Seleziona una pagina
venerdì, Gen 26

Tesla richiama 200.000 auto? No, anche questa volta è un aggiornamento software… di un mese fa

da Hardware Upgrade :

Come successo molte volte in passato, anche oggi la stampa nazionale e internazionale è colma di titoli che riportano un massiccio richiamo per Tesla, addirittura di 200.000 veicoli, con particolare riferimento ad un problema alla videocamera di supporto per la retromarcia.

Ma come quasi tutti i casi precedenti, anche questa volta non ci sarà nessun richiamo, almeno non nel senso stretto del termine. Per richiamo, nel mondo automotive, si è sempre indicata quella procedura secondo cui ogni veicolo affetto dal problema segnalato doveva essere rimosso dalla circolazione, o riparato (o modificato) tempestivamente presso una delle officine autorizzate dal marchio.

Tesla ha potuto, in quasi tutte le occasioni, correggere dei problemi o dei difetti, tramite aggiornamento software over-the-air, ed anche questa volta non fa differenza. Il problema, riscontrato su alcune Model S, Model X e Model Y, non permette in alcune circostanze di mettere in funzione la retrocamera.

Tesla ha spiegato: “Su alcuni veicoli interessati dotati di computer a guida autonoma 4.0 e dotati di una versione del software dal 2023.44.30 al 2023.44.30.6 o 2023.44.100, una stabilità insufficiente del protocollo del circuito inter-integrato potrebbe impedire la visualizzazione dell’immagine della telecamera per la retromarcia in conformità con FMVSS n. 111, S5.5.3.“.

Il problema era stato segnalato dopo la distribuzione di un aggiornamento alla fine di dicembre, ma subito Tesla aveva iniziato a correggerlo, precisamente il 28 dicembre 2023, indicando una distribuzione su larga scala ad inizio 2024. Di conseguenza, ciò che oggi è segnalato da tutti gli organi di stampa, necessiterà di pochi minuti di download, ed in molti casi è già stato risolto da quasi un mese, senza che l’utente si sia accorto di nulla. Forse sarebbe il caso di trovare un termine diverso da “richiamo” per casi simili, anche per chiarezza nei confronti degli utenti.

Source link