da Hardware Upgrade :

Star Wars Jedi Survivor uscito da qualche giorno, e gi se ne parlato tantissimo. Questo articolo, tuttavia, sar differente dal solito, perch si concentrer sulle moderne forme di narrazione, dove prevale, dopo l’epoca della serialit, il concetto di crossmedialit. Seguendo il lascito del Marvel Cinematic Universe, che ha dominato al botteghino e nei gusti degli appassionati, Star Wars sta portando queste nuove forme di racconto a un livello successivo, dove film, serie televisive, romanzi, fumetti e videogiochi si trovano tutti sullo stesso piano, concorrono con pari dignit nel portare avanti il racconto e sono tutti coesi e coerenti tra di loro.



Jedi Survivor punta a replicare il successo e l’apprezzamento che ha ricevuto il suo predecessore, Jedi Fallen Order, che nel 2019 stato largamente apprezzato per le sue meccaniche soulslike (o soft soulslike), ma anche perch faceva gi parte del Canone di Star Wars. stato a pi riprese citato da altre opere canoniche: per esempio un’unit droide BD si scorge in The Book of Boba Fett mentre il pianeta in cui Cal Kestis svolge il suo lavoro di rottamatore, Bracca, apparso in un episodio di Star Wars: The Bad Batch. Questo seguito lo migliora in vari aspetti, principalmente tecnici, con mondi di gioco pi grandi ed esplorabili liberamente (non senza ripercussioni sul piano delle meccaniche di gioco, anche se questo conduce a una serie di problematiche prestazionali), ma soprattutto recepisce i cambiamenti alla narrazione di Star Wars che sono stati introdotti dai pi recenti contenuti, serie televisive e romanzi in particolare.


Se non avete sentito mai parlare dell’Alta Repubblica, nello specifico, potreste rimanere disorientati riguardo certe scelte narrative, soprattutto in riferimento a Koboh, uno dei pianeti esplorabili di Jedi Survivor (anzi, forse il pi dettagliato). L’Alta Repubblica un lungo racconto che si compone di tre fasi temporalmente collocato 200 anni prima degli avvenimenti di Episodio I: La minaccia fantasma (precisamente a partire dal 232 BBY, ovvero 232 anni prima della Battaglia di Yavin, quindi degli avvenimenti di Episodio IV: Una nuova speranza). Fino a oggi l’Alta Repubblica si composto esclusivamente di romanzi e fumetti, mentre debutta per la prima volta in chiave fotorealistica proprio con Jedi Survivor.


Parliamo, quindi, di un momento determinante per l’appassionato di Star Wars che segue tutto, che Lucasfilm sta affidando a un videogioco. Jedi Survivor non si limita a convertire in immagini ci che abbiamo fin qui solo immaginato con l’Alta Repubblica, ma riunisce varie opere di Star Wars, citandole in vario modo, immergendole nella sua storia e svelando alcuni particolari che segneranno il futuro narrativo della galassia lontana lontana. Parliamo di una storia ambientata nel 9 BBY, 5 anni dopo la storia di Fallen Order (14 BBY) e nello stesso anno in cui sono contestualizzate le vicende della serie televisiva Obi-Wan Kenobi.


Le Guerre dei Cloni sono finite da 10 anni, l’Impero Galattico ha preso il sopravvento e sta progressivamente assoggettando al proprio dominio vari mondi in giro per la galassia. Il protagonista dei due giochi Cal Kestis, colui che sfuggito all’Ordine 66 per una serie di fortunate coincidenze e per il sacrificio del suo Maestro, il Lasat Jaro Tapal, e che rimasto solo in una galassia che ha intrapreso una disperata caccia ai pochi esseri sensibili alla Forza rimasti, con l’Imperatore che ha istituito l’Inquisitorio proprio allo scopo di rendere i Jedi solo un antico ricordo.



