Seleziona una pagina

Hai bisogno di uno smartwach elegante ma non vuoi spendere molto? Ecco tutte le offerte su Apple Watch e Samsung Galaxy Watch

da Hardware Upgrade :


Occhio a questi Apple Watch SE di seconda generazione, modello 2023 in offerta, che costano poco pur offrendo quasi tutte le caratteristiche dei fratelli di prima fascia. Il modello ora più interessante? Quello con supporto Cellular, che gli permette di collegarsi a internet anche in assenza dell’iPhone. Il suo prezzo, infatti, oggi si è ribassato di molto.




Ecco una bella occasione su Amazon. Si risparmiano un po’ di soldi sull’apprezzato (e vendutissimo) Apple Watch SE di seconda generazione. Stanno finendo in fretta, ma attualmente si possono fare affari sui modelli con cassa da 44 mm nei colori argento e mezzanotte, disponibili con due diversi tipi di cinturino, Sport e Sport Loop.




Con la Raccolta smart e le app ridisegnate di watchOS 10 l’utente ha più informazioni a colpo d’occhio. E con funzioni come “Rilevamento incidenti” e parametri evoluti per i tuoi workout, Apple Watch SE dà tutto quello che serve, a un prezzo di ingresso per il mondo Apple Watch decisamente interessante!

Tra le altre cose Apple Watch SE permette di pagare rapidamente con Apple Pay e aiuta a ritrovare in un attimo i propri dispositivi grazie alla funzione dedicata. Garantisce, inoltre, resistenza all’acqua fino a 50 metri. Ha cassa in tre colori e retro della cassa in tinta, creato con un processo che ne riduce l’impatto ambientale. Non mancano cinturini in tanti stili, materiali e colori tra cui scegliere, e quadranti completamente personalizzabili: si può cambiare l’aspetto del tuo orologio a seconda del momento o dell’umore.


E poi l’app Allenamento segue in tantissimi sport, con parametri evoluti che danno più informazioni sulle performance. E acquistando questi Apple Watch si hanno 3 mesi gratis di Apple Fitness+.




Questi due bellissimi smartwatch delle linee Samsung Galaxy Watch4 e Watch6 hanno ora ribassi di prezzo significativi su Amazon. Ci sono altri dispositivi dello stesso brand con prezzi validi, ma questi due sono ora i più convenienti rispetto alle varie combinazioni di colore, dimensione della cassa e supporto Bluetooth o LTE.


Quali sono le differenze tra Galaxy Watch4 e Watch6? La batteria del Watch6 43mm è più grande rispetto a quella del Watch4 46mm, con i suoi 425 mAh a fronte dei 361 del Watch4: inoltre, il Watch6 supporta la ricarica rapida, in modo tale da poter tornare al 100% di energia in modo veloce. Il Watch6 gode anche di un display più grande con una maggiore estensione dello stesso nella circonferenza del quadrante. Non mancano un’analisi del sonno più avanzata, un ottimo monitoraggio di tanti parametri della salute e un’ampia gamma di cinturini facili da smontare e rimontare.


Il SoC del Watch4, inoltre, è di tipo Exynos W920 con processo produttivo a 5 nm appositamente studiato per questo genere di dispositivi, che risulta accompagnato da 1,5 GB di RAM e da 16 GB di memoria interna. Il Watch6 invece dispone di un SoC leggermente più performante, di tipo Exynos W930, con una frequenza di 1,4 GHz, il 18% in più rispetto al prodotto di generazione precedente che si fermava a 1,18 GHz, e con più RAM, 2 GB. L’archiviazione è di tipo eMMC 5.1 da 16 GB, anche in questo caso.


In definitiva, nonostante le specifiche migliori, e considerando la differenza di prezzo, Samsung Galaxy Watch4 potrebbe rappresentare la scelta migliore, in considerazione del fatto che consente di entrare in un mondo, quello dei wearable Samsung di qualità, a un prezzo inferiore, con servizi tutto sommato comparabili.



Source link

Unione Europea: il modello di Meta di privacy in cambio di denaro non va bene

Unione Europea: il modello di Meta di privacy in cambio di denaro non va bene

da Hardware Upgrade :

Da qualche settimana Meta ha messo a disposizione un sistema a pagamento che consente ai suoi utenti di procedere con la navigazione e la visualizzazione di contenuti senza dover guardare la pubblicità. La mossa è stata presa anche per venire incontro alle recenti normative europee riguardo alla pubblicità comportamentale. Il punto è il seguente: mettere a disposizione un piano ad abbonamento rappresenta un’opzione sufficiente per gli utenti che non vogliono che le proprie abitudini vengano tracciate e utilizzate a scopi pubblicitari?


EDPB, il Comitato europeo per la protezione dei dati, sostiene che offrire solo un’alternativa a pagamento alla raccolta dei dati non dovrebbe essere l’impostazione predefinita per le grandi piattaforme online. Non emette un mandato ma sottolinea che queste piattaforme dovrebbero fornire un’opzione gratuita che non implichi l’elaborazione dei dati (fonte).



