Da Wired.it :

Prima del 2020 di fatto era come se Tesla stesse “giocando una partita di calcio contro una squadra di riserve“, spiega Matthias Schmidt, un analista indipendente di Berlino che si occupa delle vendite di auto elettriche in Europa. Ma nel 2020 la situazione è cambiata quando “l’avversario ha iniziato a schierare alcuni dei suoi giocatori migliori“.

Concorrenza agguerrita

Nel 2023, Tesla dovrebbe lanciare l’atteso Cybertruck, un suv squadrato e spigoloso annunciato per la prima volta nel 2019. Per l’azienda si tratta del primo lancio di un nuovo veicolo di consumo dal 2020. L’auto sportiva a due posti promessa da Musk avrà bisogno ancora di anni prima di essere pronta, mentre i modelli S, X, Y e 3 sono ormai “vecchi“, afferma Mark Barrott, analista automobilistico della società di consulenza Plante Moran. La maggior parte delle case automobilistiche aggiorna i propri veicoli ogni tre-cinque anni: la Model S di Tesla è uscita ormai più di un decennio fa.

Di contro, quest’anno Ford prevede di aumentare la produzione del suo pick-up elettrico F-150 Lighting, già esaurito per il 2023, e del suv Mustang Mach-E. La Hyundai Ioniq 5 e l’Ev6 di Kia potrebbero poi rappresentare un minaccia per la quota di mercato della Model Y e della Model 3 nella fascia tra i 45mila e i 65mila dollari. General Motors ha intenzione di accelerare la produzione e ridurre i costi di una serie di modelli elettrici, tra cui il Chevy Blazer Ev, il Chevy Equinox, il Cadillac Lyric e il Gmc Sierra Ev. 

Nonostante il design accattivante, i prezzi elevati dei modelli di Tesla spesso li mettono in concorrenza con i brand di lusso. “Il design di Tesla ha una semplicità in stile Bauhaus, ma non è lussuoso“, dice David Welch, autore del libro Charging Ahead: Gm, Mary Barra, and the Reinvention of an American Icon

Il fattore ricarica

Sebbene pochi produttori siano in grado di competere con Tesla in termini di prestazioni e software (la Model S raggiunge i cento chilometri orari in 2,1 secondi, ha una velocità massima di 322 km/h  e vanta il cambio automatico di corsia e un touchscreen da 17 pollici), molti concorrenti hanno raggiunto o si stanno avvicinando ai 480 km di autonomia, che rappresenta la caratteristica più importante per molti acquirenti di veicoli elettrici, sottolinea Craig Lawrence, socio e cofondatore del gruppo di investimento Energy Transition Ventures.



[Fonte Wired.it]