Cal quindi un Jedi rinnegato, al punto che gi tanto chiamarlo cos. Senza un Ordine alle spalle disorientato, ma pu anche agire senza dover seguire gli stringenti dettami dell’Alto Consiglio dei Jedi. Nel corso di queste storie user armi non convenzionali per un Jedi, come il blaster, user la spada laser per uccidere, e non solo per difendersi (nonostante questo fosse gi cambiato per i Jedi durante le Guerre dei Cloni, dove divennero addirittura Generali), e non osserver la regola che impedisce ai Cavalieri Jedi l’attaccamento, visto che Cal nutre un forte sentimento per Merrin, una Sorella della Notte di Dathomir.


Nel primo capitolo, Cal, insieme a Cere Junda e ad Eno Cordova, aveva tentato (infruttuosamente) di ricostruire l’Ordine dei Jedi ma il gruppo, accortosi di quanto rischioso fosse questo piano, alla fine decise di distruggere l’holocron con la posizione dei bambini sensibili alla Forza, allo scopo di proteggerli dall’Impero. Dopo essersi separato dai suoi amici, e dall’equipaggio della Stinger Mantis che ora pilota, all’inizio di Jedi Survivor ritroviamo Cal intanto a portare a termine una missione per conto del terrorista Saw Gerrera su Coruscant: lui deve rintracciare il Senatore Pau’an (di Utapau, stessa specie del Grande Inquisitore visto in Obi-Wan Kenobi e in Rebels) Daho Sejan per entrare in possesso di dati sul dispiegamento delle forze imperiali.


Ma la sua vera missione un’altra, come diventa evidente dopo qualche ora di gioco, quando raggiungiamo Koboh prima e Jedha poi. S, perch come gi in Jedi Fallen Order, i giocatori hanno modo di esplorare, e di vivere come non possibile con un romanzo o con un film, alcuni tra i pianeti pi popolari dell’immaginario di Star Wars. Quando Cal ritrova Cere, ex Maestra Jedi e Padawan di Cordova, si rende conto che il piano della donna quello di creare un’organizzazione che possa proteggere i Jedi sopravvissuti, i rifugiati dall’Impero e gli altri esseri sensibili alla Forza. Un’organizzazione che prende il nome di Cammino Segreto, e che avevamo gi incontrato nella serie Obi-Wan Kenobi.


La saga di Respawn aveva dato molto al Canone gi con il primo capitolo. Soprattutto in riferimento agli Zeffo, un antico popolo molto potente nella Forza che abitava nell’omonimo pianeta. Gli Zeffo chiamavano la Forza con il nome di Vento della Vita e, sebbene fossero pacifici, nel corso del tempo diventarono sempre pi corrotti fino a cadere nel lato oscuro. Molto interessante anche il riferimento ad Ilum che avevamo avuto nel primo capitolo: questo il pianeta sacro per i Jedi, dove i giovani iniziati trovano il cristallo kyber per azionale le loro spade laser, ma l’Impero prima, e il Primo Ordine dopo, se ne sono impossessati fino a tramutarlo nella terrificante Base Starkiller che ha devastato diversi pianeti nel settore di Hosnian. Avevamo avuto anche l’introduzione della Fortezza di Nur, la base dell’Inquisitorio, poi rivista in Obi-Wan Kenobi, dove era stata ricostruita seguendo fedelmente i livelli di gioco. Va poi ricordato che, come quasi tutti i contenuti canonici, Jedi Survivor introdotto da una storia raccontata da un romanzo (gi disponibile in italiano), Battle Scars, che unisce le vicende di Fallen Order con quelle del nuovo gioco.



Quanto all’Alta Repubblica, Cal inizia a scoprirne le tracce proprio durante la perlustrazione di Koboh. Scopre che due secoli prima, due Jedi, Santari Khri e Dagan Gera, hanno individuato in questo pianeta un modo per oltrepassare l’Abisso e raggiungere il pianeta segreto di Tanalorr, una risorsa che pu diventare inestimabile per il Cammino Segreto. Poter raggiungere una dimensione su cui difficilmente si potrebbero recare le forze Imperiali (che ormai sono dappertutto nel resto della Galassia) potrebbe rappresentare una panacea per tutti i mali per tutti gli esseri sensibili alla Forza in fuga dalle forze dell’Imperatore.