“Si dovrebbe evitare di trasformare il diritto fondamentale alla protezione dei dati in un non problema se si decide di pagare” ha detto il presidente dell’EDPB Anu Talus. “Gli individui dovrebbero essere resi pienamente consapevoli del valore e delle conseguenze delle loro scelte.”


Attualmente, gli utenti dell’UE devono pagare 10 euro al mese per un abbonamento senza pubblicità. Se non lo fanno, i loro dati vengono condivisi per alimentare la pubblicità comportamentale, ossia la proposta di contenuti pubblicitari attinenti alle loro abitudini di navigazione sul web. L’UE sta già verificando se questo sistema è conforme alla legge sui mercati digitali Digital Markets Act, entrata in vigore all’inizio di marzo. L’atteggiamento di Meta sulla pubblicità comportamentale, invece, è sotto la lente di ingrandimento già da tempo.

Source link

Elgato Prompter: il teleprompter ”game changer” per i content creator e non solo

Elgato Prompter: il teleprompter ”game changer” per i content creator e non solo

da Hardware Upgrade :

Elgato ha rilasciato qualche tempo fa un suo Prompter, un prodotto che potrebbe rivelarsi uno dei più interessanti accesori per il content creator realizzati dall’azienda. Elgato la conosciamo come uno dei marchi più importanti nello spazio dei creator e dello streaming, producendo prodotti di alta qualità che si integrano perfettamente tra loro. Da poco l’azienda ha lanciato un teleprompter, un dispositivo che potrebbe risultare a primo impatto sorprendentemente sottovalutato rispetto al valore che può apportare a determinati tipi di creator.

Prima di addentrarci nei dettagli, sappiate che il nuovo dispositivo di Elgato si chiama Prompter e viene proposto dall’azienda ad un prezzo di 299,99€. Non un prezzo economico ma la presenza di un monitor con un vetro bifacciale che riflette il monitor stesso sull’involucro che circonda la fotocamera e che può venire comandato direttamente dall’app di Elgato tramite PC, di certo lo fa prefigurare come un alleato imprescindibile per chi vuole alzare il livello dei propri video.

Sebbene il prezzo possa sembrare impegnativo, il Prompter di Elgato offre una serie di funzionalità che i content creator che lavorano con i video apprezzeranno veramente e vedranno il valore. Il Prompter è forse un prodotto di nicchia, ma crediamo possa essere integrato nel workflow di più creator di quanto si possa pensare a prima vista. Prima di addentrarci nelle applicazioni del Prompter, diamo uno sguardo ravvicinato al dispositivo.

Elgato Prompter: fatto a rigor di logica

Come accennato in precedenza, Elgato non è nuova al mercato degli streamer e dei creator e ha rapidamente affermato il suo marchio con prodotti ben fatti come schede di acquisizione, microfoni, software ecosystem intuitivi e versatilità. Sebbene i prodotti Elgato siano sicuramente più costosi delle soluzioni economiche, è ampiamente riconosciuto che il loro livello qualitativo sia superiore e per certi versi ”premium”. Il Prompter non fa eccezione.

Perché? Elgato assomiglia ad Apple in molti modi, e uno su cui volevamo soffermarci è il modo in cui entrambe le aziende si avvicinano alla creazione di un nuovo dispositivo. Apple non è mai la prima a creare un prodotto completamente nuovo e unico; l’azienda di solito aspetta e vede cosa piace alle persone e applica il suo design a un dispositivo già esistente ed affermato. La rifinitura di Apple si traduce tipicamente nell’integrazione del dispositivo, nell’ecosistema iOS, nell’eliminazione di eventuali problemi sollevati sul design originale del dispositivo, nella ricalibrazione di come l’utente interagisce con esso identificando la funzionalità più intuitiva e nell’aggiunta di funzionalità richieste. Elgato adotta più o meno approccio simile per i suoi dispositivi.

Elgato guarda ai dispositivi già rilasciati e individua modi per migliorarne il design, quasi perfezionandolo in un modo che si adatti meglio ai content creator e agli streamer. Da qui l’idea di questo teleprompter, dove si è preso in considerazione una tecnologia relativamente vecchia che è stata tipicamente utilizzata dai presentatori di notizie per molti anni in ciò che ora possiamo considerare uno dei prodotti preferiti per chi fa video. Ecco il Prompter è un’ingegnosa rielaborazione del classico teleprompter capace di diventerà un elemento essenziale nella cassetta degli attrezzi di molti video creator e streamer.

