Winamp apre gli inviti per i creator e si prepara al rilancio

da Hardware Upgrade :

E’ noto da tempo che Winamp stia preparando un ritorno in grande
stile e che non si limiter semplicemente ad un rinnovamento del suo
player multimediale. Se non sapete di cosa stiamo parlando, vi rimandiamo
alla notizia “Winamp
pronto a risorgere! La nuova versione beta pi vicina che mai
“,
sappiate per che a suo modo Winamp rappresenta un pezzo di storia del
mondo digitale.

Dopo numerosi annunci e proclami, la societ ha finalmente aperto gli
inviti per un servizio destinato ai creatori e ai musicisti, offrendo gli
strumenti per distribuire, promuovere e monetizzare il loro lavoro. In
realt sono pochi i dettagli disponibili, ma si potr sapere qualcosa in
pi il prossimo mese quando le funzionalit saranno effettivamente
disponibili anche in preparazione al supporto per gli abbonamenti che
dovrebbero essere attivi a partire da novembre.




Da quel poco che si pu apprendere, tuttavia, sembra che Winamp abbia in
mente un modello di business simile a quello di Patreon,
proponendo quindi una piattaforma musicale dove gli artisti possono
proporre contenuti speciali segmentati su diversi livelli di abbonamento
dei fan.

Attualmente gli
inviti emessi da Winamp
sono limitati a 25 mila persone e includono
l’accesso per un anno agli strumenti e un “Creator Pass” che dovrebbe
garantire “vantaggi esclusivi” tra i quali i token digitali del celebre Winamp
Lama
.

Oltre allo sviluppo e al debutto di servizi al passo coi tempi del
mercato della musica digitale, Winamp porter avanti un rinnovamento del
suo iconico player multimediale con lo scopo di creare una “superapp
musicale” capace di rispondere alle esigenze degli appassionati di musica.

Entrambe le iniziative, i servizi e il software, rappresentano lo sforzo
di una realt che cerca di tornare ad occupare un posto nel mondo della
muisca digitale, dopo aver conosciuto un glorioso passato e trovandosi a
soccombere nell’era dello streaming e dei modelli ad abbonamento. Ma
attualmente lo scenario competitivo e ben presidiato da grandi realt:
quanti degli utenti di Apple Music, Spotify, Tidal o Deezer
saranno inclini a rivolgersi ad un altro servizio?

Source link