L’Abisso una nebulosa mortale che pu essere oltrepassata solamente servendosi di una bussola messa a punto proprio durante l’epoca dell’Alta Repubblica. Tuttavia, in quel periodo, la Repubblica stessa e l’Alto Consiglio dei Jedi cominciarono a dubitare se quella fosse effettivamente la strada giusta. In questa epoca, infatti, l’Alta Repubblica sotto attacco da parte di un gruppo di predoni spaziali insaziabili, armati fino ai denti e guidati dai membri di una specie, gli Evereni, che ha subto tanti torti da odiare quasi tutto il resto della galassia. Quando i Nihil si recano su Koboh per impossessarsi della tecnologia della Repubblica per attraversare l’Abisso, alcuni, tra cui Dagan Gera, ritengono che bisogna proseguire, mentre altri demordono. Consentire ai Nihili di raggiungere Tanalorr potrebbe, infatti, avere ripercussioni devastanti.


L’ostilit ai piani per raggiungere la meta promessa di Tanalorr, portano Dagan ad allontanarsi progressivamente dall’Ordine e a cadere nel lato oscuro. Dopo essere stato messo in stasi in una vasca di bacta, anche se sono passati due secoli, Dagan – che appartiene a una specie sconosciuta – si ritrova al cospetto di Cal, e inizia con il giovane ragazzo un lungo conflitto. Questo d modo all’appassionato non solo di scoprire visivamente per la prima volta i peculiari abbigliamenti dei Jedi dell’epoca dell’Alta Repubblica e gli iconici Nihil (seppure fugacemente) ma anche di combattere contro un Jedi dell’Alta Repubblica.


Le esigenze di gameplay portano la serie di Respawn Entertainment a riesumare dei Jedi, o comunque degli utilizzatori di spade laser (ricordiamoci l’impostazione soulslike che prevede combattimenti in cui tempismo, parate e schiavate sono gli elementi cardine), motivo per cui il confronto con Dagan Gera ricorda quello che Cal nel primo capitolo aveva avuto con l’altro ex-Jedi passato al lato oscuro Taron Malicos.



La storia di Koboh nel periodo dell’Alta Repubblica non appare direttamente in nessun romanzo o fumetto, ed stata scritta espressamente per Jedi Survivor. Ma ci che stupisce proprio questo continuo rimando di riferimenti e citazioni ai contenuti di questa epoca, al punto da farla diventare un tassello fondamentale di Jedi Survivor, unitamente ai riferimenti ad altri contenuti, come nel caso di Obi-Wan Kenobi, come abbiamo visto. Come gli esperti confermeranno, un episodio qualsiasi di queste serie televisive necessita di lunghissime guide per poter capire tutte le citazioni al suo interno: gli autori della storia di Jedi Survivor, supportati dal Lucasfilm Story Group (ovvero il consorzio che si occupa di vagliare la coerenza fra tutti i contenuti), si sono sforzati di perseguire il pi possibile lo stesso tipo di approccio. Che porta a risultati ancora pi profondi in un videogioco, il quale offre la capacit di esplorare liberamente e di imbastire dialoghi prolungati con i personaggi. Solo per citare un esempio, nel Saloon di Pyloon di Greez Dritus un personaggio si dice originario del pianeta di Riosa, che ha pochissime apparizioni nel Canone e che venne originariamente introdotto in un romanzo, Bloodborne. Riosa il pianeta natale del co-protagonista di questo romanzo, il senatore Ransolm Casterfo, colui che ha rivelato al Senato, e quindi all’intera galassia, il vero retaggio familiare di Leia Organa, ovvero di essere la figlia di Darth Vader, con non poche conseguenze…


Su Koboh, Cal incontra un gruppo criminale, conosciuto come i Predoni del Caos (il quale peraltro ha riprogrammato un esercito di droidi da battaglia delle Guerre dei Cloni), che si contende con l’Impero il controllo del pianeta, e che sulle tracce delle scoperte realizzate ai tempi dell’Alta Repubblica. A guidarli un Gendai, Rayvis. Questa specie era stata originariamente introdotta dalla serie animata Legends Clone Wars (da non confondersi con la canonica The Clone Wars) e aveva fatto solo fugaci apparizioni nel Canone, fondamentalmente solo in alcuni fumetti. Il videogioco ha dunque il pregio di canonizzarla.