In confezione sarà presente tutto quello che serve per utilizzare il Prompter con qualsiasi soluzione. Sì, perché sarà possibile usarlo con mirrorless o reflex grazie alla presenza di ben 9 anelli di raccordo, forniti in confezione, e compatibili con molti obiettivi tra cui Sony, Canon, Nikon, Lumix e molti altri. Basterà trovare la misura giusta e avvitare il raccordo sull’obiettivo della camera. Altra soluzione potrebbe essere quella di usare la Facecam di Elgato vista la presenza di un raccordo realizzato appositamente per essa.

Oppure? Sì, sarà possibile usare anche altri tipi di device per la ripresa come un classico smartphone che dovrà solamente venire posizionato con un gancio classico, venduto separatamente, e serrarlo al Prompter di Elgato. Oltretutto è presente anche un raccordo per il Prompter con un telo nero a supporto che garantisce di nascondere la camera e dunque non avere problemi di riflessi con la luce una volta in registrazione.

E se ve lo state chiedendo sappiate che Elgato Prompter funziona con Windows o anche con macOS. Basterà infatti scaricare, in base al vostro sistema operativo, il software della Camera Hub e installarlo sul PC o Mac e avviarlo. Un suggerimento: se su macOS, al primo avvio del software, non vedrete alcun tipo di contenuto sullo schermo dell’Elgato Prompter, sarà necessario dare i permessi al software sulle Impostazioni. Nello specifico si dovrà andare su Impostazioni quindi in Privacy e Sicurezza e Registrazione schermo e audio di sistema. Qui basterà aggiungere l’app Elgato Camera Hub alle applicazione consentite e automaticamente il Mac riuscirà a connettersi all’Elgato Prompter.

Cos’è e come funziona il Prompter di Elgato

Per chi non conosce il funzionamento di un teleprompter, la fotocamera viene posizionata all’interno dell’involucro e riprende attraverso uno specchio a doppio senso. Lo specchio a doppio senso riflette ciò che viene visualizzato sotto di esso. I teleprompter tradizionali, come quelli acquistabili su Amazon, richiedono l’uso di un’app per smartphone o di un tablet che visualizza il testo al contrario in modo che venga poi riflesso correttamente nello specchio. L’idea alla base del teleprompter tradizionale è quella di leggere gli script guardando dritto nell’obiettivo della fotocamera.

Alcuni teleprompter con display molto spesso risultano troppo complicati da far funzionare tra software da programmare o meccanisimi da far incastrare tra di loro. Altri invece sono troppo economici in quanto a materiali utilizzati per la loro realizzazione e dunque poco durabili.

A risolvere la questione sembra averci pensato Elgato con il proprio Prompter. Sì, perché in questo caso l’utente può spingersi oltre grazie alla presenza di un monitor integrato da 1024 x 600 pixel che funge da second display quando è collegato a un PC. Non va sottovalutato quanto sia importante questo cambiamento, in quanto con il Prompter è possibile visualizzare qualsiasi testo sullo schermo, rendendo possibile la lettura degli script in qualsiasi formato (PDF, Word, siti web, ecc.). Insieme a questa funzionalità, Elgato come sempre integra il suo prodotto con un software creato ad hoc che cambia, in meglio, la fruizione di tutto il sistema.

Qui c’è Camera Hub che si abbina direttamente all’ecosistema Elgato e in particolar modo allo Steam Deck consentendo all’utente di cambiare la velocità di scorrimento, le dimensioni, il colore, il carattere e altro ancora.

Tre saranno le modalità che potremo utilizzare con il Prompter: la modalità Testo che permette di realizzare direttamente nell’interfaccia di Elgato Camera Hub un testo con un semplice Copia e Incolla. Qui si potrà scegliere lo stile e il formato dello script ma anche organizzare il testo in base a distinti capitoli e chiaramente gestire anche la velocità di scorrimento e altro. C’è poi anche la modalità Chat in cui sarà possibile connettere il proprio canale di Twitch per poi personalizzare anche le chat in modo da non perdere alcun tipo di messaggio. Chiaramente nell’app Camera Hub sarà possibile impostare ogni tipo di scena. In questo caso sarà possibile assumere il controllo della webcam Elgato , di Cam Link o anche della fotocamera dello smartphone per ottenere video il più possibile perfetti.

Aver utilizzato per qualche settimana il Prompter di Elgato ci ha permesso di lavorare in un modo completamente diverso da prima. Il motivo è presto detto perché con il Prompter collegato ad un braccio mobile come quello di Elgato, in questo caso il Wave Mic Arm, lo si può usare in ogni momento della giornata senza dover montare e smontare il setup ma solo esclusivamente collegando il cavo in dotazione al PC o Mac e avviando Camera Hub. Il fatto che il Prompter funzioni come un monitor esterno significa che è possibile posizionare qualsiasi contenuto direttamente sulla fotocamera, in modo che quando si deve registrare non si guarderà più magari di lato o verso il monitor ma piuttosto direttamente nell’obiettivo della fotocamera. Usare il Prompter di Elgato sembra quasi aggiungere intimità alla conversazione soprattutto per il fatto che tramite il software di Elgato è addirittura possibile aggiungere la chat di una sessione di streaming e dunque leggere i commenti live senza distogliere lo sguardo dalla camera.

