Seleziona una pagina

da Hardware Upgrade :

La Stazione Spaziale Internazionale continuerà il suo servizio ancora fino al 2030, dopo questo periodo saranno già in orbita e operative le stazioni spaziali commerciali che ne prenderanno il posto come avamposti in orbita bassa terrestre (LEO). Nel frattempo la ISS e gli astronauti che la abitano hanno bisogno di rifornimenti che vengono consegnate attraverso navicelle SpaceX Dragon (cargo), Roscosmos Progress, ESA Automated Transfer Vehicle, JAXA H-II Transfer Vehicle e Northrop Grumman Cygnus.

In queste ore è stata lanciata quest’ultima navicella per trasportare rifornimenti di vario genere, nuovi strumenti ed esperimenti scientifici con la missione NG-20. Questo genere di navicella cargo ha una lunga storia di lanci verso la Stazione Spaziale Internazionale ma è la prima volta che viene lanciata a bordo di un razzo spaziale Falcon 9 di SpaceX.

In passato infatti ha raggiunto l’orbita con vettori Northrop Grumman Antares dotati di motori NK-33, ULA Atlas V e Northrop Grumman Antares con motori RD-181. In futuro invece sarà impiegato il nuovo Antares 330 (che sarà dotato di motori Firefly Miranda) e ancora più avanti nel tempo un il vettore Medium Launch Vehicle (MLV) sviluppato congiuntamente da Northrop Grumman e Firefly.

Lanciata una navicella Northrop Grumman Cygnus verso la ISS con un Falcon 9

Alle 18:07 di oggi (ora italiana) un razzo spaziale Falcon 9 è decollato con successo dallo Space Launch Complex 40 della Cape Canaveral Space Force Station in Florida. Il lancio è avvenuto con successo così come il rientro del primo stadio del vettore che è atterrato nella Landing Zone 1 (LZ-1) completando il suo decimo volo. Si tratta del decimo lancio di un razzo SpaceX dall’inizio del 2024 e il secondo lancio della società verso la ISS in meno di due settimane.

Complessivamente dovrebbero essere tre i lanci di navicelle cargo Cygnus verso la ISS effettuati con un Falcon 9 mentre proseguiranno i test e la costruzione dei nuovi vettori alternativi (con il primo che potrebbe arrivare entro la metà del 2025).

Per la missione NG-20 SpaceX ha modificato i fairing del Falcon 9 aggiungendo porte di accesso alla navicella così da permettere l’aggiunta di nuovi carichi utili. La navicella cargo rimarrà in orbita attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale almeno 100 giorni per poi rientrare nell’atmosfera e bruciare completamente.

spacex falcon 9

La massa complessiva della navicella di Northrop Grumman battezzata S.S. Patricia “Patty” Hilliard Robertson (costruita in parte in Italia da Thales Alenia Space), sono presenti oltre 3,7 tonnellate di carico utile. Tra queste troviamo 1,13 tonnellate di rifornimenti per l’equipaggio, 1,37 tonnellate di esperimenti scientifici, 16 chilogrammi di equipaggiamento per le EVA, 1,31 tonnellate di hardware e 67 kg per la parte computer.

spacex iss

Tra gli esperimenti troviamo una stampante 3D per il metallo, uno strumento per la realizzazione di semiconduttori nello Spazio, esperimenti dedicati alla biologia e alle colture cellulari, un braccio robotico per la chirurgia e uno da utilizzare al di fuori della ISS, un esperimento legato al rientro atmosferico. Per quanto riguarda i computer c’è Spaceborne Computer-2 di HPE che è stato aggiornato con quattro unità SSD da 30 TB oltre che un sistema operativo aggiornato.

spacex

In futuro le navicelle cargo Northrop Grumman Cygnus verranno aggiornate con una maggiore capacità di carico e rispetto alle precedenti versioni, nel corso degli anni, sono già passate da un volume interno di 18 m3 a 27 m3 fino a una capacità nella parte pressurizzata fino a 36 m3. Lo scopo della società statunitense è quella di fornire una navicella cargo che potrà essere impiegata anche dopo la fine della vita operativa della ISS rifornendo le stazioni spaziali commerciali aumentando così la durata dell’investimento.

Source link