I Gendai sono molto rari nella galassia, e ciascuno di loro pu vivere per migliaia di anni (ancor pi rispetto ai personaggi pi longevi dell’immaginario che finora abbiamo conosciuto, come Maz Kanata o Yoda) ed molto difficile da uccidere in combattimento. Il loro pianeta stato devastato migliaia di anni prima di questi avvenimenti, e ora i pochi Gendai sopravvissuti vagano per la galassia.


Cal richiama, inoltre, alcune abilit nella Forza che abbiamo visto in altre opere di Star Wars. Oltre a quelle pi evidenti, ci piace sottolineare la psicometria: come il Maestro Quinlan Vos prima di lui (anch’egli sopravvissutto all’Ordine 66 come apprendiamo, ancora una volta, da Obi-Wan Kenobi), pu accedere alle memorie del passato entrando in contatto con gli oggetti appartenuti alle persone. Questo gli consente di percepire avvenimenti remoti, anche risalenti all’Alta Repubblica, e capire lo stato d’animo degli altri.



Quanto alle meccaniche di gioco, il principale passo in avanti rispetto al capitolo precedente riguarda i nuovi mondi aperti. Questi danno all’appassionato di Star Wars il piacere di esplorare nel dettaglio alcuni pianeti iconici come Jedha (dove la Forza molto potente e il cui debutto risale al film Rogue One, il realt una luna conosciuta anche come Luna del Pellegrino dove vari gruppi di studiosi della Forza nelle varie epoche si sono radunati per esternare il proprio punto di vista), di interagire con personaggi non giocanti e di andare in giro liberamente, anche a godersi la quotidianit dell’immaginario di Star Wars. Perlomeno dal nostro punto di vista, questa componente molto pi stimolante rispetto al resto delle meccaniche di gioco, che risultano essere, come gi nel primo capitolo, molto derivative.


Da questo punto di vista entrambi i giochi sono migliorabili perch, semplicemente, potrebbero essere pi innovativi. La parte squisitamente di combattimento ricorda molto Dark Souls, anche se qui Respawn ha introdotto vari stili di combattimento che possono ampliare le strategie. Cal dotato di due spade laser che pu fondere insieme in una doppia lama o usare separatamente mentre, quando entrer in possesso del blaster, potr usare insieme quest’ultimo con la spada. Il blaster, impostato in modalit stordente, gli consentir di arrestare momentaneamente i nemici.


Con la doppia lama, Cal pi efficace contro i gruppi di nemici, mentre le due spade laser separate lo rendono pi forte nei combattimenti contro i boss (che, come in un consueto soulslike, rappresentano la principale sfida). Tra un gruppo di nemici e l’altro ci sono i punti di meditazione, che consentono di ripristinare le risorse vitali ma comportano la riapparizione di tutti i nemici (anche questo in ossequio ai soulslike). Pi interessanti i poteri della Forza dato che Cal non solo potr spingere o attrarre a s i nemici ma anche usare i trucchi mentali Jedi per obbligarli ad agire per il suo tornaconto personale. Potr indurli a combattere tra di loro o a sbloccare dei passaggi altrimenti invalicabili. Altro potere molto forte quello dell’Attrazione: Cal pu attrarre a s dei bersagli e poi trafiggerli con la spada laser, un potere molto simile allo strangolamento della Forza, anch’esso normalmente ricondotto al lato oscuro. E, ancora, in certe fasi di gioco Cal accompagnato da alleati, che lo aiutano nei combattimenti e nella risoluzione dei puzzle, tra cui Merrin e Bode Akuna, un altro membro della squadra di Gerrera.