Quello che ci è piaciuto particolarmente di questo Elgato Prompter è il fatto di essere realmente un monitor esterno e dunque, collegato, permette di visualizzare direttamente sul Prompter, ad esempio, i vari componenti di una riunione virtuale di gruppo multi-persona e di poter leggere magari un discorso seguendo una pagina su PC o Mac senza distogliere lo sguardo dalla camera. Un’altra funzionalità che si è particolarmente distinta è la possibilità di utilizzare il Prompter come mirino per la fotocamera. Semplicemente aprendo OBS e inviando l’anteprima direttamente sul display del Prompter, è possibile vedere come apparirà la fotocamera mentre viene configurato. Questo rende la regolazione dell’illuminazione della stanza molto più semplice e l’intero processo di impostazione per la registrazione molto più fluido. Sebbene questa funzionalità possa sembrare di poco conto, non va sottovalutata, in quanto molti creator acquistano un display aggiuntivo solo per monitorare l’angolo della loro fotocamera. Il Prompter ha risolto questo problema.

Elgato non si è dimenticata degli streamer. Ecco che il Prompter dispone di una funzione nativa per la chat di Twitch che trasforma il display in un chatbot di Twitch appositamente progettato. Gli utenti possono utilizzarlo effettuando l’accesso a Twitch attraverso il Prompter. È una funzione che verrà sicuramente amata dagli streamer in quanto potranno ora posizionare la “chat” direttamente davanti alla loro fotocamera, guardando direttamente i loro spettatori, invece di guardare di lato, come fanno la maggior parte degli streamer oggi.

Conclusioni

Elgato ha rielaborato il teleprompter, trasformando un dispositivo un tempo molto di nicchia in ciò che crediamo ora sarà utilizzato per vari motivi. L’azienda ha integrato molteplici funzionalità permettendogli di diventare un dispositivo essenziale per il workflow di un video creator o uno streamer. La natura semplice del dispositivo, abbinata al software intuitivo di Elgato che può essere mappato su un Stream Deck per un ulteriore personalizzazione e controllo da remoto, vale assolutamente i 299,99 € del prezzo. Non c’è dubbio al riguardo.

Nel complesso, Elgato a nostro parere ha fatto centro con il Prompter, in quanto il prodotto ha praticamente zero svantaggi se non quello forse di un prezzo impegnativo che però, lo abbiamo visto, viene ripagato completamente dalle sue potenzialità e dall’uso che se ne potrà fare. Siamo certi che per coloro che sapranno vedere il vero valore del Prompter, potrà divenire un acquisto scontato, e speriamo che Elgato possa integrare ulteriori funzionalità da inserire in future iterazioni. Ciò con cui Elgato ha iniziato la missione del Prompter è già molto buona. Ottimo lavoro, Elgato!

Source link

Best seller di Aprile Amazon: ecco i 7 articoli imperdibili, ottimi e super scontati

Best seller di Aprile Amazon: ecco i 7 articoli imperdibili, ottimi e super scontati

da Hardware Upgrade :

La classifica di vendite Amazon parla chiaro e dice quello che sembra ovvio: spiccano i prodotti
più scontati rispetto al normale, sebbene ci siano delle piacevoli
eccezioni (nuovi arrivi in promozione lancio, ad esempio). Spiccano su tutti i
prezzi veramente impossibili di Motorola, ma attenzione anche agli altri
articoli perché sono veri affari, finché durano. Guardiamo insieme quali sono i
prodotti più interessanti e perché.

I nuovi robot Narwal




Iniziamo proprio con una eccezione, ovvero i nuovi robot a marchio Narwal.
Due prodotti che intendono surclassare la concorrenza nella fascia alta e media
a colpi di caratteristiche tecniche mai viste prima. La potenza di aspirazione
offerta da questi nuovi arrivati non ha pari, considerando il prezzo e cosa
offrono i rivali. È il bello della concorrenza, per chi deve acquistare:
l’ultimo arrivato è ovvio che per spiccare in un mercato dominato da 2 o 3
marchi famosi, deve offrire molto di più spendendo meno. È quello che ha fatto
Narwal e il pubblico se ne è accorto.

Narwal Freo X Ultra è di fatto un top di gamma con stazione base tutto
in uno e 8.200Pa di aspirazione, mentre il modello Freo X Plus
porta nella fascia media il meglio che c’è in commercio a questo prezzo, con
7.800Pa
, valore mai neanche lontanamente raggiunto dai rivali.

