canzoni ascoltate. Se quindi un utente è solito ascoltare musica rock è più probabile che le montagne presenti nel suo disegno siano più appuntite e frastagliate rispetto a quelle create sulla base di un brano lento. Il colore delle montagne in primo piano è scelto dall’Ai basandosi sulla chiave musicale con cui sono composte le canzoni.

Il paesaggio cambia anche in base alla frequenza con cui si utilizza Spotify: più si ascolta musica sull’app, più numerose saranno le montagne. Spotify consiglia agli utenti di sperimentare e ascoltare musica differente per vedere come si modifica il disegno di Musicscape.

Potrebbe interessarti anche





Source link