La presenza di mondi di gioco molto pi grandi, con la possibilit di esplorarli lungamente, insieme a molte aree con puro platforming, diluisce i combattimenti all’interno dell’azione di gioco complessiva, rendendoli meno centrali rispetto a Jedi Fallen Order. Restano comunque abbastanza tosti da affrontare, e richiedono tempismo e dedizione, ma complessivamente Jedi Survivor sembra un filo meno difficile rispetto al suo predecessore. I combattimenti con la spada laser, efferati e crudi, rimangono uno degli aspetti migliori del gioco, anche perch tornano i poteri tipici dei Jedi come la capacit, agendo con il giusto tempismo, di rimandare al mittente i colpi esplosi dai blaster. Con cinque livelli di difficolt, inoltre, tutti i giocatori possono trovare la sfida che cercano, sia coloro che vogliono semplicemente godersi la storia che coloro che vanno alla ricerca di un’esperienza in stile soulslike.



Gli spazi aperti esplorabili prevedono, inoltre, tutta una serie di sfide di tipo platformer che ricordano le meccaniche di un Uncharted o di un Tomb Raider. Le parti con i salti sono spesso talmente complesse da richiedere l’uso di una olomappa, con cui i giocatori possono orientarsi e individuare come procedere. Quando i pianeti si sbloccheranno nella loro natura da mondo aperto (serve qualche ora di gioco perch accada), inoltre, consentiranno al giocatore di andare in giro per trovare collezionabili che modificano esteticamente il personaggio protagonista e il suo droide BD-1, ma anche di intercettare personaggi non giocanti e reclutarli, dedicarsi alla pesca o al giardinaggio, agire come cacciatore di taglie e consegnare alla “giustizia” alcuni criminali, e affrontare altre attivit che potremmo definire “quotidiane” in un immaginario vasto come quello di Star Wars. Interloquire con i personaggi non giocanti ci porter a scoprire informazioni importanti per rintracciare nuove reclute e luoghi segreti che custodiscono tesori e potenziamenti.


Cal pu migliorare le sue abilit in vari aspetti: oltre che nell’uso della spada laser, anche nella Forza e nelle capacit difensive. Il giocatore pu decidere di specializzarlo nelle tattiche per stordire o mettere gli avversari gli uni contro gli altri, o pu dotarlo di una serie di attacchi con le spade laser. Ci sono anche i Benefici, che vanno a migliorare le statistiche di Cal in resistenza, destrezza, mira, equilibrio e altre qualit (solo tre benefici possono essere installati contemporaneamente, a meno di opportuni potenziamenti).


In realt il gameplay di Jedi Survivor, come quello del suo predecessore ma il discorso potrebbe essere esteso a molti altri videogiochi, va in conflitto con la narrazione. Appartenere a un universo continuo e coeso, come lo quello del Canone, infatti, per questi giochi comporta un grande valore aggiunto, come abbiamo detto, ma anche degli aspetti negativi. Innanzitutto, non credibile che un Jedi vada in giro ad uccidere assaltatori (sono persone!) e altre forme di vita senzienti, oltretutto in queste misure e con questa violenza. Inoltre, molto curioso che un Jedi si comporti come un acrobata scalando montagne nel tempo libero e ricorrendo ad espedienti (quando la Forza dovrebbe consentirgli di superare gli ostacoli con facilit).


Il gameplay di un videogioco, in altri termini, comporta un grosso lavoro di sospensione dell’incredulit. Ma questo non vale solo per Star Wars. Cito per meglio spiegarmi, ancora una volta, Uncharted: nella parte cinematografica della serie di Naughty Dog abbiamo un protagonista archeologo pacato e impegnato nello studio per cercare di capire i misteri delle antiche civilt ma, quando la parte narrativa si esaurisce, e torna il gameplay, ecco che inizia a uccidere, letteralmente, eserciti di avversari. E dopo, come se nulla fosse, riprende a studiare e a ragionare sul passato.