Mini PC a poco più di 150€





Per utenti Prime (se non lo siete,

iscrivetevi
o guardate il prossimo mini PC). Questo mini PC ha un prezzo veramente eccezionale di soli
148,99€
e, per giunta, integra un processore
migliore del “solito” Ιntel N5105 che si trova nei mini PC di primo
prezzo: questo integra Intel “Alder Lake” N95, che raggiunge i 3,4GHz
contro i 2,9GHz dell’N5105, offrendo sempre 4 core e 4 thread. È uno dei
pochissimi,
sotto i 150€, ad offrire ben 16GB di RAM e SSD
da 512GB. Quasi ce
ne dimenticavamo: trovate installato anche Microsoft Windows 11 Pro!



Smartphone Motorola G84 5G e G54 5G




Fino a 2 anni fa era veramente eccezionale trovare smartphone di
marca
sotto i 200€ con 6GB di RAM e 128GB di memoria e si scendeva al
compromesso di una fotocamera così così. Guardando il prezzo di questi
Motorola moto G84 12GB/256GB

e G54 8GB/256GB si fa quasi fatica a
crederci, ma su Amazon girano cifre che gridano al miracolo. Non stupisce
affatto vederli fra i bestseller, visto che battono la concorrenza cinese anche
nelle specifiche! Hanno SoC molto simili e potenti, entrambi la fotocamera da
50Mpixel con stabilizzazione OIS
(quella del G84 è leggermente superiore
qualitativamente, non è la stessa). A G54 manca la fotocamera per il
grandangolo. Per altre differenze minime, vi rimandiamo alla

comparativa che abbiamo già pubblicato
Prezzi veramente pazzeschi.


Scopa elettrica da ben 45KPa Laresar





Non c’è un solo modo per pulire i pavimenti di casa. C’è chi preferisce i robot, chi i normali aspirapolvere e c’è chi si trova meglio con le
scope elettriche: il mondo è bello perché è vario. Chi preferisce la
scopa elettrica non si perda questa splendida occasione, visto che è molto ma
molto potente e costa poco rispetto alla concorrenza
. È scesa ulteriormente di prezzo,
da 170€ a 153€ e già prima non aveva rivali!
Laresar Ultra 7 è veramente potentissima, con i suoi 550W e
45.000Pa di aspirazione
. Senza fili, grande batteria, autonomia fino a 60
minuti. L’aspirapolvere Laresar Ultra 7 è stato progettato con il più recente schermo LCD smart touch screen, un’interfaccia user-friendly per monitorare la potenza di aspirazione ed eventuali allarmi di intasamento. Non mancano ovviamente accessori utili
nelle diverse situazioni di pulizia.


Portatile low cost a 219€ con CPU Intel, Full HD, 8GB di RAM e 256GB SSD







TECLAST F16 Plus, al prezzo più basso di sempre!
Sono
belli anche a livello estetico. Spigoli netti, spessore
di soli 18,6mm, peso di 1,6Kg: classe e portabilità, tutto in uno. Lo schermo
utilizzato è un 15,6″ Full HD, con risoluzione di 1920×0180 pixel, altro
parametro che riteniamo indispensabile per un PC, anche se economico.
Lasciate perdere quelli con risoluzione inferiore. 219€ sono pochissimi per la
versione in offerta, con 8GB di RAM e 256GB di SSD, che per
utilizzi ordinari bastano e avanzano.  Segnaliamoì la tastiera retroilluminata,
che integra anche il tastierino numerico. Come sui modelli del passato,
al layout nativo QWERTY internazionale si possono sovrapporre membrane in
silicone con idioma italiano
(e non solo), fornite in dotazione. A livello di porte troviamo una USB-C, due USB 3.0, mini HDMI, jack per cuffie e microfono e anche il lettore di microSD. 
Un PC molto bello, insomma, a cui non manca nulla, ora nemmeno la tastiera
illuminata e un design accattivante.


Portatile gaming HP Victus, il prezzo più basso di Amazon con Nvidia RTX 4070





Fresco di sconto, ecco un super PC sotto tutti i punti di vista,
gaming compreso
. Quando era sceso a 1.499€ abbiamo gridato al miracolo, ma oggi costa 100 euro in meno rispetto al suo precedente minimo storico. Un prezzo veramente basso, considerando i
contenuti: lo schermo è un 15,6″ Full HD 144Hz IPS, mentre il processore
è un vero e proprio mostro, Intel Core i7-13700H, forte di ben 12
core e 20 thread a 5GHz
. Recente e potentissimo. Ci sono poi 16GB di RAM
e 1TB di SSD che è almeno un Gen. 4, quindi velocissimo. Gli
appassionati di gaming, a cui il PC si rivolge, apprezzeranno anche la scheda
NVIDIA GeForce RTX 4070
che, abbinata ad uno schermo Full HD e non oltre,
permette di giocare in modo fluido con un dettaglio impensabile con schede di
rango inferiore. Un super prezzo, considerando che è un
PC tuttofare che non teme nulla
, a partire dal rendering anche
spinto.




