Seleziona una pagina



Da Wired.it :

Scienza, tecnologia, business, innovazione sociale: sono i temi su cui Wired Next Fest ha puntato fin dalle origini e l’ edizione di scena il 30 novembre a Firenze ne conferma ancora una volta la centralità, con uno sguardo proiettato all’anno che verrà per intercettare i trend e le dinamiche che saranno rilevanti.

Il Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio, da sempre casa del Wired Next Fest a Firenze, accoglie ancora una volta i protagonisti che ci raccontano la svolta necessaria che può arrivare da intelligenza artificiale, infrastrutture digitali, geopolitica, transizione energetica, politiche alimentari, immigrazione, senza tralasciare anche il potere dell’arte e della creatività che cercano posizionamento in un’era dove sono a disposizione tool incredibili per generare contenuti ma in cui l’attenzione del pubblico è fortemente parcellizzata e in gioco di volta in volta.

Tra gli ospiti di Wired Next Fest Firenze 2023, Lucrezia Reichlin, professoressa di economia alla London Business Schoo, Francesca Paci, giornalista ed esperta di Medio Oriente, Giancarlo Fiorella, direttore per la ricerca di Bellingcat, Nicola Neri, amministratore delegato di Ipsos Italia, il sindaco di Firenze Dario Nardella, Katia Cazzaniga, direttrice di ricerca di Ipsos, Marco Pappalardo, direttore marketing di Dolomiti Superski, proveranno a darci un quadro della complessa situazione, Paolo Di Giorgio, amministratore delegato di Angelini Ventures, Riccardo Lama, responsabile di fibra ottica e mobilità elettrica di E-Distribuzione, Laura Andreini, cofondatrice dello studio Archea e professore associato di composizione architettonica e urbana presso la facoltà di architettura dell’Università di Firenze, Ada Sokół, artista e 3d designer, Juan Carlos De Martin, informatico e professore al Politecnico di Torino, co-direttore del Centro Nexa su internet e società, Fabrizio Gatti, giornalista e autore di famose inchieste, Dario Fabbri, giornalista e analista geopolitico e direttore della rivista Domino, l’attore Marco Bocci, Shalini Kurapati, ceo e co-fondatrice di Clearbox AI; Daniele Panfilo, ceo e co-fondatore di Aindo; e Andrea Tangredi, co-fondatore e chief product officer di indigo.ai, Sasha Luccioni, climate lead e ricercatrice di intelligenza artificiale presso Hugging Face, il fumettista Tito Faraci, Appino, frontman degli Zen Circus, Andrea Alemanno, capo della business unit Head di Ipsos e Luca Torri, ad di Stu Reggiane Spa.



[Fonte Wired.it]