Il Canone un’arma a doppio taglio per Jedi Survivor anche per la sua stessa storia. Soprattutto quella del primo capitolo era inconcludente, perch il giocatore sa fin troppo bene che l’Ordine dei Jedi, in questa fase, non potr essere ricostruito, e che il piano di Cal e di Cere inevitabilmente fallir. Con questo secondo capitolo le cose cambiano considerevolmente, perch l’incrocio con certi aspetti della storia di Obi-Wan Kenobi molto interessante, cos come lo il riferimento all’Alta Repubblica e, ancora di pi, all’Abisso. Quest’ultimo, in qualche modo, potrebbe rappresentare uno snodo fondamentale per la storia futura di Star Wars, andando a spiegare alcuni aspetti che erano rimasti da tempo senza risposta: dove si trovano Ahsoka Tano, Ezra Bridger e Thrawn durante gli avvenimenti della trilogia originale? Si tratta, infatti, di un luogo fuori dalla galassia conosciuta e, dopo averlo raggiunto, si vive in una dimensione in qualche modo parallela rispetto a quella consueta. Non detto che ci sia una correlazione diretta (come Ezra sarebbe potuto entrare in contatto con la bussola necessaria per raggiungere Tanalorr?) tra le vicende di Jedi Survivor e il destino dei personaggi che abbiamo menzionato (e quindi con la fine di Rebels) ma potrebbero esserci dei punti di contatto fra le due situazioni.


Il senso di questo discorso che, se la storia di Jedi Survivor perfettamente calata nel Canone di Star Wars, lo stesso non pu dirsi del gameplay. Va considerato canonico per la prima, ma non canonico per il gameplay, fermo restando il punto che Cal non un Jedi nella classica accezione del termine, e che quindi non segue le regole dell’Ordine, come abbiamo detto.


Poi c’ tutta la questione tecnica, croce e delizia di Jedi Survivor in questa fase di lancio. Iniziamo dicendo che Respawn Entertainment ha fatto un lavoro egregio sul piano della complessit poligonale e dell’orizzonte visivo. In certi scorci, Jedi Survivor offre probabilmente una grafica accattivante come pochissimi (o nessuno) altri videogiochi. Le distese desertiche di Jedha, con le incessanti tempeste di sabbia, o gli sporchi bassifondi di Coruscant, a tratti strappano un’espressione di stupore. Respawn d la sensazione di non aver voluto scendere a compromessi soprattutto dal punto di vista dell’orizzonte visivo, e questo ha conseguenze anche per il gameplay: alcuni enigmi nella sfera platforming richiedono aree molto vaste, che il giocatore deve visualizzare nella loro interezza per “sbrogliare” il puzzle.



Il risvolto della medaglia che senza una consistente dotazione di memoria (soprattutto sulla scheda video) si assiste a rallentamenti vistosi e, senz’altro, poco piacevoli. Inizialmente si ha la sensazione che i rallentamenti siano casuali ma, prestando bene attenzione, si fa caso al fatto che corrispondono a quei momenti in cui il motore grafico sta caricando le aree di gioco pi grandi. Infatti, l’azione di gioco non viene mai completamente arrestata per fare spazio a un caricamento: continua per l’intera esperienza (al di l di un, comunque non breve, caricamento iniziale). Il fatto che siano la definizione poligonale e l’orrizonte visivo a compromettere le prestazioni confermato dall’impossibilit a recuperare frame al secondo riducendo il livello di dettaglio: anche abbassare la qualit delle texture o degli effetti visivi, infatti, non cambia le cose in maniera consistente. Gli sviluppatori di Jedi Survivor hanno gi ammesso le lacune di questo motore e hanno promesso che sar costantemente migliorato nel corso del tempo: in effetti, risultati confortanti sono stati gi ottenuti con le prime patch.



Insomma, Respawn ha dato la sensazione di aver voluto fare il passo pi lungo della gamba, anche perch quasi tutti gli ambienti di gioco, cos come i personaggi che li popolano, sono dettagliatissimi. Inoltre, disponibile anche il Ray Tracing, in un’implementazione che non pu certo definirsi banale.