Amazon Fire TV Stick, il modello più recente, a soli 30€





Non è la versione 4K ma è la più venduta. Ovvio, se si pensa che può far “risorgere” TV datate veramente con poco, rendendole smart e compatibili con la smart home in tutto e per tutto!
Serve solo avere una presa HDMI libera.

Source link

Iliad permette ora di personalizzare il proprio numero di telefono gratis! Ecco come fare

Iliad permette ora di personalizzare il proprio numero di telefono gratis! Ecco come fare

da Hardware Upgrade :

Iliad, l’operatore mobile low-cost che ha rivoluzionato il mercato delle telecomunicazioni in Italia, annuncia una nuova funzionalità che permette ai suoi utenti di personalizzare gratuitamente le ultime 6 cifre del proprio numero di telefono all’attivazione di una nuova SIM.

Da oggi, tutti i nuovi clienti Iliad che sottoscrivono un’offerta potranno creare un numero di cellulare davvero unico, scegliendo una combinazione di 6 cifre con un particolare significato come una data importante, un numero fortunato o semplicemente una sequenza che li rappresenta. Con questo nuovo servizio, l’operatore francese conferma il suo impegno nel garantire la massima libertà di scelta e un’esperienza personalizzata ai propri utenti.

Iliad: ecco come personalizzare il numero

La personalizzazione del numero è un processo semplice e veloce, che può essere effettuato in due modi:

  • Online: Durante la prima fase di attivazione dell’offerta sul sito iliad.it, sarà possibile scegliere di personalizzare il numero e inserire la combinazione di 6 cifre preferita tra quelle disponibili.
  • Tramite Simbox: Nei prossimi giorni, anche presso gli Iliad Store, Iliad Corner e i punti vendita autorizzati con Simbox, si potrà personalizzare il proprio numero contestualmente all’attivazione della nuova SIM.

Il numero di telefono personalizzato manterrà il prefisso predefinito (351 o 352), a cui seguirà una cifra assegnata casualmente prima delle 6 cifre scelte dall’utente. Nel caso in cui la combinazione risulti già occupata, sarà possibile richiedere un’alternativa, scegliere tra opzioni simili o procedere con l’assegnazione casuale tradizionale. La personalizzazione del numero di telefono è un servizio completamente gratuito, disponibile per tutte le nuove SIM Iliad attivate, indipendentemente dall’offerta sottoscritta.

Per maggiori informazioni sulla personalizzazione del numero e sulle offerte Iliad, è possibile visitare il sito ufficiale iliad.it o cercare il punto vendita autorizzato più vicino tramite lo Store Locator.

Iliad: tutte le offerte mobile

GIGA 180

  • Minuti Illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali fissi e mobili
  • SMS illimitati verso tutti
  • 180GB di traffico dati sotto rete 5G (dove disponibile) con Hotspot incluso
  • COSTO: 9.99€ al mese
  • DOVE ATTIVARLA: ONLINE o NEGOZIO
  • COSTO di attivazione + SIM: 9.99€

GIGA 120

  • Minuti Illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali fissi e mobili
  • SMS illimitati verso tutti
  • 120GB di traffico dati sotto rete 4G/4G+ (dove disponibile) con Hotspot incluso
  • COSTO: 7.99€ al mese
  • DOVE ATTIVARLA: ONLINE o NEGOZIO
  • COSTO di attivazione + SIM: 9.99€

VOCE

  • Minuti Illimitati di chiamate verso tutti i numeri nazionali fissi e mobili
  • SMS illimitati verso tutti
  • 40 MB di traffico dati sotto rete 4G/4G+ (dove disponibile) con Hotspot incluso
  • COSTO: 4.99€ al mese
  • DOVE ATTIVARLA: ONLINE o NEGOZIO
  • COSTO di attivazione + SIM: 9.99€

DATI 300

  • 300GB di traffico dati sotto rete 4G/4G+ (dove disponibile) con Hotspot incluso
  • COSTO: 13.99€ al mese
  • DOVE ATTIVARLA: ONLINE o NEGOZIO
  • COSTO di attivazione + SIM: 9.99€

Source link

ECOVACS DEEBOT T30 Omni: quando pulizia, design e compattezza si incontrano

ECOVACS DEEBOT T30 Omni: quando pulizia, design e compattezza si incontrano

da Hardware Upgrade :

ECOVACS è un marchio storico nel mondo dei robot aspirapolvere per gli ambienti domestici. L’azienda è stata infatti capace, negli ultimi anni, di guadagnare significative quote di mercato in questo settore, posizionando i propri modelli tra quelli caratterizzati dalle più significative innovazioni.

La famiglia DEEBOT si è recentemente espansa con la gamma T30, che comprende i modelli DEEBOT T30 Omni e DEEBOT T30 Pro Omni. Il primo, oggetto di questa recensione, si differisce dal secondo per l’assenza del sistema di pulizia dei pavimenti con mocci che effettua in automatico molteplici passaggi a seconda del livello di sporco, oltre che dalla mancanza del supporto all’assistente vocale proprietario YIKO. In DEEBOT T30 Omni ritroviamo ovviamente il sistema di lavaggio dei pavimenti con  mocci automatizzato ad alta temperatura, come il supporto agli assistenti vocali di Amazon e Google.

ECOVACS DEEBOT T30 Omni

Per questa nuova serie DEEBOT T30 ECOVACS è intervenuta a modificare in modo significativo il design esterno, tanto del robot come della base di aspirazione e lavaggio. Il primo ritorna ad una forma completamente circolare, abbandonando quella quadrata di DEEBOT X2 Omni e in questo condividendo l’aspetto esterno del modello DEEBOT T20 Omni. Il secondo ha ora uno sviluppo in verticale molto più compatto, grazie al quale il posizionamento nella nostra casa viene facilitato: i due serbatoi dell’acqua sono ora immediatamente visibili, più pratici da rimuovere e con la possibilità di vedere a colpo d’occhio il livello dell’acqua presente. Uno sviluppo in altezza così ridotto, unito al fatto che i serbatoi dell’acqua devono essere sollevati solo di 4cm per venir estratti dalla base, rende possibile l’installazione della base in spazi molto contenuti, magari nascondendo alla vista il prodotto qualora lo si voglia.

DEEBOT T30 ECOVACS implementa tutte le modalità di utilizzo e le tecnologie che ci si attende da un robot aspirapolvere di fascia alta. Il robot integra sistema di aspirazione dei pavimenti e loro lavaggio, attraverso una coppia di mocci rotanti posizionati nella parte posteriore. La navigazione è basata su un sistema LiDar, coadiuvato da diversi sensori che aiutano nella mappatura degli ambienti e nel riconoscimento di eventuali ostacoli presenti sul pavimento.

La base di ricarica provvede automaticamente allo svuotamento del serbatoio di raccolta della polvere, spostata in un sacchetto che permette di accumulare lo sporco raccolto in un periodo di tempo lungo, oltre al lavaggio dei mocci attraverso acqua scaldata sino alla temperatura di 70 gradi. La base provvede poi anche all’asciugatura automatica dei mocci al termine dell’operazione di pulizia, così che siano pronti per l’uso e soprattutto non vadano a generare odori sgradevoli.

Il sistema di navigazione del robot è basato su sensore LiDAR, posizionato nella parte superiore e sviluppato con tecnologie TrueMapping 2.0 e TrueDetect 3D 3.0. La prima esegue la mappatura della nostra abitazione nel giro di pochi minuti, con precisa identificazione della superficie di ogni stanza. Il sistema TrueDetect 3D 3.0 opera con un sistema con illuminazione 3D Structured che permette di riconoscere gli oggetti presenti sul pavimento di casa e i complementi di arredo, generandone una immagine 3D così che il robot possa evitarli pulendovi attorno in modo preciso.

La logica di funzionamento del robot in presenza di ostacoli blocca l’azione a 6cm di distanza da oggetti di piccole dimensioni, a 5cm in presenza di cavi sul pavimento e a 3cm quando si tratta di oggetti di dimensioni superiori. In presenza di scenari di navigazione complessi il sistema opera minimizzando il percorso, così da evitare che il robot possa in qualche modo restare bloccato: pensiamo ad esempio ad un tavolo con sedie, le cui gambe possono rappresentare un ostacolo difficile da superare per il robot. Ovviamente è possibile gestire ambienti a più piani, attraverso la configurazione di mappe specifiche per ciascuno.

Lava i pavimenti con i mocci, che si puliscono da soli

Osservando la parte inferiore del robot si evidenziano la lunga spazzola laterale che aiuta alla rimozione dello sporco a ridosso delle pareti e negli angoli, la spazzola centrale di aspirazione dello sporco e i due mocci rotanti per la pulizia dei pavimenti. Questi si possono sollevare di 9mm nel momento in cui il robot dovesse passare una zona, come quella dove sono presenti tappeti, nella quale è bene che i mocci non tocchino terra. All’interno del robot è presente un piccolo serbatoio da 55ml per l’acqua di pulizia, grazie al quale i mocci vengono inumiditi durante l’utilizzo garantendo in questo modo un’azione efficace durante il lavaggio del pavimento.

I mocci non possono venir rimossi dalla struttura del robot: la parte morbida è fissata con del velcro alla parte rigida in plastica, qualora li si voglia rimuovere per lavarli a mano. Notiamo come il moccio di destra sia basculante verso l’estero, così da meglio intervenire nella pulizia dei pavimenti a ridosso delle pareti o in presenza di angoli, oppure quando sono presenti oggetti che ostacolano la pulizia come le gambe di un tavolo o delle sedie. Questa funzionalità deve essere abilitata da APP ma opera in modo automatico, gestendo l’ampiezza dell’estensione all’esterno a seconda di dove il robot stia operando lungo la superficie di casa.