A sinistra senza Ray Tracing, a destra con Ray Tracing

Con Ray Tracing abilitato, la schermata di gioco ben diversa, con ombre, occlusione ambientale e luci molto pi realistiche. evidente che il calcolo della schermata finale determinato da un maggior numero di rimbalzi dei raggi di luce. Inoltre, mentre nelle sequenze notturne i riflessi non sono determinanti, in quelle diurne, con Ray Tracing abilitato, sono decisamente migliori e pi naturali.




A sinistra senza Ray Tracing, a destra con Ray Tracing



A sinistra senza Ray Tracing, a destra con Ray Tracing



A sinistra senza Ray Tracing, a destra con Ray Tracing



A sinistra senza Ray Tracing, a destra con Ray Tracing



A sinistra senza Ray Tracing, a destra con Ray Tracing

La componente tecnica di Jedi Survivor degna di menzione anche per quanto riguarda l’audio. Non solo i suoni dei combattimenti, degli assaltatori e di tutte le altre minacce sono efferati e crudi come giusto che siano, ma anche l’accompagnamento musicale delizier l’appassionato di Star Wars. Tanti oggetti producono i loro suoni, il che crea una sfera uditiva a 360 gradi non solo piacevole, ma anche in grado di immedesimare il giocatore, e questo vale soprattutto per le fasi di esplorazione. Inoltre, Jedi Survivor interamente localizzato in italiano, sia per i testi che per quanto riguarda il parlato, con un lavoro di doppiaggio eccellente in quasi tutte le parti, con il solo Rayvis alquanto migliorabile.


Cosa dire, quindi, in ultima istanza per Jedi Survivor? L’appassionato di Star Wars trover sicuramente tanti spunti interessanti, che manterranno vivido questo gioco nel corso degli anni, come sempre accade con i contenuti di Star Wars che fanno parte di questo quadro pi grande che risponde al nome di Canone. In particolare, interessante l’unione tra i riferimenti all’Alta Repubblica e quelli relativi alla serie TV Obi-Wan Kenobi. Per questi motivi, anche per i suoi continui plot wist, la trama pi interessante rispetto a quella del precedente capitolo, e anche perch raffigura una personalit interessante per il suo protagonista, Cal Kestis, che rinuncia a essere un Jedi in maniera tormentata e non superficiale, per tornare a essere un “uomo normale”.



Per quanto riguarda le meccaniche di gioco, invece, Jedi Survivor, come il suo predecessore, ci sembra eccessivamente derivativo, soprattutto per quanto riguarda la componente platforming, comunque predominante in termini di tempi di gioco. Pregevole il comparto tecnico, al netto dei problemi prestazionali (che si spera possano essere risolti con le future patch), per grafica, animazioni e audio. E anche perch ha dato modo agli sviluppatori di creare mondi aperti diffusamente interessanti, soprattutto per quanto riguarda Koboh e Jedha.


Abbiamo completato Jedi Survivor in circa 30 ore, concentrandoci sulla storia principale e affrontando un numero medio di attivit facoltative. Si tratta di una longevit importante, superiore di quasi il doppio rispetto a quella del capitolo precedente, sottolineando ulteriormente la bont del mondo aperto. Anche perch le attivit facoltative sono disponibili in numero decisamente consistente (anche se in molti casi risultano ripetitive): se vengono affrontate tutte, la longevit di Jedi Survivor pu spingersi alle 50 ore.




Per concludere, Jedi Survivor quindi un gioco divertente, come il suo predecessore, pi grande e tecnicamente migliore. Non si pu definire un capolavoro sul piano delle meccaniche di gioco, non riuscendo, a mio modo di vedere le cose, a superare i limiti di Fallen Order. Ma per l’appassionato di Star Wars, e per la nuova impostazione crossmediale della galassia lontana lontana, pu risultare determinante stabilendo degli incroci che hanno il potenziale per rimanere memorabili.

Source link