Il sistema di lavaggio dei mocci integrato nella base di ricarica utilizza l’acqua contenuta nel serbatoio frontale: viene portata ad una temperatura di 70 gradi centigradi, così da poter pulire al meglio i mocci sia durante le operazioni di pulizia dei pavimenti sia al termine. Completato il lavaggio finale i mocci vengono asciugati con un getto di aria calda sempre a 70 gradi, indispensabile per fare in mood che si asciughino completamente e in questo modo non generino odori sgradevoli.

Lo sporco raccolto dal robot durante l’operazione di pulizia viene veicolato nel sacchetto integrato nella base di ricarica, in grado di accumulare lo sporco raccolto in un periodo di diverse settimane schedulando pulizie giornaliere della nostra casa. Come già visto in altri prodotti simili, questo serbatoio di raccolta permette di ridurre di molto gli interventi di manutenzione del robot.

  

Il sistema di aspirazione della polvere è basato su un motore che raggiunge una potenza di picco di 11.000 Pa, con intensità ovviamente regolabile sia da APP sia lasciando che sia il robot automaticamente ad aggiustare la potenza di aspirazione a seconda del livello di sporco e del tipo di superficie. La polvere è raccolta nella vaschetta integrata, alla quale si può facilmente accedere per effettuare la periodica manutenzione dalla part superiore del robot.

La spazzola inferiore ha una struttura che ECOVACS definisce ZeroTangle: ha un design a V con una parte morbida antistatica che aiuta nella raccolta della polvere e dei detriti, abbinata ad una struttura a pettine di tipo rigido che impedisce che la polvere possa in qualche modo fissarsi alla spazzola ma venga efficacemente aspirata all’interno del serbatoio.

Dall’APP si comanda tutto

L’APP ECOVACS permette di gestire e configurare in modo molto dettagliato tutti i parametri di funzionamento di DEEBOT T30 Omni, in modo speculare a quanto avveniva del resto con i precedenti modelli dell’azienda. Si parte dalla possibilità di eseguire una pulizia completa di tutta la casa, oppure di indicare nello specifico uno o più stanze che vogliamo vengano trattate. L’azione può essere di aspirazione o lavaggio, oppure una combinazione contemporanea o in sequenza di queste due.

Per ogni azione di pulizia possiamo configurare la potenza di aspirazione, il quantitativo di acqua utilizzato, il numero di passaggi e la velocità della pulizia. Questi parametri possono essere eventualmente configurati anche per ogni singolo ambiente di casa, ad esempio predisponendo una aspirazione più potente in una stanza specifica e una operazione di lavaggio con più acqua per altra.

Anche il funzionamento della stazione di ricarica può essere personalizzato, ad esempio indicando dopo quanto tempo durante un’operazione di lavaggio dei pavimenti sia necessario che il robot ritorni alla base per lavare i mocci. In generale la flessibilità di configurazione via APP di Debot T30 Omni è massima ed è molto facile impostare i differenti parametri secondo le nostre personali preferenze e le necessità specifiche della nostra casa.

Completo e preciso nel funzionamento

Avviata l’operazione di aspirazione della polvere, DEEBOT T30 Omni si muove lungo la stanza eseguendo prima una pulizia di tutto il perimetro esterno dell’ambiente e spostandosi poi a lavorare sulla superficie interna seguendo linee parallele. Un pattern identico viene seguito anche durante le operazioni di lavaggio dei pavimenti con i mocci. La risultante è una copertura molto precisa di tutto il pavimento, con un intervento efficace anche in prossimità degli angoli e dei mobili grazie ad un passaggio molto vicino alle pareti e all’azione della lunga spazzola laterale

Nel confronto con altri modelli di fascia più alta a DEEBOT T30 Omni si può rimproverare l’assenza di un serbatoio dedicato per il liquido detergente. Se lo si vuole utilizzare questo deve essere inserito direttamente nel serbatoio dell’acqua chiara, ripristinandolo ogni volta che quest’ultimo esaurisce la propria riserva di acqua. Il modello DEEBOT T30 Pro Omni si arricchisce del controllo vocale proprietario YIKO, che si affianca a quelli Google e Amazon, oltre alla pulizia profonda con mocci di tipo intelligente che ritorna automaticamente a ripassare aree con sporco maggiore sino a quando queste non siano completamente trattate. Le altre funzionalità sono invariate, con un prezzo superiore di 100€ rispetto al modello DEEBOT T30 Omni.




DEEBOT T30 Omni viene venduto ad un prezzo di listino di 899€, con una promozione in corso che lo riduce sino a 799€. In considerazione del funzionamento, delle funzionalità implementate e della sua costruzione complessiva si tratta di un listino molto concorrenziale, soprattutto pensando alle proposte concorrenti disponibili sul mercato.

Source link